Cerimonia con il ministro Pinotti e il generale Del Sette

Firenze: Scuola marescialli e brigadieri dei carabinieri inaugurata da Renzi. Taglio del nastro di Martina Giangrande (fotogallery, video)

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

 

Il taglio del nastro: da sinistra il generale Del Sette, il governatore della Toscana Rossi, il ministro Pinotti, Martina Giangrande, Matteo Renzi, il sindaco di Firenze Nardella

Il taglio del nastro: da sinistra il generale Del Sette, il governatore della Toscana Rossi, il ministro Pinotti, Martina Giangrande, Matteo Renzi, il sindaco di Firenze Nardella

FIRENZE – Il taglio del nastro è avvenuto poco dopo le 11 di oggi, 24 settembre 2016. Il premier Matteo Renzi, insieme al ministro della Difesa Roberta Pinotti, ha inaugurato a Firenze la nuova sede della Scuola Marescialli e Brigadieri dei carabinieri.

photo-00000057Presenti Tullio Del Sette e il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Claudio Graziano, oltre al sindaco di Firenze Dario Nardella e alle autorità locali. Insieme al taglio del nastro è stata scoperta anche la targa in memoria di Felice Maritano, a cui la Scuola è intitolata. Con l’occasione scoperta anche una targa che ricorda Salvo D’Acquisto, a cui è stato intitolato il viale d’accesso alla caserma.

scuola-carambaIl taglio è stato effettuato da Martina Giangrande, la figlia del maresciallo Giuseppe Giangrande ferito davanti a Palazzo Chigi il 28 aprile 2013. Aprendo la cerimonia di inaugurazione, il comandante generale dell”Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette ha sostenuto  che la nuova sede della scuola è “un”opera imponente, che realizza obiettivi strategici”.  Il complesso sorge su una superficie di 260mila metri quadri alla periferia nord-ovest della città. Ospiterà dall’anno prossimo 1.300 allievi marescialli, che diventeranno 2.200 a  pieno regime.

renzicc2

E’ stato un momento denso di significati. Il passaggio definitivo dalla vecchia Scuola Carabinieri di piazza della stazione, sull’abside della basilica di Santa Maria Novella, al nuovo complesso che è costato tanti anni di lavoro, non senza intervento della magistratura con inchieste e processi. Vicina all’aeroporto di Peretola, la nuova e vastissima scuola marescialli e brigadieri, diventa un punto di riferimento fondamentale per tutta l’Arma dei carabinieri.

renzicc3RENZI – “Questo è un giorno che pensavo non potesse venire mai”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi riferendosi al lungo percorso per la realizzazione del complesso. “Nella mia precedente esperienza amministrativa – ha sottolineato – ho sempre sognato di vedere realizzata questa Scuola. Sembrava difficile che avvenisse, nonostante tutte le peripezie ci siamo riusciti e oggi è un giorno di gioia per tutti. L’obiettivo dei terroristi è quello sì di uccidere, ma in subordine di volere la nostra vita condizionata dalla paura, e quello di farci rinchiudere in casa: non diamogliela mai vinta, e tutti insieme dimostreremo che i valori di quel tricolore sono quelli dell”apertura alla cultura, al dialogo e al confronto”. E rivolto ai Carabinieri Matteo Renzi ha detto:  «Avete con senso del dovere adempiuto a richieste sulla riduzione della spesa: quella fase non può più ripetersi. E’ assolutamente cruciale che l’Arma sia presente con le stazioni ovunque. Revisionare la spesa è giusto, ma indebolire l’Arma mai».

VIDEO

Tag:, ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.