Mondiali 2014, c’è Italia-Inghilterra, diretta tv alle 24. Azzurri forse senza Buffon

Gigi Buffon indica nei quarti l'obiettivo per l'Italia in Brasile
Gigi Buffon si è infortunato nell’ultimo allenamento e forse salterà il debutto mondiale con l’Inghilterra

MANAUS  – «Chiedere a qualcuno di benedirci? Forse servirebbe» esclama Cesare Prandelli dopo l’ultimo allenamento degli azzurri nello staio di Manaud, con il manto appena colorata di verde per nascondere gli ampi strati di erba secca. Perché serve la benedizione? Dopo Mattia De Sciglio, che aspetta di guarire per tornare in gruppo con i compagni, ecco il nuovo infortunio: Buffon ha una lieve distorsione a una caviglia che ne mette in discussione la presenza contro l’Inghilterra.Cesare Prandelli conta di recuperarlo, ma non ci sono certezze e per ora è abbastanza probabile che la maglia di titolare tocchi al portiere del Paris Saint Germain, Sirigu.

Roy Hodgson, ct dell'Inghilterra
Roy Hodgson, ct dell’Inghilterra

“Dobbiamo diventare una squadra vera”, insiste il ct. Significa che l’Italia dovrà affrontare ogni problema e ogni imprevisto con spiritio di sacrificio. Per esempio, si sa che pioverà all’Arena Amazonia di Manaus, alle 18 di stasera (mezzanotte in Italia), quando gli azzurri debutteranno nel Mondiale contro l’Inghilterra. Non basta: le previsioni indicano anche 23 gradi di minima e 34 di massima, con l’89% di umidità. Ossia condizioni non ottimali per disputare una partita ad alto livello. Ma dopo le polemiche dei giorni scorsi, anche gli inglesi fanno buon viso, smorzando le critiche allo stadio, fatte in settimana,e ribadendo di sentirsi più forti dei giocatori italiani.

“Studiamo l’Italia da mesi, conosciamo i suoi punti di forza, sappiamo come fermarli”: Roy Hodgson produce iniezioni di fiducia per i suoi alla vigiliadel match contro l’Italia. Capitan Gerrard suona la carica: “Abbiamo grande rispetto per l’Italia, ha tutti grandi giocatori, ma noi siamo più forti. Abbiano grande fiducia, ci siamo preparati bene non solo nelle ultime tre settimane, ma in tutto il girone di qualificazione. Adesso siamo più squadra”.

Cesare Prandelli, ct azzurro
Cesare Prandelli, ct azzurro

Non mancano le palpitazioni, in entrambe le squadre, qui a Manaus, cuore dell’Amazzonia. Il 5-1 rifuilato dall’Olanda di Robben e Van Persie alla Spagna campione del mondo uscente ha fatto sensazione. Azzurri e britannici non vogliono fare la fine degli spagnoli. Anzi, cercano di dare il via a un ciclo. Del resto, Italia-Inghilterra è una delle partite più attese di quast’avvio del Mondiale brasiliano. Una sfida classica. Di olandese ci sarà l’arbitro Kuipers. Il bilancio vede gli azzurri in leggero vantaggio con 9 vittorie contro 8. Ma in campo la statistica non conta Rooney, Gerrard e la punta di diamante, Sturridge, sono determinati a vincere. Ma l’Italia non deve temere: Pirlo e il gioiellino Verratti a metà campo assicurano qualità. Davanti ci sarà Balotelli, che tutti ci invidiano. Il problema, o meglio l’incognita, è la difesa, che ha preso fin qui troppi gol. Senza De Sciglio, è quasi certo l’impiego di Darmian, cresciuto moltissimo anche nmella considerazione di Prandelli. In mezzo ci saranno Chiellini e Bonucci. E il portiere? Il recupero di Buffon è difficile. Ma bisogna reagire all’ennesimo colpo della sorte. Forza azzurri. Cominciare bene è fondamentale.

 

Inghilterra, Italia, Mondiali 2014


Paulo Soares

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080