Skip to main content
Bruno Stegagnini

Firenze, dalla «Giornata del decorato» esempi e valori per i giovani

La cerimonia nel cortile della caserma Vannini
La cerimonia nel cortile della caserma Vannini

FIRENZE – Celebrata a Firenze la «Giornata del decorato» presso la Federazione dell’«Istituto del Nastro Azzurro» fra i decorati di medaglia al valor militare. Il saluto ai soci e alle autorità è stato dato dal presidente fiorentino generale Bruno Stegagnini, che ha sottolineato l’attualità e le finalità dell’Istituto che si propone tra l’altro – quale ente morale – di trasmettere alle giovani generazioni la memoria storica nazionale ed i valori fondanti dello Stato. La signora Anna Cecconi, presidente della federazione di Prato, ha portato il saluto dei suoi associati che si sono ritrovati insieme alla città lo scorso 24 maggio per celebrare la stessa ricorrenza.

Bruno Stegagnini
Presidente Bruno Stegagnini

La breve ma sentita cerimonia, davanti a oltre 60 persone, si è svolta nel cortile dell’ex Caserma Vannini in piazza San Pancrazio, dove hanno sede (ma non si sa ancora per quanto) le sezioni fiorentine delle Associazioni d’Arma, dello stesso Istituto del Nastro Azzurro e dell’Unuci.

Prima della deposizione di una corona alla lapide che ricorda i caduti di tutte le guerre, una messa è stata celebrata da monsignor Massimo Ammazzini, cappellano della Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri, che ha portato il saluto e la benedizione del cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze. Ricordando l’esempio, la coerenza e la fedeltà dei decorati al valor militare, il cappellano ha anche sottolineato che «l’eroismo non si improvvisa. Dio non vuole la fedeltà di un attimo, ma in ogni attimo vuole fedeltà».

Tra le autorità militari presenti il generale Gianfranco Camperi, comandante del presidio militare e dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche, il generale Alberto Mosca, comandante della Legione Carabinieri Toscana, il generale Calogero Cirneco presidente dell’Unuci. Presenti anche delegazioni delle Associazioni d’Arma: Marina, Carabinieri, Artiglieria, Alpini, Finanzieri. Molti anche i giovani ufficiali e sottufficiali dei carabinieri presenti, sicuramente i più attenti a recepire la testimonianza e l’esempio del decorato nel corso della storia.

[SAdd]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741