Conte annuncia una formazione rivoluzionata rispetto a Sofia

Italia-Inghilterra (martedì 31 marzo, ore 20,45, diretta su RaiUno): debutta Valdifiori. In attacco Eder e Pellè

di Ernesto Giusti - - Sport

Bulgaria-Italia, l'esultanza di Eder e Conte dopo il 2-2

Bulgaria-Italia, l’esultanza di Eder e Conte dopo il 2-2

TORINO – Rassicura tutti, Antonio Conte: non ha mai pensato di mollare la Nazionale, nemmeno sabato sera, a Sofia, quando sembrava addirittura un’impresa cogliere il pareggio con la modesta Bulgaria. Così non ha nessuna difficoltà, il ct, a snocciolare la formazione che affronterà l’Inghilterra, a Torino, nella conice dello Juventus Stadiumm (inizio 20,45 diretta tv su RaiUno.)Una formazione molto diversa da quella di Sofia. Debutto ufficiale, dal primo minuto, del centrocampista dell’Empoli, Mirko Valdifiori.

Parole del ct:”Buffon in porta, i centrali saranno Ranocchia, Chiellini e Bonucci, gli esterni Florenzi e Darmian, i tre di centrocampo sono Parolo, Valdifiori e Soriano, i due d’attacco Eder e Pellè”. E ancora: “Partite come Italia-Inghilterra sono molto utili. Mi danno la possibilità di vedere tutti i calciatori e fare delle valutazioni. Le partite di qualificazione sono più ostiche. In Bulgaria abbiamo fatto bene, meritavamo molto di più. Quanto a me sarà una emozione forte tornare allo Juventus Stadium, ho dei ricordi indelebili. Ne ho talmente tanti che non ce n’è uno in particolare. Avremo tanti dalla nostra parte, ci sarà unità di intenti sotto tutti i punti di vista”.

Più gufi o tifosi nello stadio torinese? “Gioca la Nazionale, credo ci sarà unità di intenti”. Conte sembra ripercorrere lo slogan del 2006, “soli contro tutti” con il quale si vinse il Mondiale: “Stiamo cercando di costruire qualcosa di buono – continua – C’è un ricambio generazionale e quando capita bisogna avere quel minimo di pazienza per permettere agli esordienti di crescere senza essere bocciati alla prima occasione. Dobbiamo prendere coscienza che è un momento di ricambio, abbiamo bisogno di lavorare e fateci lavorare. Non c’è tantissimo tempo ma proveremo a fare il massimo per qualificarci. Il lavoro dovrebbe essere la regola, invece è una eccezione. Questo non mi fa tornare i conti”.

Conte parla anche del suo futuro: “So che non sarà facile, ma vado avanti nel mio lavoro. Mennea diceva che per raggiungere grandi sogni bisogna fare grande fatica. L’ho sentito ieri nel film in tv ed è la verità”. Dimissioni? ” Mi chiedete se per un attimo ho avuto il pensiero di dimettermi, venerdì scorso? Ne avevo tanti altri di pensieri, peggiori. Le voci sul mio futuro? Io a volte leggo e a volte non leggo”.

 

 

Tag:, ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: