Firenze, movida: 36 minimarket multati per aver venduto alcolici dopo le 22

Movida Fiorentina
Movida Fiorentina

FIRENZE – Giro di vite alla movida molesta, soprattutto in piazza Santo Spirito con il raddoppio dei presidi. Durante questo week-end che è stato preceduto dal tavolo dell’ordine e la sicurezza pubblica ha visto salire a 36 i minimarket sanzionati per non aver rispettato l’ordinanza del sindaco sul divieto di vendere bevande alcoliche dopo le 22.

“La situazione è in miglioramento e questo conferma la direzione che stiamo seguendo per governare il fenomeno della movida – ha spiegato l’assessore allo Sviluppo economico, turismo e città metropolitana Giovanni Bettarini intervenendo in Consiglio comunale –. L’idea è quella della progressiva attuazione del Patto per la notte per cercare di cambiare le abitudini in particolare in tema di rispetto della tranquillità e del riposo. Su questo vorrei segnare il primo punto con un metodo di lavoro basato da un lato su partecipazione e condivisione, dall’altro sull’attività di rigoroso controllo che stiamo mettendo in campo”.

Il protocollo sul Patto per la notte è stato sottoscritto il 9 settembre ed è entrato in vigore il 19 dello stesso mese, con scadenza fissata al 31 ottobre.  Ai minimarket sanzionati, vanno aggiunti anche 4 esercizi commerciali sanzionati per la promozione del consumo di alcolici. “Per questi risultati – continua Bettarini – ringrazio anche la Questura, i Carabinieri e il Prefetto per l’attenzione che sta riservando alla vicenda. Il tutto va considerato però in un quadro in cui non si vuole militarizzare il territorio: i controlli possono e devono essere intensificati come stiamo facendo con le azioni interforze, ma il modello da seguire in una città come Firenze è quello della sicurezza partecipata”.

L’assessore, inoltre, nel suo intervento nel Salone de’ Duegento ha sottolineato come il patto della notte sia “uno strumento perfettibile ma ha già dato luogo a una maggiore attenzione da parte di tutte le forze dell’ordine e, negli ultimi giorni, a un miglioramento della situazione per quanto riguarda il fenomeno della movida”.

Di tutt’altro avviso, invece, Tommaso Grassi capogruppo di Firenze riparte a Sinistra con Sinistra Ecologia e Libertà, Firenze a Sinistra e Rifondazione comunista in Palazzo Vecchio che afferma “un nuovo fallimento della politica anti movida dell’amministrazione Nardella, controlli inesistenti e interventi spot non servono a risolvere la situazione”.

Al coro di critiche si unisce anche il capogruppo di Forza Italia Marco Stella “in questi anni il centrosinistra ha distrutto Firenze, facendo diventare il centro storico terra di nessuno, dove ogni uno si sente nel diritto di fare qualsiasi cosa”.

comune di firenze, forze dell'ordine, locali, movida


Rebecca Romoli

Giornalista
rebecca.romoli@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080