«Giuseppe Rossi è soltanto al 70%»

Fiorentina, Pradè: «Non ci poniamo limiti»

di Redazione - - Sport

Il ds viola Daniele Pradè

Il ds viola Daniele Pradè

FIRENZE – Fiorentina senza limiti. Sembra questo lo spot viola il giorno dopo la grande vittoria sulla Juventus. Il ds Daniele Pradè, ai microfoni di «Radio Anch’io Sport», non parla di scudetto ma di squadra che «deve abituarsi a non porsi limiti.  Siamo una società molto forte coesa, dove non esiste l’io ma il noi e questo è un punto di partenza. La Fiorentina non è ai livelli di Juve e Milan, abbiamo ricavi nettamente inferiori ma abbiamo una delle proprietà più forti del mondo che ci fa sentire al pari degli altri. Il motto dei Della Valle è non porsi mai limiti. Dobbiamo migliorare la mentalità vincente ma ci stiamo lavorando quotidianamente. Scudetto? Non ci poniamo limiti nel bene e nel male».

Del resto «abbiamo una panchina forte, abbiamo fuori, oltre a Gomez, anche Ilicic e  poi Mati Fernandez, Ambrosini e tanti giovani che sono nazionali come Wolski, Vecino, Rebic che volevano in tanti. Confidiamo molto nei calciatori che abbiamo, non ci sentiamo inferiori agli altri. Stiamo diventando una squadra di peso».

«L’inizio di campionato forse non è stato esaltante ma la Fiorentina fino ad oggi aveva perso solo una gara, quella con l’Inter –spiega Pradè- Ci sono momenti in cui le cose non vanno per il verso giusto, abbiamo avuto infortuni importanti, ma siamo contenti. Questa è una squadra costruita per divertire e fare bene e quando lavori nella maniera giusta i risultati arrivano». Giuseppe Rossi? «Per noi è un grande orgoglio, ci abbiamo creduto in un momento in cui non stava bene e averlo portato in Italia, a Firenze, è una grande gioia. E secondo noi non è neanche al 70% delle sue qualità fisiche, il suo spunto, la sua brillantezza ancora non ce l’ha».

«Ce la prendiamo tutta questa soddisfazione e la condividiamo con tutti i tifosi, a cui  va un encomio –dice Pradè- C’era qualche preoccupazione ma è filato tutto liscio, era il primo esame vero con lo stadio senza barriere e lo abbiamo superato alla grande. Ma ne eravamo convinti».

Pradè non esclude per il futuro nemmeno un nuovo stadio. «Siamo aperti a tutte le  soluzioni, c’è un ottimo rapporto col Comune e il sindaco Renzi, se ci sarà la legge giusta e le giuste motivazioni, la Fiorentina farà qualcosa di importante».

Tag:, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: