Skip to main content
I vigili del fuoco

Firenze, a fuoco tre box auto. Fiamme alimentate dalla «lana» degli alberi

I pompieri hanno spento l'incendio di sterpaglie che si era creato

FIRENZE – Due box auto distrutti dal fuoco e uno seriamente danneggiato. Due autovetture bruciate. È il bilancio di un grosso incendio scoppiato improvvisamente nel pomeriggio di oggi a Firenze. È successo poco prima delle 17 di oggi 18 maggio in un condominio di via Mariti nella zona di Ponte di Mezzo. Non ci sono persone coinvolte.

I vigili del fuoco, intervenuti con squadre dalla Centrale di via La Farina e dal distaccamento di Firenze Ovest, hanno impiegato oltre un’ora per spengere tutti i focolai e mettere in sicurezza lo stabile dalle fiamme che avrebbero potuto estendersi ai piani superiori.

Tutto sarebbe cominciato da sterpaglie che hanno preso fuoco, per cause ancora da stabilire (può essere stato anche un mozzicone di sigaretta), lungo il vicino torrente Terzolle.

Ad alimentare le fiamme sarebbero stati – a quanto viene riferito da testimoni – le lane dei «ciuffi» di semi di pioppo presenti a milioni nell’aria, specie in questo periodo primaverile. Sono il cosiddetto «pappo», una massa piumosa di circa un paio di centimetri che trasporta il seme della pianta con il vento. Messi insieme i pappi formano vere e proprie matasse volanti (anche di un metro di diametro) che a contatto con il fuoco bruciano in un attimo e soprattutto, spinte dal vento, si spostano molto rapidamente nell’aria diventando a tutti gli effetti pericolose bombe incendiarie. Non a caso i Vigili del Fuoco ne hanno trovato traccia proprio davanti ai box distrutti. Proseguono comunque gli accertamenti per chiarire la dinamica esatta dell’incendio ed accertare eventuali responsabilità.

Vigili del Fuoco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741