Skip to main content
I Carabinieri hanno arrestato un marocchino urbriaco e rapinatore

Lastra a Signa, telefonata choc : «Ho ammazzato tutti e ora mi ammazzo io»

I Carabinieri hanno arrestato un marocchino urbriaco e rapinatore

LASTRA A SIGNA (Fi) – «Ho ammazzato tutti e ora mi ammazzo io». Questa la tragica telefonata ricevuta stamani 9 agosto da una famiglia di Lastra a Signa. All’apparecchio c’era Vito Tronnolone, l’uomo 65 anni che stamani a San Fele (Potenza) ha ucciso moglie e due figli prima di suicidarsi. Poco prima di spararsi ha telefonato alle sorelle a Lastra a Signa. Queste le prime risultanze della tragedia avvenuta stamani.

Le vittime di Tronnolone, che era pensionato, sono la moglie, Maria Stella Puntillo, di 57 anni, e i due figli: Luca (32 anni), che era disabile, e Chiara, di 27. Per uccidere moglie e figli e suicidarsi Tronnolone ha usato una pistola calibro 38 regolarmente detenuta. La famiglia Tronnolone viveva a Lastra a Signa da oltre trent’anni: erano a San Fele da una ventina di giorni per trascorrervi un periodo di vacanza.

«Siamo tutti sotto choc, che devo dire di più? Stiamo partendo per la Basilicata. Chiediamo solo di essere lasciati in pace».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741