Skip to main content

Fiorentina domina ma vince solo 1-0. Eurogol di Mandragora. A Bergamo sarà durissima. Pagelle

Rolando Mandragora esulta con i compagni dopo aver segnato la rete dell’1-0 contro l’Atalanta (foto ACF Fiorentina)

FIRENZE – Sale alla ribalta Rolando Mandragora, al 31′ del primo tempo, con una sventola da una trentina di metri che sbatte sul palo e supera Carnesecchi. E’ con questo gol che la Fiorentina cercherà di strappare la qualificazione per la finale di Coppa Italia, in casa Atalanta, il 24 aprile 2024. Peccato perchè per qualità e quantità di gioco, la Viola avrebbe meritato di metterne dentro almeno tre. Clamoroso, al 24′ della ripresa, il gol sbagliato da Ranieri. Sarebbe bastato spingerlo dentro. E avrebbe cambiato, quella favcile segnatura non realizzata, lo scenario della partita di ritorno. Che l’Atalanta affronterà sotto di un solo gol grazie anche agli strepitosi interventi di Carnesecchi. Ha preso tutto, il portierino nerazzurro. Bravo lui, ma anche incapaci di buttarla dentro gli attaccanti viola: a cominciare da Belotti, generoso ma inconcludente, per continuare con Kuamè, Beltran e il virtuoso Nico Gonzalez, protagonista di discese entusiasmanti, ma per nulla ispirato davanti alla porta.

ITALIANO – Detto tutto questo, devo rimarcare un cambio di passo, da parte della Fiorentina, ridspèetto alla patetica partita vcon il Milan. I motivi sono soprattutto due. Prima di tutto il ritorno di un eccellente Bonaventura, pronto su tutti i palloni e generosissimo nell’aiutare i compagni. Poi la scelta di italiano di puntare, finalmente, su due terzini efficaci: Kayode e Parisi sono apparsi tutt’altro rispetto a un Dodò ancora fuori forma e a Biraghi. Ha ricevuto una spinta decisiva la Fiorentina, stasera, proprio dai suoi esterni difensivi, pronti ad avventarsi su ogni pallone, ridimensionando Lookman, Miranchuk e perfino un Koopmeiners lontano dalle sue serate migliori. Sarà sufficiente l’1-0 propiziato dal gran gol di Mandreagora per accedere alla finale dell’Olimpico? La Fiorentina deve crederci. Così come dovrà comunque provarci domenica, a Torino, nella tana della Juve. Sappiamo, comunque, che quando Italiano non sbaglia le scelte la squadra vince. E’ un dato di fatto.

BARONE – Canta l’inno della Fiorentina, l’eterno Narciso Parigi. Intanto Luca Percassi posa un cuscino di fiori sulla poltrona che era di Joe Barone. Italiano schiera la difesa viola, Italiano, con Kayode a destra e Parisi a sinistra. Nel mezzo, con Milenkovic, torna Ranieri. Ragionevole. Bonvanetura in mezzo. Belytran dietro a Belotti. Gasperini, squalificato e quindi seduto in tribuna, risponde con un’Atalanta compatta: Koopmeiners dietro alle punte, Miranchuk e Lookman.

GASPERINI – Pronti via e dalla Fiesole piovono cori contro Gasperini. Che, come detto, non è in campo ma in tribuna. Il settore ospiti (nutrito nonostante l’annunciato forfait dei tifosi bergamaschi) risponde offendendo le origini di Rocco Commisso.

ANTOGNONI – Di colpo i cori cambiano. Compare lo striscione: “Tanti auguri unico 10”, dedicato ai settant’anni di Giancarlo Antognoni, compiouti due giorni fa, primo aprile 2024. E tutto il Franchi applaude. Indifferente, a quanto pare, solo la dirigenza viola.

ARBITRO – E la partita? Non è successo quasi nulla nel primo quarto d’ora: passaggi orizzontali, qualche tentativo della Fiorentina, ma zero tiri in porta. Al 15′ punizione di Mandragora: palla che sbuca all’improvviso e Carnesecchi si deve impegnare per respingere. Mariani, però, fischia fallo in attacco. Al 22′ Carnesecchi deve risolvere una situazione confusa deviando in angolo. La Fiorentina stringe d’assedio l’area nerazzurra.

KAYODE – Batti e ribatti in area. Ci prova Nico, poi Beltran e quindi Bonaventura. Tutti murati, l’Atalanta si salva alla meglio. Al 24′ cross velenoso di Gonzalez, Belotti non ci arriva, però Carnesecchi deve distendersi per deviare. Brivido viola al 25′: Kayode perde il pallone sulla pressione di Lookman, Koopmeiners va al tiro e Mandragora è bravissimo a fare scudo per salvare la porta.

