Parma-Fiorentina (oggi, ore 15, diretta su Sky e Mp): Neto convocato. Ma Tatarusanu è pronto

Vincenzo Montella non si fida della partita di Catania
Dopo il gol di Torino a Mario Gomez è tornato il sorriso
Mario Gomez, molto attesa la sua prova oggi a Parma

FIRENZE. Neto è stato regolarmente convocato per Parma e domani potrebbe anche scendere in campo dal primo minuto. Vincenzo Montella non l’ha affatto escluso nella conferenza stampa di presentazione della sfida al Tardini (domani 6 gennaio, ore 15, diretta su Sky e Mediaset Premium), che segnerà il ritorno in campo della Fiorentina dopo la sosta natalizia.

NETO. Molte, le parole spese dal tecnico sul caso del giocatore che vorrebbe svincolarsi a giugno per andare alla Juve, ma piace a diverse squadre anche all’estero, su tutte il Liverpool, pronte a fare un’offerta alla Fiorentina già a gennaio. Per ora però il brasiliano è in rosa a tutti gli effetti. «Il calcio – ha detto il tecnico – non finisce mai di insegnarti qualcosa. A livello personale c’è grande amarezza. Però rimane una situazione di calcio. E’ sempre esistita e sempre esisterà. Ora valuterò il da farsi senza farmi condizionare nè dall’aspetto umano nè da quello personale».

IMPOSIZIONI. Poi l’allenatore ha continuato: «Ho parlato con il presidente Andrea Della Valle, non ci sarà alcuna imposizione. Anche lui prova grandissima amarezza, forse anche di più. Oggi ho le idee più chiare rispetto a ieri. E domani le avrò ancora di più. In ogni caso la scelta su chi schierare domani in porta non sarà definitiva. Devo valutare il male minore. Un giocatore in scadenza a me non dà fastidio in genere. Ma qui ho delle perplessità in più visto anche il ruolo che ricopre. Questo divorzio per me è stato ufficializzato troppo presto, e ha creato un disagio in più ad allenatore e squadra. Di sicuro, quella di domani, rimane una scelta difficilissima».

TATARASANU. Anche se Montella assicura di non avere dubbi sul valore di Tatarasanu, che fin qui ha giocato solo in Europa League. Ma dalla prossima di campionato – domenica prossima al Franchi contro il Palermo – dovrebbe diventare titolare. E’ un grandissimo portiere. Se non ci fosse stato lui non avrei avuto dubbi sul mandare comunque in campo Neto».

BARDI. Il condizionale, però, è d’obbligo anche per quanto concerne il futuro, perché la verità è che Vincenzo Montella vorrebbe un altro portiere, anche perché tra poco inizierà pure la Coppa Italia e la Fiorentina, almeno per qualche settimana, sarà sicuramente impegnata su tre fronti. «La cosa più semplice è aggiungere un ulteriore portiere in rosa, visto che non so quanto la tranquillità di Neto possa essere minata nei prossimi mesi». A Montella e ai dirigenti viola non piacerebbe il promettente Bardi (ex Livorno) che vuole lasciare il Chievo Verona perché non gioca titolare.

DIAMANTI. Ciò, fermo restando che il tecnico aspetta anche quel giocatore in grado di piazzare il guizzo vincente di cui aveva parlato prima di Natale. E in tal senso boccia Mutu («ci serve uno pronto subito, non domani o dopodomani» e promuove Diamanti: «Sarebbe la soluzione giusta».

PARMA. In attesa di guardare al futuro, però, la stretta attualità impone di pensare al Parma, una trasferta sulla carta agevole visto che gli emiliani sono ultimi e pieni di problemi, ma – a detta dell’allenatore – molto insidiosa. «La sosta sicuramente li ha aiutati a ricompattarsi. In alcune partite, come a Palermo, non meritavano di perdere. Il Parma vorrà mettere tutto in campo, darà il 101% per invertire questo trend difficile». Già, ma che si torni in campo è solo un bene per la Fiorentina. Su questo non ci sono dubbi.

LUTTO. Infine, una battuta su Pino Daniele, il cantautore stimato e apprezzato da  Montella, scomparso nella notte. «Sono molto dispiaciuto, tra l’altro nelle ultime settimane ho ascoltato molto la sua musica. Ho avuto modo di conoscerlo, era una persona riservato. Esprimo – ha concluso l’allenatore viola parlando da napoletano – il mio profondo cordoglio alla famiglia, nel ricordo delle tante emozioni che Pino ha saputo regalare a tutta l’Italia e soprattutto alla nostra città».

Fiorentina, Montella, Neto, Parma


Massimiliano Mugnaini

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080