Somiglia più al "Marchese del grillo" che al personaggio di Collodi

In attesa del Grillo parlante

In questi giorni post-elettorali, tutti sembrano pendere dalle labbra degli aventi diritto alla parola del Movimento 5 Stelle, che ha portato in Parlamento ben 162 tra deputati e senatori. E soprattutto dalle labbra del suo “leader” (non conosciamo altro termine per definirlo, ricordando il “caro leader” Kim Jong-il della Corea del Nord), i cui atteggiamenti verso gli altri “leader” sembrano ricordare il marchese del Grillo nell’indimenticabile interpretazione di Alberto Sordi quando, rivolto ai popolani, dice: “me despiace, io so’ io e voi non siete un c…”.

Il segretario del Partito Democratico ha inteso lanciare al Movimento 5 Stelle la sfida del governo del Paese, e come risposta ha raccolto la complimentosa qualifica di zombi, un morto che cammina. Della serie: “io so’ io e tu non sei un c…”.

Gianroberto Casaleggio, definito “guru” del Movimento 5 Stelle (ovviamente nelle democrazie politiche non esiste tale incarico), sembra seguire il pensiero della cosiddetta “decrescita felice”, definita su Wikipedia come “una corrente di pensiero politico, economico e sociale favorevole alla riduzione controllata, selettiva e volontaria della produzione economica e dei consumi, con l’obiettivo di stabilire relazioni di equilibrio ecologico fra l’uomo e la natura”.

Bene. Visto che l’Italia nel 2012 ha raggiunto il 10,7% come tasso di disoccupazione (+2,3% rispetto al 2011) e il 35,3% come tasso di disoccupazione giovanile (+6,2% rispetto al 2011), a noi interesserebbe capire come si fa a dare urgentemente un lavoro a questa gente: con la crescita produttiva o con la “decrescita felice”?

A noi non interessa il marchese del Grillo. Peggio: ci comincia un po’ a stufare questa litania sui rimborsi e sulle indennità dei parlamentari. Per noi la campagna elettorale è finita il lunedì 25 febbraio alle ore 15.

A noi interessa capire se quei 162 parlamentari hanno un’idea, bilancio dello Stato e regolamenti europei alla mano, come si sana una volta per tutte il pastrocchio degli esodati, al tempo stesso senza lavoro e senza pensione.

Come si fa, conti pubblici alla mano, ad arginare l’ondata impressionante delle chiusure di fabbriche e negozi per la perdurante crisi economica. Come si fa a ridurre il problema dei problemi, una disoccupazione che sta viaggiando al galoppo.

A questo Paese può interessare la saggezza del Grillo parlante, che nella novella di Collodi è “paziente e filosofo”, ma non certo la strafottenza del marchese del Grillo.

Ce ne sono già parecchi di strafottenti.

elezioni 2013, grillo


Francesco Butini

Istituto di studi politici "Renato Branzi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080