«Per aver divulgato documenti riservati» nei loro libri "Via Crucis" e "Avarizia". 5 in tutto gli imputati

Vatileaks 2, a giudizio in Vaticano i giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi. «Attacco alla libertà di stampa»

Città del Vaticano
Città del Vaticano
Città del Vaticano

CITTA’ DEL VATICANO – Decisione grave e senza precedenti nella storia della libera informazione in Italia. A Roma, a venti giorni dall’inizio del Giubileo straordinario della Misericordia voluto da Papa Francesco, dalla Città del Vaticano, formalmente uno Stato straniero, arriva la notizia di 5 rinvii a giudizio – nell’ambito dell’inchiesta Vatileaks 2 relativa al trafugamento di documenti riservati della Santa Sede -, fra cui anche i giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emilano Fittipaldi.

COSA RISCHIANO – Come è noto i due sono autori, rispettivamente, dei libri «Via Crucis» e «Avarizia», basati, secondo le accuse, sulla rivelazione di carte «rubate» dagli archivi degli organismi vaticani. I due cronisti dovranno rispondere dell’ipotesi di reato stabilita nel nuovo articolo 116 bis del codice penale vaticano: divulgazione di notizie e documenti riservati. L’articolo 116 bis, inserito nel luglio 2013 a seguito del caso Vatileaks 1, prevede la reclusione da sei mesi fino ad 8 anni qualora vengano trafugati e diffusi documenti concernenti «gli interessi fondamentali o i rapporti diplomatici della Santa Sede o dello Stato».

UDIENZA IMMEDIATA – Nell’inchiesta sulla sottrazione dei documenti sono stati arrestati in Vaticano, a fine ottobre, monsignor Lucio Vallejo Balda e la pr sua collaboratrice Francesca Immacolata Chaouquianch’essi rinviati a giudizio -, considerati i «corvi», ossia le cosiddette talpe che avrebbero contribuito alla rivelazione di segreti, soprattutto di natura economico-finanziaria, determinanti per l’uscita dei due libri dei cronisti italiani. A giudizio anche Nicola Maio, ex collaboratore della Commissione referente sulle strutture economiche e amministrative della Santa Sede (Cosea). La prima udienza del processo Vatileaks 2 è fissata per martedì prossimo 24 novembre.

«NOI ANDIAMO AVANTI» – «Non è un processo contro di me ma contro la libertà di informazione» dichiara Emiliano Fittipaldi. «Nella storia del Vaticano è la prima volta che due giornalisti stranieri vengono messi sotto inchiesta per questo articolo 116 bis – aggiunge -. Ora devo capire con i miei avvocati cosa fare, è evidente che la libertà di stampa non viene tutelata». «Potete fare quello che volete ma finché ci sarà il mondo ci saranno giornalisti a dare notizie scomode», scrive su Twitter Gianluigi Nuzzi.

 

vaticano, Vatileaks


Domenico Coviello

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080