Lo schieramento di Polizia al valico ha bloccato e respinto i manifestanti

Brennero: battaglia fra anarchici, black block e Forze dell’ordine al confine. Un poliziotto ferito, il paese devastato (video)

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa

bren3BRENNERO – Erano circa 500 tra black block ed anarchici i manifestanti giunti al Brennero per manifestare contro la chiusura del confine. Gran parte di loro giunti in treno, da varie regioni italiane, ma anche da Germania, Austria e Spagna. Un altro gruppo è giunto con le automobili. Appena i manifestanti sono usciti dalla stazione, molti di loro con volto coperto e vestiti di nero, hanno pronunciato slogan contro le forze di polizia e contro i giornalisti. Sono stati fatti esplodere anche alcuni botti. I manifestanti si sono incontrati davanti alla stazione e poi hanno cominciato a marciare verso l’Austria.

Mentre attraversavano la strada principale del paese, alcuni manifestanti si sono scagliati contro i giornalisti ed i fotografi che li riprendevano. Sono stati respinti a colpi di manganello. Black bloc e anarchici hanno cominciato ad attaccare le forze di polizia. Il corteo si e diviso in due tronconi. Il primo troncone hacercato di abbattere le transenne che le forze dell’ordine avevano allestito per evitare che i dimostranti giungessero sulla sedia ferroviaria. I manifestanti hanno lanciato bengala ed oggetti esplodenti. A questo punto la polizia ha lanciato i lacrimogeni.

bren1Un poliziotto è rimasto ferito. Alcuni cronisti sono stati colpiti dai gas lacrimogeni. Dopo un primo attacco alle forze di polizia, i manifestanti si sono dispersi nel paesino. Un gruppo ha raggiunto i binari nei pressi della stazione ferroviaria. Altri gruppi si sono dileguati nel paese. Sulla strada davanti alla stazione ci sono decine e decine di pietre lanciate dai manifestanti. Il paese di Brennero è avvolto dalla nebbia dei lacrimogeni. In alto volteggia un elicottero. La linea ferroviaria internazionale del Brennero è attualmente interrotta a causa degli scontri in corso. I treni sono fermi prima del valico italo-austriaco.

bren3Sono decine i manifestanti fermati durante gli scontri al Brennero. E’ quanto si è appreso. Le forze dell’ordine hanno raggiunto i manifestanti sull’autostrada. Un altro contingente di polizia e carabinieri, più nutrito, alla cui testa si trova un idrante della polizia, sta fronteggiando il grosso dei manifestanti, che ora si accalca sulla strada stradale. Il grosso dei manifestanti al Brennero è stato disperso. Le forze di polizia stanno lentamente ritornando verso il paesino di frontiera lungo una strada statale cosparsa dei resti della vera e propria battaglia che al valico è infuriata per ore. Grossi sassi si vedono ovunque, i carabinieri hanno sequestrato addirittura quello che sembra essere il grosso manico di un’ascia, centinaia di bengala lanciati contro i poliziotti.

I partiti politici (Sel, Rifondazione Comunista e Verdi) che avevano supportato i due precedenti cortei di protesta del 3 e 24 aprile, hanno fatto sapere che si dissociano.

AGGIORNAMENTO DELLE 21,00: La giornata si è conclusa con 5 manifestanti arrestati – tre maschi e due donne, tutti cittadini italiani – 4 feriti e 18 contusi tra le forze dell’ordine. A loro ha espresso vicinanza il ministro dell’Interno Angelino Alfano che è stato in costante collegamento con il capo della polizia Alessandro Pansa per monitorare quanto accaduto oggi al Brennero. Da parte sua il capo della Polizia ha ringraziato gli uomini delle forze dell’ordine per l’impegno e la professionalità dimostrate nel fronteggiare la situazione.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.