Carceri, aggredito un ispettore a Lucca

Il carcere di Lucca, tanti gli eventi critici
Il carcere di Lucca, tanti gli eventi critici
Il carcere di Lucca, tanti gli eventi critici

LUCCA – «Sembra non trovar pace il carcere di Lucca, sempre al centro di tensioni e  polemiche ed oggetto anche di interrogazioni in Parlamento. E continuano gli episodi critici: solo negli ultimi giorni registriamo tre nuovi eventi nel penitenziario di Lucca: una nuova violenta aggressione ad un appartenente alla polizia penitenziaria, questa volta un Ispettore, e due tentati suicidi di detenuti sventati in tempo». Lo denuncia il  Sindacato autonomo di polizia penitenziaria (Sappe), con il segretario generale Donato Capece.

«Episodi che confermano come quello di Lucca sia un carcere che naviga a vista,  con zero livelli di sicurezza per i poliziotti -prosegue Capece- Per questo abbiamo chiesto l’avvicendamento del direttore. Per questo rinnoviamo la richiesta chiedendo anche una ispezione ministeriale, che accerti tutto quello che non va in questo carcere e le conseguenti precise responsabilità».

Negli ultimi vent’anni, dal 1992 al 2012, gli agenti penitenziari hanno salvato la vita ad oltre 16.000 detenuti che hanno tentato il suicidio ed ai quasi 113mila che hanno posto in essere atti di autolesionismo, molti deturpandosi anche violentemente il proprio corpo. L’organico è sotto di 7.000 unità. La spending review e la legge di Stabilita’ hanno ridotto al lumicino le assunzioni, nonostante che l’età media dei poliziotti si aggiri sui 37 anni.

agente penitenziario, carceri, Governo, sappe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080