Un 38enne siciliano e un 45enne di Lastra a Signa

Firenze, due stalker in manette

di Massimiliano Mantiloni - - Cronaca

L'arresto dello stalker di Firenze

L’arresto dello stalker di Firenze

FIRENZE – Due storie di stalking, di minacce quotidiane, offese, intimidazioni. Protagonisti due uomini che perseguitavano le ex compagne.

I carabinieri di Scandicci sono intervenuti in Via Manzoni a Lastra a Signa nell’abitazione di una donna di 37 anni perché, il suo ex compagno più volte querelato per atti persecutori, era davanti alla sua abitazione e suonava insistentemente il campanello. L’uomo, 45 enne, si è giustificato dicendo di voler vedere il figlio di 13 mesi, nato da una relazione sentimentale con la donna.

La donna ha raccontato che la condotta del suo ex compagno era sempre stata violenta ed offensiva. Negli ultimi giorni aveva già sporto tre denunce-querele nei suoi confronti ed era stata costretta ad abbandonare la sua abitazione a Lastra a Signa trasferendosi con il figlio piccolo dai suoi genitori. L’uomo poteva vedere il figlio minore in date prestabilite, ma creava spesso delle difficoltà causando problemi al bambino. I due ex avevano fissato un incontro in un luogo pubblico di Scandicci ma l’uomo non si era presentato, anzi aveva aggredito verbalmente la donna che lo aveva chiamato al cellulare. Poco dopo però il 45enne era andato alla casa di Lastra a Signa attaccandosi al campanello dell’abitazione. Quindi era scattata la richiesta di intervento ai carabinieri.

Spesso ubriaco, l’uomo in altre circostanze aveva percosso con calci e pugni la donna anche in presenza del figlio piccolo. L’aveva spesso minacciata di «lasciarla in una pozza di sangue». In due occasioni era stata minacciata con una pistola giocattolo ed in un altro episodio dopo averla trascinata per i capelli fuori dalla macchina, l’aveva spinta per terra costringendola a ricorrere alle cure mediche all’ospedale di Torregalli. Lo stalker è stato arrestato e trasferito nel carcere di Sollicciano.

A pochi chilometri di distanza, a Firenze, altra storia di stalking. Sono scattati gli arresti domiciliari per un 38enne siciliano che ha ripetutamente violato il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla ex fidanzata che ha perseguitato da aprile a novembre 2013. L’uomo ha vessato e importunato la donna in più circostanze, arrivando anche a pedinarla. I Carabinieri di Firenze-Oltrarno lo hanno colto in flagranza di reato dalla quale è scaturito l’aggravamento della misura cautelare.

Tag:,

Massimiliano Mantiloni

Massimiliano Mantiloni

Giornalista

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.