25 aprile nel segno della libertà e dignità della vita

La celebrazione a Firenze del 69° anniversario della Liberazione
La celebrazione a Firenze del 69° anniversario della Liberazione

Ci troviamo insieme oggi per ricordare le anime di coloro che hanno sacrificato la loro vita per il bene comune della collettività, per la giustizia e la libertà. Per il diritto di ogni cittadino, di ogni persona di vedere il valore della propria vita rispettato e apprezzato, libero da ogni intimidazione alla sua libertà, da ogni restrizione alla dignità sua e della sua famiglia, sul proprio diritto al lavoro e di confessione, del diritto di pensare ed essere creativo con la propria mente, di amare secondo il proprio sentimento, di avere diritto di mettere o non mettere figli al mondo per garantire la continuità della propria famiglia.

Valori che ancora 70 o 80 anni fa non erano chiari evidenti. Libertà e dignità per le quali le giovani e meno giovani persone che ricordiamo oggi hanno dato la loro vita, per garantirci la costruzione di una società libera e aperta, solidale e sensibile al dolore dell’altro, responsabile e decisa a garantire il lavoro e mezzi di sostegno ad ogni famiglia, ad ogni malato o handicappato.

Una società che ha ama e apprezza la vita di ogni uomo e donna, ogni bambino e anziano, che vede prova in ogni fenomeno di vita umana una manifestazione della grandezza della creazione o della stessa divinità secondo il linguaggio congegno ad ogni gruppo della società credenti o no.

Loro hanno sacrificato la loro vita per permettere a noi di custodire e rendere possibile la creazione di una tale società: giusta, solidale, piena di amore per tutto quello che ne è la vita. In onore a loro ed in ricordo di coloro periti sotto il giogo di un regime che voleva distinguere fra chi aveva diritto alla dignità e alla vita e chi invece, per una vana e brutale ideologia, non ce l’aveva, leggeremo il capitolo 1 dei Salmi, scritto in ebraico, l’antica lingua biblica con la quale il Signore parlò ai profeti, custodi antichi della dignità dell’uomo, riscoperta ancora una volta dal Rinascimento fiorentino e in italiano con la nostra bella lingua moderna:

[1]Beato l’uomo che non segue il consiglio degli empi, 
non indugia nella via dei peccatori
 e non siede in compagnia degli stolti;

[2]ma si compiace della legge del Signore,
 la sua legge medita giorno e notte.

[3]Sarà come albero piantato lungo corsi d’acqua,
 che darà frutto a suo tempo
 e le sue foglie non cadranno mai;
riusciranno tutte le sue opere.

[4]Non così, non così gli empi:
ma come pula che il vento disperde;

[5]perciò non reggeranno gli empi nel giudizio,
né i peccatori nell’assemblea dei giusti.

[6]Il Signore veglia sul cammino dei giusti, 
ma la via degli empi andrà in rovina.

 

25 aprile, liberazione


Joseph Levi

Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Firenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080