Misericordia e Calcio storico in campo per solidarietà

Il Calcio Storico Fiorentino in piazza Santa Croce
Il Calcio Storico Fiorentino in piazza Santa Croce
Il Calcio Storico Fiorentino in piazza Santa Croce

FIRENZE – Dopo il successo della scorsa edizione, anche quest’anno sarà abbinato al Calcio Storico il torneo di donazioni di sangue. Misericordia di Firenze, il Comune di Firenze, il Gruppo Frates e il Calcio Storico Fiorentino hanno voluto organizzare anche per quest’anno questa iniziativa.

Le persone che, fino al 16 giugno – data della seconda semifinale del torneo – doneranno sangue o plasma nei centri trasfusionali che aderiscono all’iniziativa (Azienda Osp. Univ. Meyer – Nuovo Meyer, Centro AVIS Raccolta Sangue e Plasma c/o Palagi-IOT, Az. Firenze 10 Osp. N.S. Giovanni di Dio Torregalli, Az. Firenze 10 Osp. S.M. Annunziata – Ponte a Niccheri e Az. Ospedaliero-Universitaria CAREGGI c/o Centro Imm. Medicina Trasfusionale) potranno indicare una delle quattro squadre del Calcio Storico, semplicemente compilando un’apposita scheda. Durante la grande finale di San Giovanni del 24 giugno sarà proclamato vincitore, il Quartiere che avrà ottenuto più preferenze da parte dei donatori.

Nel periodo estivo, quando molti donatori abituali sono in vacanza, la richiesta di sangue e di plasma aumenta ecco perché questa iniziativa è un importante contributo e un aiuto concreto alle tante persone che necessitano di trasfusioni.

Lo scorso hanno si sono registrate in totale 314 donazioni e a vincere con il numero maggiore di preferenze ottenute sono stati i Bianchi di Santo Spirito che hanno sorpassato di poche lunghezze gli Azzurri di Santa Croce. Un risultato frutto del lavoro di sensibilizzazione svolto, soprattutto, nell’ambiente del Calcio Storico.

Calcio storico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080