Il caso sembra risolto

Firenze, Greve in Chianti: cambierà scuola la bambina che rischia malattie per i compagni non vaccinati

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Bambini a scuola

Bambini a scuola

FIRENZE – Al fine di ridurre al massimo il rischio di contatto con focolai di infezione, la bambina cambierà scuola, dato che nella sua vecchia classe ci sono troppi bambini non vaccinati. Si è risolta così la vicenda della bimba di 6 anni di Greve in Chianti affetta da immunodeficienza, che da lunedì scorso, 25 gennaio, aveva dovuto smettere di frequentare le lezioni per evitare di contrarre malattie.

Per la piccola Lia, che è immunodepressa – e dunque ha le difese immunitarie ridotte – a causa di una malattia contratta all’età di due anni, è stata individuata una classe di bambini meno numerosa, in una scuola della zona che appartiene allo stesso istituto comprensivo ma è più piccola e dunque la espone a ridotti rischi di contagio.

«Risolveremo subito il caso» aveva affermato ieri, 28 gennaio, il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Venerdì 29 gennaio l’Ufficio scolastico regionale ha inviato un ispettore nella scuola per fare chiarezza. La soluzione è arrivata poche ore dopo. È stata una decisione «presa in accordo con l’amministrazione comunale e con la famiglia» ha tenuto a specificare la preside dell’istituto comprensivo di Greve, Antonella Zucchelli. Nella vecchia classe della bimba ci sono almeno otto bambini su 18 che non sono stati vaccinati.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.