Skip to main content
Writer inglese in piazza della Repubblica (Foto Paola Ressa)

Vola, la Notte Bianca vola

Notte Bianca 2013 1
Piazza della Repubblica ore 23

FIRENZE – Colori, suoni, performance, proiezioni e soprattutto occhi e naso all’insù. Sì, perchè il tema della Notte Bianca di quest’anno è stato il volo e la libertà; messaggio tratto da «Il gabbiano Jonathan Livingston» di Richard Bach. Una storia semplice ma profonda. Mentre tutti i gabbiani volavano per procurarsi il cibo, il Gabbiano Jonathan volava alla ricerca della libertà. La stessa libertà per la quale molti lottano, ma soprattutto quella libertà che fa «volare senza ali» le idee, il cambiamento e il coraggio degli uomini.

Sono le 18, le strade del centro storico iniziano a riempirsi. I negozi – almeno fino a mezzanotte – lasciano il bandone alzato. Camminare senza essere travolti è quasi un’impresa. Palazzo Vecchio – come da consuetudine – segna l’inizio dell’evento più atteso della stagione e in sole 4 ore registra oltre 6mila ingressi. Ospite d’eccezione, il tecnico viola Vincenzo Montella che ha aperto le danze insieme al sindaco Renzi. Grande successo, nel salone dei Cinquecento, pure per il maestro Zubin Mehta, direttore principale del Maggio Musicale Fiorentino, che, dirigendo un ensemble di fiati, Volare tra Rinascimento e Jazz, ha dato un tributo alla città di Firenze con brani provenienti da varie tradizioni musicali,  da arie del Seicento fino allo swing.

Notte Bianca 2013 2
Piazza Signoria ore 24

Dalle 19 alle 22 la scena è occupata principalmente da spettacoli e performance per bambini, ma bisogna aspettare che scattino le 22,30 perchè sia la musica a farla da padrone. Da un lato – in piazza Duomo – si ‘viaggia’ sulle note dei Beatles, dall’altro – in piazza Signoria – a suonare sono le flying bells, installazione sonora interattiva organizzata da Felice Limosani, direttore artistico della Notte Bianca. La gioia è alle stelle. Decine di bambini, ma anche adulti, si dilettano a dondolare sulle altalene di piazza della Signoria che, non a caso, rappresentano simbolicamente il volo attraverso il gioco.

E’ quando raggiungiamo piazza della Repubblica, tuttavia, che respiriamo quella atmosfera internazionale voluta e annunciata da Limosani, grazie ai writers inglesi che su tele con bombolette spray ad acqua intrattengono i partecipanti accompagnati fino a tarda serata da dj set, i francesi Plasticiens Volants.

Un capitolo a parte va aperto sul decoro cittadino. Se qualcuno si aspettava, infatti, di vedere meno bottiglie di vetro tra le strade e lungo i marciapiedi del centro, restarà deluso. Malgrado fossero stati vietati i chioschi ambulanti per la vendita di alimenti e bevande, sotto nuova ordinanza del  prefetto Luigi Varratta, c’è stato chi – come capita d’altronde in queste occasioni  –  non ha rinunciato a più di qualche litro di birra.

Notte Bianca 2013 3
via Calzaiuoli ore 01

Quello che, però, ha più lasciato l’amaro in bocca – al di là dell’alcool – è stato l’annullamento di uno degli spettacoli in scaletta: a causa di guasti agli impianti, danneggiati in mattinata dalla pioggia, e nonostante gli sforzi da parte del direttore artistico Felice Limosani, la performance del Corpo di Ballo del Maggio Musicale Fiorentino – Maggio Danza, previsto per le 21.30 nella Loggia del Mercato, è stato cancellato. Tutto sommato, comunque, anche quest’anno la Notte Bianca, giunta alla sua quarta edizione, ha raccolto e coinvolto più di centomila persone. Quando si dice che delle tradizioni non si può fare a meno.

notte bianca


stefania ressa

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741