L'intero Paese spera in una favola come quella del 1962

Bernard o Willian? Il Brasile sogna un altro Amarildo

di Paulo Soares - - Lente d'Ingrandimento, Sport

Bernard, possibile vice Neymar, che vorrebbe diventare il nuovo Amarildo

Bernard, possibile vice Neymar, che vorrebbe diventare il nuovo Amarildo

BELO HORIZONTE – Con la morte nel cuore per la perdita di Neymar in quello che doveva essere il suo mondiale, il Brasile sogna ora una favola come quella vissuta nel 1962 in Cile: quando s’infortunò Pelè e spuntò, come per magìa, Tavares da Silveira. Cioè Amarildo. Capace di prendere per mano la Seleçao, insieme a Garrincha, Didì e Vavà e condurla alla conquista della Coppa del mondo.

E nel giorno in cui le prime pagine raccontano la storia di Krul, portiere di riserva dell’Olanda, diventato eroe parando due rigori ai costaricani, tutti i brasiliani s’interrogano su chi potrebbe essere il nuovo Amarildo, ossia il degno sostituto, questa volta, dell’asso Neymar. E si augura l’intera nazione popolata da 200 milioni di tifosi, che come il ct di allora, Moreira, non ebbe dubbi affidandosi al ragazzo del Botafogo capace di segnare gol decisivi, anche Felipao Scolari abbia l’intuito felice. Puntando si chi? I due possibili Amarildo di oggi, Willian e Bernard, si sono presentati in conferenza stampa nel ritiro di Teresopolis, su precisa richiesta della stampa brasiliana che, come ha fatto il nostro “FirenzePost”, ha tirato fuori dagli archivi le foto di Pelè e di Amarildo di 52 anni fa, accostandole ai possibili ragazzi prodigio di oggi. I candidati a fare il vice Neymar.

 

Willian, l'altro candidato a giocare al posto di Neymar nella semifinale Brasile-Germania

Willian, l’altro candidato a giocare al posto di Neymar nella semifinale Brasile-Germania

“Non conosco bene la storia di Amarildo”  ha risposto Willian, aggiungendo di non averci pensato molto e di cercare soprattutto di concentrarsi per farsi trovare pronto se Scolari dovesse scegliere lui. Ancora: “Non sono mai partito titolare nella Seleçao e farlo in una semifinale mondiale contro la

Germania sarebbe un sogno. Rispetto a Neymar io sono più trequartista, faccio gli assist mentre lui e’ un attaccante, ma la scelta compete solo al professor Scolari”.

“Amarildo? Quello di oggi potrebbe essere chiunque”, ha risposto invece Bernard. Aggiungendo: “Vista la qualità e le possibilità di scelta che ci sono in questo gruppo. Per Neymar siamo tutti tristi e doverlo sostituire per Felipao e’ una complicazione incredibile. Ma al Minerao, dove io ho giocato (Bernard faceva parte dell’Atletico Minerio ndr), la spinta per vincere può darcela il pubblico. Inconvenienti e complicazioni fanno parte di un Mondiale, ma bisogna crederci comunque. L’anno scorso con l’Atletico proprio ‘Io ci credo’ era lo slogan nostro e della tifoseria, e siamo arrivati fino in fondo vincendo la Coppa Libertadores. Vorrei che succedesse lo stesso”.

Intanto il vero Amarildo Tavares da Silveira,  vice Pelè in Cile, eppoi campione d’Italia a Firenze, nella Fiorentina di Nello

Krul, portierone olandese inserito da Van Gaal per parare i rigori: ne ha presi due ai costaricani qualificando gli arancioni per la semifinale contro l'Argentina

Krul, portierone olandese inserito da Van Gaal per parare i rigori: ne ha presi due ai costaricani qualificando gli arancioni per la semifinale contro l’Argentina

Baglini e Bruno Pesaola, sta raccontando la favole bella del 1962. Quando lui segnò gol decisivi ma poi portò la Coppa del mondo a Pelè. Come tutto il Brasile spera che possa fare con Neymar Colui che sarà l’Amarildo di oggi.

 

Tag:, , , ,

Paulo Soares

Paulo Soares

redazione@firenzepost.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: