Skip to main content

Tour de France: trionfo in volata Girmay. “Dedico la vittoria ai miei genitori”. Pogacar resta in giallo

foto FB Le Tour de France

COLOMBEY LES DEUX EGLISES (FRANCIA) – Secondo successo al Tour de France per Biniam Girmay che si è imposto in volata nell’ottava tappa, la Semur-en-Auxois- Colombey-les-Deux-Eglises di 183,4 km. Il corridore eritreo del team Intermarché-Wanty ha avuto la meglio in volata su Jasper Philipsen e Arnaud De Lie. Non cambia la classifica generale con Tadej Pogacar che resta in maglia gialla con 33″ di vantaggio su Remco Evenepoel.

La tappa ondulata fino a Colombey-les-Deux-Eglises – l’ex casa e luogo di riposo di Charles De Gaulle – sembrava fatta su misura per una fuga ma invece si è ridotta ad uno sprint ridotto su una pendenza fino al traguardo. Ciò ha escluso campioni del calibro di Mark Cavendish e Dylan Groenewegen, ma si è rivelato terreno ideale per Girmay, che all’inizio di questa settimana è diventato il primo africano nero a vincere una tappa del Tour, per raddoppiare, estendendo il suo vantaggio nella classifica a punti.

Bryan Coquard ha aperto per primo il suo sprint – a circa 200 metri – ma il francese era partito troppo presto mentre Girmay si era messo sulla sua ruota. Mentre Jasper Philipsen cercava di superare i due, Girmay ha risposto ed ha avuto la forza di superare il belga.

“È incredibile vincere due volte”, ha detto l’eritreo. “Cosa posso dire? Voglio dire grazie a Dio per tutto. Penso che questa vittoria la devo dedicare a mia madre e a mio padre. Hanno creduto in me e mi danno tutto il sostegno per essere un ciclista, per diventare un professionista. Voglio solo dire grazie alla mia famiglia, sono così orgoglioso”. Girmay ha ammesso che la leggera pendenza al traguardo era il territorio perfetto per lui. “Ecco perché ho vinto!”, ha detto. “Preferisco questo tipo di sprint. Quando è veramente piatto, gli altri ragazzi – quelli più grandi e più pesanti – possono spingere di più e andare più veloci, ma questo finale per me con il mio peso è super. La squadra mi ha messo sulla ruota perfetta e mi ha dato un buon vantaggio. All’inizio non mi sentivo molto bene a causa del maltempo, ma presto mi sono sentito molto bene e avevo solo bisogno del mio miglior sprint”.

L’arrivo in volata non ha significato alcun cambiamento in testa alla classifica generale in vista della tappa di domenica su 14 sezioni di ghiaia intorno a Troyes, con Pogacar rimasto con 33 secondi di vantaggio da Remco Evenepoel, con il campione in carica Jonas Vingegaard a 75 secondi indietro. Domani la nona frazione prima del giorno di riposo, con partenza e arrivo a Troyes, per un totale di 199 chilometri.


Paulo Soares

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741