MANDRAGORA – Al 28′ ammonito Miranchuk. La Fiorentina attacca ma non segna. Come si fa, mi chiedo, a premere così tanto senza far gol? Scrivo la domanda e la risposta arriva fulminea: attraverso una legnata di Mandragora. E’ il 31′: sinistro da trenta metri, pallone che sbatte sul palo e ed entra in rete. Eurogol! No, roba da mondovisione. Bravo Rolando. Del resto, se non arriva il gol manovrato meglio provarci con la botta improvvisa e devastante. Che suggella un dominio netto e direi incontrastato della Fiorentina.

GONZALEZ – Poco dopo, Belotti ci prova due volte. Interviene Carnesecchi. Occasionissima per la Fiorentina al 42′: gran recupero alto di Kouame, Gonzalez punta l’area, supera un avversario e calcia a giro. Palla di poco larga. Un minuto di recupero. Quindi finisce un bel primo tempo della Fiorentina. Atalanta praticamente non pervenuta.

TERRACCIANO – In avvio di ripresa, Gasperini ordina due cambi: dentro Ederson e Scamacca, fuori Pasalic e Mirachuk. Atalanta più grintosa. Al 3′ primo vero tiro in porta dell’Atalanta: sugli sviluppi di un angolo, Hien prova la deviazione volante. Bell’intervento di Terracciano. La Fiorentina reagisce: al 10′ angolo di Bonaventura, Milenkovic è anticipato prima che arrivi a colpire di testa. Un minuto dopo giallo per Mandragora accusato di aver steso Holm.

KOUAME’ – Al 12′ ottimo spunto della Fiorentina: cross di Ranieri, colpo di testa di Gonzalez e grandissima parata di Carnesecchi. Scintille fra Kouamè e Holm: l’attaccante è furioso. Al 15′ esce Ruggeri ed entra Bakker. Al 18′ nuova incredibile parata di Carnesecchi su diagonale di Gonzalez. Il portiere tiene l’Atalanta in partita.

RANIERI – Al 22′ Lookman manda Bakker sull’esterno, che calcia di prima intenzione: diagonale che termina di pochissimo sul fondo. Ancora Fiorentina: al 23′ tiro a botta sicura di Belotti, deviato sul fondo. Un minuto dopo è protagonista ancora il “Gallo”: calcio d’angolo, Belotti colpisce di testa e mette Ranieri nella condizione di spingere un pallone in rete da zero metri. Palla sul fondo. Incredibile.

IKONE’ – Italiano toglie Beltran per Arthur: chiede più ordine a metà campo anche se rinuncia ad avere più spinta davanti. Nell’Atalanta fuori Lookman e in campo Tourè. Ammonito De Roon per proteste. Poi si alza il giallo per Kouamè: gomitata al volto di Hien, certamente non volontaria. Italiano ne prova un’altra: fa uscire Belotti, volenteroso ma incapace di far breccia, per inserire Ikonè (premiato prima del match per le 100 partite in viola) e spostare Kouamè al centro. L’Atalanta replica togliendo Holm per Hateboer.

Bruttissimo intervento (45′) di Scamacca sulla caviglia di Milenkovic. Giusto il giallo per l’attaccante. Milenkovic zoppica ma riprende a giocare. Cinque i minuti di recupero.

TABELLINO E PAGELLE

FIORENTINA (4-2-3-1): Terracciano 6; Kayode 6,5, Milenkovic 6, Ranieri 6, Parisi 6,5; Mandragora 7, Bonaventura 7; Nico Gonzalez 6, Beltran 6 (nel st dal 32’ Arthur sv ), Kouamé 6; Belotti 6 (nel st dal 40’ Ikonè sv) All: Italiano 6,5

ATALANTA (3-4-1-2): Carnesecchi 7; Djimsiti 5,5, Hien 6, Kolasinac 5,5; Holm 5,5 (nel st dal 43’ Hateboer sv), De Roon 5,5, Pasalic 5,5 (nel st dal 1’Ederson 6) , Ruggeri 6 (nel st dal 15’ Bakker 5,5 ); Koopmeiners 5,5; Miranchuk 5,5 (nel st dal 1’ Scamacca 5,5), Lookman 6 (nel st dal 31’ Touré sv ). All: Gritti 5,5 (Gasperini squalificato)

Arbitro: Mariani di Aprilia 6

Ammoniti: Miranchuk, Mandragora, de Roon, Kouamé, Scamacca

Marcatori: nel pt al 31’ Mandragora

Spettatori: 21.560

Atalanta, Fiorentina, Gasperini, italiano, Mandragora


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741