La patrona di pompieri, artiglieri, marinai, artificieri e trasmettitori

Vigili del Fuoco e il Cardinale Betori insieme per Santa Barbara

di Sandro Addario - - Cronaca

Stampa Stampa
Il cardinale Betori stamani alla festa di Santa Barbara con i Vigili del Fuoco

FIRENZE – Un minuto di silenzio per ricordare le sette vittime cinesi dell’incendio di Prato e tutti i Caduti sul lavoro. I Vigili del Fuoco di Firenze hanno così celebrato stamani la festa della loro patrona Santa Barbara. Con loro una rappresentanza di Marinai, Artiglieri, Artificieri, Trasmettitori che «condividono» con i pompieri la stessa patrona.

IL CARDINALE – Una cerimonia che è ormai tradizione a Firenze con gli automezzi dei Vigili del Fuoco esposti al pubblico tutta la giornata presso la centrale di via La Farina (chiusa al traffico fino alle 18). Momento solenne è stata la messa celebrata dal cardinale arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori, che nella sua omelia ha ricordato l’attività dei pompieri non solo come strumento di protezione della comunità ma anche come condivisione delle situazioni di pericolo. Lo stesso concetto evangelico di «condivisione» del pane, («non moltiplicazione, nessun miracolo» ha precisato il prelato) quando gli apostoli furono chiamati a spezzarlo e distribuirlo in modo che tutti si saziassero.

LA CERIMONIA – Erano presenti le massime autorità cittadine civili e militari, guidate dal prefetto Luigi Varratta, accolte dal direttore regionale dei Vigili del Fuoco Cosimo Pulito e dal comandante provinciale di Firenze Roberto Catarsi. Presente il Gonfalone della città di Firenze con l’assessore Cristina Giachi e molti sindaci della provincia.

Una rappresentanza delle forze armate e pompieri

Una rappresentanza delle forze armate e pompieri che hanno Santa Barbara come patrona

UN ANNO DI ATTIVITÀ – Nel suo intervento quest’ultimo ha ricordato tra l’altro gli oltre 10.500 interventi di soccorso tecnico urgenti effettuati in provincia (in media 28 operazioni al giorno). Di questi poco meno di 2000 per incendi pari a circa il 18% del totale. In diminuzione del 2% rispetto al 2012, anche grazie alle più favorevoli condizioni meteo della scorsa estate. Testimonianza che il fuoco non è il principale oggetto di «attenzione» da parte dei pompieri, impegnati su molti fronti: incidenti stradali, dissesti statici, fughe, gas, allagamenti, soccorso a persona, incidenti sul lavoro, presenza di sostanze pericolose.  Sul fronte della prevenzione sono state esaminate oltre 2700 attività, tra pareri di conformità espressi su progetti, segnalazioni certificate di inizio attività e rinnovi periodici di conformità antincendio.

RICONOSCIMENTI – Al termine sono state consegnati, dal prefetto Varratta e dal comandante Catarsi, riconoscimenti ai Vigili distintisi in attività di servizio, croci di anzianità e diplomi di lodevole servizio a personale collocato a riposo nel biennio 2012-2013. Ecco i nomi

Medaglia al merito

al C.S.E. Andrea Cencetti particolarmente distinto nelle operazioni di soccorso dopo il naufragio della Costa Concordia

Encomio

al V.Q. Daniele Poggioni, intervenuto –libero dal servizio- per salvare una persona in procinto di suicidarsi

Diplomi di lodevole servizio a personale collocato a riposo nel biennio 2012-2013
  • I.A. Paolo Cenni
  • C.R.E. Stefano Basagni
  • C.R.E. Maurizio Calderoni
  • C.S.E. Fabio Caioli
  • C.S.E. Franco Carli
  • C.S.E Fabio Ceseri
  • C.S.E Andrea Franceschini
  • C.S.E Andrea Nannoni
 Croci di anzianità al personale con 15 anni di servizio
  • C.S.E. Marco Lapi
  • V.E. Andrea Bandini
  • V.E. Giuseppe Cecchin
  • V.E. Alessandro Fanfani
  • V.E. Ivan Ferraro
  • V.E. Massimo Marchi
  • V.E. Melchiorre Messana
  • V.E. Francesco Martini 
Elogio al merito sportivo
  • V.E. Samuele Viciani  (tre medaglie d’argento)
  • V.E. Andrea Melioli

per la partecipazione ai Giochi «Police and Fires Games» a Belfast nell’agosto 2013

 

Tag:, ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Giornalista

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.