Il 75% di quelli che arrivano in Italia non sono rifugiati

Migranti: il ministro tedesco Thomas de Maizière attacca l’Italia e Alfano

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

alfdemaiz1

BERLINO – L’Italia non è stata lasciata sola a sostenere l’immigrazione. Lo sostiene il ministro degli Interni tedesco Thomas de Maizière che, parlando con Maria Latella per una puntata speciale de ‘L’Intervista’ di Sky TG24, spiega come l’onere dei rifugiati che grava sull’Italia non è tra i più alti, la Germania, la Svezia, l’Austria se ne fanno carico.

Secondo il ministro tedesco «è vero che geograficamente l’Italia presenta dei confini esterni che comportano un onere particolare. E nell’ambito della questione internazionale che riguarda i rifugiati, questo è qualcosa da cui non si può prescindere. In questo momento – ha proseguito de Maizière – arrivano fra coloro che sono diretti in Italia persone che non sono bisognose di protezione, non vulnerabili, che vengono solo perché cercano in Europa un futuro economicamente migliore. Questi non saranno ripartiti, non rientrano nell’oggetto delle decisioni. Mi preme precisare – ha detto ancora il ministro – che la ricollocazione in Europa deve riguardare persone bisognose di protezione. Quando Angelino Alfano mi dice che il 70-75 per cento di coloro che arrivano in Italia sono migranti economici, dunque non soggetti vulnerabili, dev’essere chiaro che queste persone non saranno ricollocate».

In passato un deficit nella registrazione degli immigrati di passaggio in Italia ha comportato che molti arrivassero nel nord Europa. Ora la situazione è cambiata. L’Italia registra queste persone. «Ancora adesso – ha concluso il ministro- ogni mese un migliaio di persone arrivano in Germania attraverso il confine svizzero-tedesco. Sono questioni di cui dobbiamo ancora discutere, ma se l’Italia si comporta in modo corretto, registrando gli immigrati e non esortandoli ad andare al nord, allora ha diritto a tutta la nostra solidarietà.»

Si susseguono dunque le dichiarazioni di comprensione per il nostro paese, ma ancora una volta un esponente importante del governo di Fraü Merkel conferma che la Germania non accoglierà i migranti ammassati in Italia non per cattiva volontà, perché non ne hanno diritto. E quindi Renzi e Alfano non hanno scelta, o si decidono a rispedire tutti coloro che arrivano nel nostro paese per motivi solo economici, e non hanno quindi diritto all’asilo, o finiremo sommersi da questo popolo di africani in cerca di fortuna in Europa, ma in realtà a carico della sola Italia.

Tag:, , , , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Commenti (1)

  • Pierluigi

    |

    Seguitiamo pure su questo ritmo: non mancheranno le belle sorprese………….

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.