Domenica al Palacongressi

Archeologia: a Firenze Alberto Angela e Valerio Massimo Manfredi

di Marco Gemelli - - Eventi

Summit di archeologi a Firenze

Summit di archeologi a Firenze

FIRENZE – Un summit di grandi archeologi, studiosi, romanzieri e divulgatori per confrontarsi con le vicende antiche dell’umanità: domenica 24 febbraio torna al Palacongressi il IX Incontro nazionale di “Archeologia Viva“, l’appuntamento biennale con i protagonisti della ricerca archeologica.

Tra i professionisti che arriveranno a Firenze ci sono Alberto Angela, Luciano Canfora, Andrea Carandini e Valerio Massimo Manfredi, che discuteranno di Amazzonia, vestigia romane, invasioni barbariche e molto altro ancora. L’evento – organizzato dall’omonima rivista edita da Giunti – renderà per un giorno Firenze la capitale dell’archeologia.

La giornata si apre con la sensazionale scoperta di migliaia di ex voto anatomici  lasciati “per grazia ricevuta” in un santuario rupestre del Lazio da pellegrini del IV sec. a.C., per passare a un momento di grande spettacolarità con immagini mai viste dal cielo dei monumenti nuragici e degli insediamenti fenici in Sardegna. Alberto Angela illustrerà l’antica Roma attraverso la lente dell’erotismo e delle abitudini sessuali all’epoca degli imperatori. Sempre di Roma, questa volta ai tempi di Romolo, parlerà l’archeologo Andrea Carandini che presenta le ultime indagini sul Palatino dov’è stato scoperto il tempio di Giove Statore.

Con il filologo Luciano Canfora si cercherà di saperne di più sulla democrazia ad Atene ieri, ma anche nella difficile situazione odierna. L’eroe degli eroi, Ulisse, sarà invece al centro dell’intervento di Valerio Massimo Manfredi che ricostruirà la leggendaria figura, protagonista del suo ultimo libro.

La “macchina del tempo” si fermerà, grazie a uno spettacolare docu-film, sulle ultime immagini dei rarissimi manoscritti di Timbuctù, dati alle fiamme dai militanti islamici. Spazio alle civiltà scomparse e ritrovate nella foresta amazzonica, ma anche alle emozionanti testimonianze dell’impero assiro nel Kurdistan iracheno, dove opera una missione italiana, e ai millesettecento anni dell’Editto di Costantino, per tornare poi alle origini dell’Europa, quando l’uomo mise piede sul continente per la prima volta. La scoperta in Puglia di una grandiosa villa romana costruita mentre l’impero era già invaso dai barbari e un omaggio agli Etruschi di Maremma chiudono la giornata.

“Il programma di quest’anno è particolarmente denso di stimoli per riflettere – precisa Piero Pruneti, direttore della rivista Archeologia Viva che organizza l’evento – e al tempo stesso attento agli aspetti della divulgazione e dello spettacolo: una dimensione che ci viene dalle stesse scoperte archeologiche e dallo studio del passato, quando vengono comunicati nel modo giusto”. Ingresso libero. Info: 055.5062303.

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.