Firenze, trionfo al Franchi per l’Abbagnato e Maggio Danza in viola

Fair Play, Omaggio in Viola
Fair Play, Omaggio in Viola
Fair Play, Omaggio in Viola

FIRENZE: Si è respirata un’aria diversa ieri sera, sabato 7 giugno, allo stadio «Artemio Franchi», dove dalla tribuna autorità a esultare era la vocina della piccola Julia: «Mamma balla, mamma balla». In braccio al calciatore Federico Balzaretti, padre e figlia hanno atteso Eleonora Abbagnato, poco prima dell’inizio dello spettacolo «Omaggio in Viola a Firenze», dove si sono esibiti il corpo di ballo del Maggio Danza, gli allievi del Balletto di Toscana e giocatori delle giovanili viola.
Dal centrocampo, le quattro coreografie sono sbocciate in una sequenza scorrevole e dinamica, per le quali l’effetto delle luci e del contorno «viola» hanno potuto mantenere l’essenzialità delle scenografie.
SEQUENZE: L’incipit incisivo, con la sfida lanciata dalla seducente «Carmen», nella versione classico-contemporanea del coreografo Davide Bombana, ha avvolto il pubblico in quel fluido di movimenti che i danzatori hanno creato prima in due e poi in gruppo.
Gli abbracci più dolci tra le due promesse della danza fiorentina, Federica Maine e Lorenzo Terzo, hanno reso il «Prélude à l’aprés-midi d’un faune», una romantica storia d’amore, mantenendo la precisione tra anveloppè e piroette.

Poco dopo, nascosta da un manto giallo, Eleonora Abbagnato è entrata in scena nelle vesti di una «Medea» con una grande padronanza del proprio corpo. Insieme a Jean-Sébastien Coleau, l’ètoile di Parigi ha disegnato l’intera coreografia, con forza e tensione, fino alla fine e con un finale a sorpresa.

Eleonora Abbagnato
Eleonora Abbagnato dopo l’esibizione Medea

Il Direttore Esecutivo della Fiorentina, Gian Luca Baiesi, è salito sul palco per regalare a Eleonora una maglia viola, numero uno, come segno di omaggio per l’ incontro tra la danza e il calcio.

E proprio da quest’incontro ha avuto inizio la coreografia «Fair-Play», di Alessandro Bigonezzi che ha dipinto il palco di viola attraverso il gruppo di ballerini che si è «allenato» per giocare un’amichevole a ritmo di reggie, su Bob Marley.
Una miscela tra grand batman, prese e tiri di pallone – da parte dei giocatori primavera fiorentina – all’interno di una vera e propria «danza di squadra», come inno alla passione per il gioco.

artemio franchi, danza, spettacolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080