Skip to main content

Bce: “Taglio dei tassi a giugno, salvo sorprese dell’ultimo momento”

BRUXELLES – Le condizioni per taglia i tassi, a giugno, da parte della Bce, ci sono. L’incognita: guerre o altri sommovimenti. In un’intervista a Le Mondo, Luis de Guindos, vicepresidente della Bce, ha infatti affermato: “Se le cose vanno nella stessa direzione delle ultime settimane, allenteremo la nostra posizione restrittiva a giugno. In assenza di sorprese è un ‘fatto compiuto'”.

La “minaccia legata alla posizione di bilancio è reale e il livello del debito è salito considerevolmente. Le misure di sostegno introdotte agli inizi della crisi energetica vanno eliminate, perché i prezzi energetici sono tornati ai livelli antecedenti”, ha detto ancora in risposta a una domanda sui deficit italiano e francese risultati ben superiori al previsto nel 2023.

“Occorre un attento processo di consolidamento di bilancio”, dice de Guindos, con la flessibilità che la riforma del Patto di stabilità consentirà nel ritorno verso l’obiettivo del 60% di rapporto debito/Pil.

Bce, giugno 2024, taglio tassi


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741