Skip to main content

Firenze: le ruba il cellulare alle Cascine e chiede soldi. Lei chiama i carabinieri: arrestato

Auto dei Carabinieri

FIRENZE – Una signora di 82 anni, fiorentina, con il marito, tornata a casa dopo un giro al parco delle Cascine, si è resa conto di non avere più nella sua borsa il cellulare e, quindi, ha provato a farlo squillare. Al telefono ha risposto un uomo che, affermando di avere il telefono, ha chiesto del denaro per restituirlo, dicendo che avrebbe di lì a poco richiamato per concordare il posto dello scambio.

La signora, nel frattempo uscita nuovamente di casa, ha incontrato una pattuglia del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri. I Militari si sono organizzati per essere presenti, insieme alla donna, all’appuntamento. La signora, rassicurata dalla presenza dei carabinieri, poco dopo, nel luogo concordato, è stata avvicinata da un uomo che ha estratto dalla tasca del giubbotto il telefono poco prima trafugato, pretendendo 20 euro per restituirlo.

Bloccato a quel punto dai militari mentre metteva in tasca il denaro e si apprestava ad allontanarsi, l’uomo è stato identificato come un 26enne della Repubblica Domenicana, senza fissa dimora e noto alle forze dell’ordine. Inoltre, lo stesso e’ stato trovato in possesso di vari arnesi per lo scasso (tra cui un disturbatore elettronico in grado di impedire il funzionamento delle chiusure centralizzate delle maccchine) e di uno zaino pieno di prodotti che emergevano essere stati rubati nelle ore precedenti su due autovetture parcheggiate nelle vicinanze.

Il 26enne è stato arrestato con l’accusa di ricettazione, estorsione e porto abusivo di armi/oggetti atti ad offendere ed è stato messo a disposizione della Procura della Repubblica di Firenze.

carabinieri, cascine, cellulare


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741