Skip to main content
Incrocio tra via Marconi e via Cairoli

Firenze, la mappa degli incroci killer

Via della Casella con marciapiedi bassissimi
Via della Casella con marciapiedi bassissimi

FIRENZE – Incroci pericolosi a Firenze? Quanti ne volete. Visuale pessima, macchine parcheggiate alla buona e divieti di sosta ignorati. Attraversare l’incrocio sulle vie Cairoli-Marconi restando illesi è solo questione di fortuna. Siamo a Campo di Marte, una zona costellata da decine di incroci pericolosi più volte segnalati da residenti e commercianti della zona. Ma il viaggio tra i crocevia “killer” non si arresta nel Quartiere 2.

Decine di automobilisti, ogni giorno, scongiurano probabili incidenti immettendosi nell’affolatissima piazza delle Cure venendo da viale Volta e dalle strade adiacenti. O, ancora, coloro che arrivando da via Ficino direzione via degli Artisti, pensano che la strada sia a senso unico e si cimentano così in manovre improbabili e pericolose.

Non va meglio neppure nel Quartiere 3. Armandoci di pazienza e buona volontà, ci dirigiamo all’incrocio tra via Castiglione e via Senese, una vera e propria trappola. Venendo dal Poggio Imperiale, alla fine di via Castiglione troviamo uno stop. Ma per avere una visuale chiara delle auto che passano e che sfrecciano da una parte all’altra – dal momento che via Senese è a doppio senso di marcia – bisogna affacciarsi oltre la linea dello stop. Diversamente non si può fare, perché a rendere le cose difficili ci si mette un enorme palazzo sulla sinistra che oscura il viavai delle auto.

Stessa storia all’incrocio tra Senese e Lensi. I residenti segnalano da tempo la pericolosità dell’attraversamento pedonale oltre alla presenza ingombrante dei cassonetti dei rifiuti che, essendo stati posizionati all’intersezione delle strade, limitano fortemente la visibilità della via e delle macchine che vengono da sinistra. «Basterebbe spostare i contenitori – commenta un abitante – e il gioco è fatto. Attraversare di qui è ogni volta un’impresa perché chi percorre via Silvani, avendo la precedenza, ha il vizio di premere troppo l’acceleratore».

Incrocio tra via Castiglione e via Senese
Incrocio tra via Castiglione e via Senese

Quartiere 4: anche in questo caso il pericolo, è il caso di dirlo, è dietro l’angolo. Venendo da via delle Magnolie – direzione mercato dell’Isolotto – e svoltando in via Torcicoda è un po’ come giocare alla roulette russa. Malgrado ci sia il semaforo a regolare la circolazione i pedoni rischiano ogni volta di essere investiti. Scampare il pericolo, è praticamente un miracolo. «Di incidenti qui ne accadono spessissimo – informano i commercianti – le auto e i motorini sfrecciano e poco ci manca che ci scappi il morto».

La situazione diventa ancora più tremenda in via della Casella, una delle stradine nei pressi del multisala Uci. E’ d’obbligo tenere occhi ben aperti perché il marciapiede è all’altezza della strada e la possibilità di essere investiti, quando le macchine curvano, è altissima. Da non sottovalutare pure tutti quegli incroci, nei pressi di piazza della Federiga, davanti ai quali si snoda il percorso della tramvia.

Com’è, infine, la situazione nel Quartiere 5? Di esempi da fare ce ne sarebbero ancora tanti ma quello più eclatante è l’incrocio tra via Benedetto Marcello e via Toselli: le precedenze non vengono rispettate e ognuno fa quel che vuole. Non resta che pregare perché qualcuno non si faccia male.

Incrocio tra via Marconi e via Cairoli
Incrocio tra via Marconi e via Cairoli

Sicurezza, viabilità


stefania ressa

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741