Carabinieri aggrediti: pena ridotta da ergastolo a vent’anni

Matteo Gorelli, l'aggressore dei carabinieri di Sorano
Matteo Gorelli, l'aggressore dei carabinieri di Sorano
Matteo Gorelli, l’aggressore dei carabinieri di Sorano

FIRENZE – La corte d’assise d’appello di Firenze ha ridotto a venti anni di reclusione la pena per Matteo Gorelli, 21 anni, che a Pasquetta del 2011, con tre amici aggredì una pattuglia di carabinieri ad un posto di blocco: uno dei due militari morì dopo un anno di coma; l’altro ha subito gravi lesioni.

In primo grado Gorelli era stato condannato all’ergastolo. Le accuse sono omicidio volontario e tentato omicidio. Gorelli era l’unico maggiorenne del gruppo di amici. L’aggressione avvenne nelle vicinanze di un rave party, a Sorano nel grossetano. Gorelli aggredì i due carabinieri che lo avevano fermato a un posto di blocco, colpendoli con un bastone di legno. L’appuntato Antonio Santarelli morì un anno dopo, il collega Domenico Marino rimase gravemente ferito.

aggressione sorano, carabinieri, matteo gorelli, processo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080