Dal 20 febbraio mostra a Los Angeles

Cappelli toscani alla conquista dell’America

Julia Roberts in Pretty Woman con un cappellio Memar
Julia Roberts in Pretty Woman con un cappellio Memar
Julia Roberts in Pretty Woman con un cappellio Memar

FIRENZE – Alla Notte degli Oscar, martedì prossimo a Hollywood, ci sarà nuovamente un po’ di Toscana a far bella mostra di sé. Dal prossimo 20 febbraio fino all’8 marzo le sale dell’Istituto di Cultura Italiana di Los Angeles ospiteranno un’installazione di molte centinaia di cappelli di paglia che saranno personalizzati “dal vivo” da esperte modiste a seconda dei gusti del pubblico, la proiezione di Hats on Film, pellicola realizzata con il montaggio serrato di momenti celebri della storia del cinema in cui il cappello è il “protagonista”, curato dalla Film Commission della Regione Toscana; infine una mostra fotografica sulle lavorazioni e sui cappelli d’epoca con immagini storiche selezionate in collaborazione con la Galleria del Costume di Palazzo Pitti.

La mostra rientra nelle manifestazioni ufficiali dell’“Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti: 2013” promosse dal Ministero degli Affari Esteri, unico progetto sull’artigianato scelto per portare Oltreoceano un’idea di manufatto ancora oggi realizzato tradizionalmente ma con grande attenzione alla contemporaneità.

Hats on Film/Il cappello nel cinema è un progetto ideato da Neri Torrigiani – in collaborazione con Giuseppe Grevi, presidente del Consorzio “Il Cappello di Firenze” Fondazione Sistema Toscana – Toscana Film Commission – nato per valorizzare e promuovere questo particolare accessorio della moda e dell’artigianato “Made in Tuscany” nel mondo, con cui si vuole celebrare il rapporto tra la tradizione italiana del fatto a mano e il cinema.

Molte aziende del Consorzio “Il Cappello di Firenze” hanno collaborato con i costumisti di alcune celebri produzioni cinematografiche internazionali e i loro cappelli hanno incorniciato gli splendidi volti di star hollywoodiane, come Julia Roberts che in Pretty Woman, la commedia romantica con Richard Gere che ha incantato gli spettatori di tutto il mondo, indossa gli eleganti cappelli in paglia di un’azienda toscana. Così come i cappelli indossati da Cher in Un tè con Mussolini di Franco Zeffirelli, e la cloche in paglia che Samantha Jones, interpretata da Kim Cattrall, sfoggia nel film di successo Sex and the City.
Infine, sono di manifattura toscana i copricapo utilizzati nell’ultimo lavoro di Giuseppe Tornatore La Migliore Offerta con Geoffrey Rush e Sylvia Hoeks.


Marco Ferri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080