In occasione della Giornata mondiale del 29 ottobre

Toscana, ictus: come riconoscere i sintomi. Campagna della Regione

di Domenico Coviello - - Cronaca

L'immagine simbolo della campagna regionale di prevenzione dell'ictus

L’immagine simbolo della campagna regionale di prevenzione dell’ictus

FIRENZE – Nella lotta per le patologie invalidanti che arrivano senza preavviso il fattore tempo è determinante. Ed è questo l’aspetto su cui punta anche la campagna di prevenzione dell’ictus promossa dalla Regione Toscana (e realizzata in collaborazione con l’associazione «Alice»): grazie all’immagine di un cronometro, con al suo interno un cervello che si deteriora col passare dei minuti.

Contrariamente a quanto accade per l’infarto, non c’è nell’ictus un dolore che mette in allarme. I sintomi compaiono improvvisamente. Come riconoscerli? Lo spiegano in maniera efficace le piccole icone che compaiono su manifesti, locandine e brochure che sono state preparate: bocca storta, braccio debole, difficoltà a parlare, difficoltà nella vista. E online all’indirizzo dedicato dalla Regione.

La campagna sarà varata in occasione della Giornata mondiale per la lotta all’ictus, che si celebra il 29 ottobre, ma è stata presentata stamani 27 ottobre dall’assessore alla Salute Luigi Marroni, assieme al responsabile del reparto Stroke Unit e Neurologia di Careggi, Domenico Inzitari, al presidente di Alice Firenze onlus Alessandro Viviani e al presidente di Alice Toscana onlus Luigi Rossi.

«La strategia della Regione Toscana per la lotta all’ictus – dice l’assessore Luigi Marroni – prevede un’azione sinergica tra la campagna informativa e il modello organizzativo clinico-assistenziale di presa in carico del paziente. La Rete Ictus che stiamo istituendo in Toscana ha l’obiettivo di ridurre, fino ad annullarlo, il ritardo evitabile di presa in carico e trattamento del paziente dopo l’evento acuto».

L’ictus cerebrale è una delle malattie più frequenti e gravi in termini di mortalità ed esiti invalidanti. In Italia, i casi di ictus sono circa 200 mila l’anno, e le morti attribuibili alle malattie cerebrovascolari sono 69 mila ogni anno. Sono 930 mila l’anno le persone che ne portano le conseguenze invalidanti, e l’handicap conseguente all’ictus è causa di costi elevati per le famiglie, il sistema sanitario e la società intera.

In Toscana, i casi di ictus sono circa 10 mila l’anno. Nella nostra regione l’ictus è responsabile dell’1,8% di tutti i ricoveri ospedalieri e del 2,7% di tutte le giornate di degenza. L’ictus è il secondo Drg (Diagnosis related group) della medicina interna in Toscana e questo significa che la stragrande maggioranza di questi malati sono ricoverati in medicina interna: il 70% si ricovera in medicina interna, il 21% in neurologia, il 3% in terapia intensiva, il 2% in geriatria, il 2% in neurochirurgia. La spesa complessiva per il servizio sanitario regionale è di 110.529.000 di euro per i primi due anni dopo l’evento acuto. E di 63 milioni l’anno per i circa 2.100 sopravvissuti con disabilità moderata grave.

Tag:,

Domenico Coviello

Domenico Coviello

Giornalista

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.