Europa League: sorteggio fortunato per i viola

Fiorentina: si va in Portogallo, Ucraina e Romania

di Massimiliano Mugnaini - - Sport

 

Il girone della Fiorentina in Europa League

Il girone della Fiorentina in Europa League

FIRENZE. Eccole, le avversarie della Fiorentina nella prima fase di Europa League. Il gironcino a 4 (in tutto 6 partite perché ci saranno gare di andata e ritorno) è stato estratto oggi a Montecarlo al termine di una lunga cerimonia: la squadra di Montella dovrà vedersela con gli ucraini del Dnipro,  i portoghesi del Pacos de Ferreira e i romeni del Pandurii.

La Fiorentina era testa di serie (per colpa anche dell’eliminazione dell’Udinese nel preliminare) e quindi è stata anche abbastanza agevolata ma l’urna monegasca è stata comunque favorevole. L’esordio è già fissato per il 19 settembre alle 19. Il club viola giocherà nel gruppo E: la pallina dall’urna di Montecarlo l’ha estratta il nuovo difensore del Monaco, Ricardo Carvalho.

L’avversaria in teoria più forte è il Dnipropetrovsk, squadra ucraina che si trovava in seconda fascia e che al momento è al terzo posto del proprio campionato: ha eliminato il Nomme Kaliu nel play off. C’è poi il Pacos de Ferreira, formazione portoghese senza troppo blasone precipitata in Europa League dopo l’eliminazione subìta dallo Zenit di Spalletti nel preliminare di Champions.

La squadra di quarta fascia è invece praticamente sconosciuta: si tratta del Pandurii, formazione romena che in questo momento è al settimo posto del proprio torneo, gioca a Targu, ma che ha comunque eliminato nel preliminare i lusitani dello Sporting Braga andando a  vincere 2-0 ieri sera in Portogallo. Oltre a non avere nessun tipo di appeal internazionale, l’altro punto in comune tra queste tre squadre è il fatto che giocano tutte in stadi molto piccoli, al massimo 10.000 spettatori di capienza fatta eccezione per la DniproArena capace di contenerne 31.000.

Dopo il grande spavento di ieri sera, la Fiorentina ha comunque palesato di tenere moltissimo all’Europa League: oltre all’amministratore delegato, Sandro Mencucci, a Montecarlo c’era anche il patròn Andrea Della Valle. D’altra parte, senza grandi squadre nel ranking,  l’occasione è davvero di quelle ghiotte per il club viola che punta apertamente ad andare avanti nella manifestazione.

Il sogno è ovviamente quello di approdare alla finalissima della manifestazione del 14 maggio: si giocherà tra l’altro in Italia, allo Juventus Stadium di Torino che, per dirla con Ciro Ferrara, presente al sorteggio a Montecarlo, sicuramente si presenterà all’altezza e vestito a festa per l’occasione.

Il patron viola Andrea Della Valle oggi a Montecarlo

Il patron viola Andrea Della Valle oggi a Montecarlo

Queste le dichiarazioni rilasciate subito dopo il sorteggio da Andrea Della Valle che dopo il sorteggio ha parlato a lungo anche con Michel Platini: «Ci conosciamo da tempo, volevo vedere l’atmosfera della Uefa che non è male anche se un po’ diversa da quella della Champions. Se la Fiorentina andrà avanti magari verrà anche a vedere qualche partita».

«Il girone è accessibile ma l’esperienza di ieri sera ci insegnerà molto perché abbiamo veramente rischiato anche se ho l’impressione che il Grasshoper sia più forte di queste squadre non dobbiamo assolutamente sottovalutare nessuno. Abbiamo comunque tanti giocatori internazionali».

«Il nostro portiere è Neto – ha concluso Della Valle -, non ci voglio tornare sopra. Andiamo avanti con lui. Ha tantissime qualità e i suoi compagni di squadra lo aspetteremo: ha solo bisogno di un po’ di serenità. Tra l’altro è anche un po’ sfortunato. Gomez invece è un po’ arrabbiato perché non riesce ancora a segnare ma si sbloccherà e poi lui fa anche molto reparto e difende. Pradè comunque sta ancora sondando il mercato: l’ho lasciato in sede a lavorare…»

 

Tag:, , ,

Massimiliano Mugnaini

Massimiliano Mugnaini

Giornalista
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: