I risultati del massiccio intervento diffusi da Palazzo Vecchio

Firenze: operazione Giglio Sicuro in centro. 100 mila euro di multe e 10 fra negozi e locali chiusi

Carabinieri del Nas
Nas al lavoro contro le frodi alimentari
Nas al lavoro contro le frodi alimentari

FIRENZE – Infrazioni di ogni tipo. Dalla mancanza dei prezzi sugli articoli in vendita alla pubblicità abusiva, e dalla somministrazione di alcol oltre l’orario consentito al lavoro nero e all’assenza della lista degli ingredienti dei prodotti alimentari.

Sono tutte ragioni, variegate, che hanno portato a infliggere a negozi, esercizi commerciali e locali 100 mila euro di sanzioni, nell’ambito dell’operazione Giglio sicuro 2, messa in atto congiuntamente dal Comune col Corpo di polizia municipale e dall’Arma dei Carabinieri col Nucleo antisofisticazioni e ispettorato del lavoro.

Ben 10 gli esercizi commerciali che sono stati chiusi: potranno riaprire solo quando dimostreranno di aver recepito le prescrizioni richieste dalle forze dell’ordine. L’operazione è stata presentata a Palazzo Vecchio, stamani 29 maggio, alla presenza, tra gli altri, del sindaco Dario Nardella, del comandante della Polizia municipale Marco Seniga e dal comandante del Nas di Firenze Fedele Verzola.

Giglio sicuro 2 è consistita nel controllo degli esercizi commerciali del centro storico quali mense, gelaterie, minimarket, ristoranti etnici, bar. L’operazione, già sperimentata nel 2011, ha preso il via il 23 aprile scorso e si concluderà a fine giugno.

Fra le sanzioni comminate spiccano quelle per commercio abusivo di prodotti non alimentari (5000 euro) e somministrazione abusiva (5000 euro), nonché la mancanza di prezzi sugli articoli in vendita (4000 euro). Oltre ad irregolarità amministrative e di sicurezza alimentare, tra le quali sporcizia e cattiva conservazione degli alimenti, sono stati trovati anche lavoratori al nero o lavoratori non inquadrati correttamente.

Particolarmente significativi anche i controlli contro l’abuso di alcol effettuati dalla polizia municipale dall’inizio dell’anno: sono stati sanzionati 8 esercizi commerciali per vendita di alcol ai minori, 24 minimarket per vendita di alcol dopo le 22 e 17 per vendita di alcol dopo mezzanotte, per un totale di quasi 130 mila euro.

bar, Firenze, gelaterie, minimarket, ristoranti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080