Skip to main content

In aumento le donne italiane ai centri anti-violenza

Tante donne italiane ai centri anti-violenza
Tante donne italiane ai centri anti-violenza

FIRENZE – Il V Rapporto sulla violenza di genere in Toscana conferma la tendenza delle precedenti edizioni: aumentano gli accessi ai centri antiviolenza sebbene resti ancora troppo alto il sommerso. In aumento il numero delle donne italiane che si rivolgono ai centri.

La ricerca, promossa dalla Regione attraverso l’Osservatorio Sociale Regionale, è stata presentata a Firenze, a pochi giorni dalle celebrazioni della giornata internazionale contro la violenza di genere che cade ogni anno il 25 novembre. Per la Regione è intervenuto l’assessore al welfare Salvatore Allocca.

«In Italia –ha spiegato Allocca– siamo l’unica Regione ad aver attivato un osservatorio sul fenomeno. E tante Regioni ci chiedono informazioni sul lavoro che stiamo facendo. In effetti in Italia manca una fonte ufficiale sul fenomeno che, a giudicare dai dati che abbiamo raccolto sul territorio, sembra voler uscire allo scoperto. Le donne insomma stanno sempre più acquistando consapevolezza del fatto di trovarsi all’interno di una situazione pericolosa e vogliono uscirne. E grazie alla rete di centri antiviolenza, consultori e pronto soccorso con Codice rosa la Toscana ha deciso di aiutarle».

Dal 2009 al 2013 si sono rivolte ai 20 Centri antiviolenza toscani 8.218 donne, un dato che è via via cresciuto: 1.725 (2009-2010), 1.860 (2010-2011), 1.983 (2011-2012), 2.424 (2012-2013). Dalla prima rilevazione (2009-2010) il numero di accessi è aumentato di circa il 42%. Tuttavia la variazione percentuale più importante (+23%) c’è stata nell’ultimo periodo (rispetto al precedente).

Le caratteristiche dell’utente medio sono piuttosto diverse tra italiane e straniere. Riguardo alle prime, hanno tra 30 e 49 anni, un titolo di studio medio-alto, un’occupazione stabile e più di 4 su 10 sono sposate; in aumento impiegate e libere professioniste. Le seconde invece hanno, per la maggior parte, sotto i 40 anni, non hanno un’occupazione stabile, quasi 6 su 10 sono sposate e il 43% convive ma non ha un reddito fisso.

L’aggressore in 6 casi su 10 è il partner, in 2 su 10 è l’ex partner. Violenza economica, psicologica e fisica sono tipi di violenza che avvengono soprattutto tra le mura domestiche, con percentuali ancora più elevate tra le utenti straniere.

La violenza sessuale è perpetrata dal partner per il 51,4% delle italiane che ne parlano e per il 68,5% delle donne straniere. Quasi un quarto delle italiane che ha dichiarato di aver subito violenza sessuale l’ha subita da un parente. Lo stalking si conferma violenza tipica dell’ex partner, anche se le donne straniere lo subiscono anche da quello attuale.

Nel 61% dei casi i bambini assistono alle violenze. Dal 2010 al 2013 quasi 6 mila ragazzi hanno visto le proprie madri vittime di un sopruso ‘consumato’ soprattutto tra le mura domestiche. Di questi, 4.322 sono minorenni.

Il sistema toscano di intervento, oltre ai 20 Centri antiviolenza, comprende anche 53 sportelli di ascolto e 10 case rifugio con 75 posti letto/nucleo (1 ogni 49 mila abitanti circa: le raccomandazioni internazionali ne richiedono almeno 1 ogni 10 mila; la media nazionale è di 1 ogni 120 mila).

botte, donne, marito, stalking, Toscana, violenza


Massimiliano Mantiloni

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741