Apple e Facebook Home: si lavora al rilascio per iOS

facebook home - apple- google

Pochi giorni dopo il lancio di Facebook Home sulle periferiche Android, avvenuto esattamente il 12 aprile, Adam Mosseri, product designer di Facebook, apre clamorosamente ad una integrazione del nuovo “livello” software di Menlo Park con i dispositivi iOS di Apple.

Non si tratta di voci non verificate, come spesso avviene per notizie di questo calibro, ma di  una dichiarazione dello stesso Mosseri in una intervista a Bloomberg, la multinazionale editoriale e finanziaria con sede a New York, rilasciata poche ore fa.

Una periferica mobile su cinque nel mondo è marcata Apple, si può quindi immaginare che una operazione di questo livello  possa permettere a tutti i protagonisti del settore di incrementare ulteriormente la propria posizione di assoluto rilievo nella vita di tutti i giorni di centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo.

facebook-home2

Sviluppando Home, Menlo Park porta letteralmente in primo piano, sullo schermo dei nostri dispositivi tecnologici, tutte le nostre relazioni, i contatti, le foto e molto altro.

Sfruttare questa caratteristica potrebbe aprire la strada ad un nuovo modo di intendere la promozione di un qualsiasi oggetto o evento.

Siamo prossimi al lancio di pubblicità impresse direttamente nella schermata di “default” dei nostri dispositivi?

Per ora siamo abituati a vederla accanto alle nostre ricerche sul web oppure proposta durante la lettura di un articolo su internet o,   ancora,  evidenziata durante l’utilizzo di giochi on line, incredibilmente inerente a quello che cerchiamo davvero.

Il passo successivo potrebbe essere quello di inserirla anche nei gesti quotidiani, come quello di utilizzare il telefono per avviare una chiamata.

Sembra che tutti i presupposti siano oramai maturi, i consigli per gli acquisti sempre sotto i nostri occhi, prima di comporre il numero di casa, nel modo più naturale possibile.

Apple non poteva rimanere per nessun motivo fuori da questa prospettiva, soprattutto dopo l’accordo del social network di Zuckerberg con Google.

Ma si sa: la pubblicità è l’anima della tecnologia.

Tecnologia ed Hi-tech

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080