La banda aveva base anche in Toscana ad Arezzo

Traffico di clandestini dalla Somalia in Italia, 10 arresti

Traffico di clandestini somali, interessata anche la Toscana
Traffico di clandestini somali, interessata anche la Toscana

AREZZO – La banda aveva in Trieste il luogo di smistamento e basi in Lombardia e Toscana: tra le città dove sono state eseguiti arresti anche ad Arezzo. Un’organizzazione dedita all’immigrazione clandestina di somali, che venivano dotati di documenti falsi e di tutto il necessario per il viaggio compresi biglietti per il bus e abiti puliti una volta giunti in Italia, è stata stroncata dalla Polizia di Frontiera di Trieste, che ha arrestato 10 persone; altre 2 sono ricercate. L’operazione è stata ribattezzata «Corno d’Africa».

Ad Arezzo è stato arrestato Hasan Abdi Abdi Caafi, detto Macsaro, originario della Somalia di Mogadiscio: un trentenne regolarmente soggiornante sul suolo nazionale.

Le indagini nel luglio 2012 hanno portato al rintraccio di circa 100 clandestini. Gli arrestati sono 6 passeur, fermati in flagranza di reato, e i 4 organizzatori, bloccati stamattina in esecuzione di altrettante ordinanze di custodia cautelare, tra Trieste, Milano e Arezzo. A Milano sono state compiute perquisizioni in due appartamenti dove sono stati trovati complessivamente 24 somali, tra cui 3 bimbi, documenti falsi e denaro contante. I migranti, in piccoli gruppi accompagnati, raggiungevano la Turchia e da qui la Grecia, poi attraverso la rotta balcanica arrivavano in Slovenia e da lì valicavano a piedi il confine. Nei boschi del Carso venivano forniti di abiti puliti e biglietti di viaggio. Da Trieste partivano in treno per Firenze o Milano, oppure venivano accompagnati in auto a Milano. Per l’ultima tratta del viaggio (Grecia-Italia o altri paesi europei), ogni migrante versava all’organizzazione circa cinquemila euro.

immigrazione, Polizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080