Skip to main content

Tav a Firenze, sopralluogo di Giani a Belfiore, dove nascerà la nuova stazione: “Il futuro è qui”

Eugenio Giani durante il sopralluogo al cantiere dove sorgerà la nuova stazione per l’alta velocità, a Firenze (Foto Toscana Notizie)

FIRENZE – Una trasformazione ferroviaria e urbanistica destinata a cambiare il sistema della mobilità su ferro a Firenze e in Toscana. Un futuro sempre più vicino e che il presidente Eugenio Giani ben delinea durante il sopralluogo di stamani, 8 marzo 2024, in via Circondaria, dove nascerà la nuova stazione Firenze Belfiore dell’Alta velocità. Accompagnato dai tecnici di Rfi, il presidente spiega  e allarga la visione da Firenze alla Toscana.

“Il futuro che è già realtà – ha detto Giani osservando i lavori in corso e sottolineando la potenza di un’opera pubblica da 1 miliardo 200 milioni mai realizzata nell’ultimo secolo a Firenze -. Qui dal cantiere – ha spiegato- vediamo che sta prendendo forma la nuova stazione di Firenze, il passante che a 22 metri di profondità farà passare l’Alta velocità. Sotto quindi avremo la stazione Belfiore, mentre sopra, raggiungibile con l’ascensore ci  sarà la fermata Firenze Circondaria, da cui con il People mover si potrà andare a  Santa Maria Novella, ma anche prendere i treni regionali con un percorso ben separato da quello delle tratte dell’Alta velocità”.

La talpa Iris, partita da Campo di Marte, fra circa 240 giorni (per ora è avanzata quasi 600 metri e ne fa 10 al giorno) arriverà a Belfiore, dove ormai si vede bene il “camerone” così i tecnici chiamano il grande scavo che dovrà accogliere i binari  e la nuova stazione. Per l’area di superficie, destinata  a diventare  un nuovo centro, anzi a spostare il baricentro della città verso nord ovest, fra il centro storico e l’area di San Donato a Novoli, il presidente Giani auspica un dibattito pubblico sull’uso: parcheggi dei bus turistici, strutture di servizio, uffici, residenze, “insomma- ha aggiunto il presidente-  si apre un dibattito e una sfida sulla quale dovremmo avere le idee chiare quando finiranno i lavori nel 2028. E’l’opera pubblica che caratterizzerà il nuovo millennio, quindi è giusto che diventi argomento dei cittadini”. Secondo anche quanto riferito da Rfi, la stazione entrerà in funzione nel 2028, a quella data si avvierà un periodo sperimentale per il passaggio dei treni.

“Il passante fiorentino dell’Av è un elemento di modernizzazione fondamentale per il collegamento di Firenze e della Toscana sulle direttrici nazionali e internazionali – ha fatto presente ancora Giani-. In 6 minuti nella tratta Roma Milano ci si ferma a Firenze e si prosegue senza passare per Santa Maria Novella, lasciando così liberi i binari per tanti treni regionali in più”. La fresa, abbiamo detto, arriverà a destinazione fra 240 giorni, attualmente è nella zona di via Masaccio, a circa 12 metri di profondità, ma si inabisserà ancora di più durante il suo tragitto.
“L’educazione al trasporto pubblico e  la cura del ferro, – ha concluso il presidente della Regione- è una nostra priorità di governo e lo facciamo anche con l’aiuto di Rfi, che con il supporto di Italferr realizza strutture sempre più moderne, e Trenitalia che le gestisce”.

Ricordiamo che esiste in via Circondaria presso il Campo base di Firenze un  punto informativo multimediale di Rete Ferroviaria Italiana per conoscere e visitare il cantiere del passante Av di Firenze, per raccontare ai cittadini i progetti e le opere del territorio, con aggiornamenti costanti sullo stato di avanzamento dei lavori
L’infopoint è aperto due volte a settimana, martedì 10.30-13.30 e giovedì 14.00-17.00, e accessibile con appuntamenti dedicati da richiedere attraverso la mail infopoint.firenze@rfi.it.

giani, stazione Belfiore, Tav


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741