Lamentano il blocco del processo di riforma

Musica: i conservatori della Toscana aderiscono alla protesta nazionale

La sede del Conservatorio Luigi Cherubini a Firenze
La sede del Conservatorio Luigi Cherubini a Firenze
La sede del Conservatorio Luigi Cherubini a Firenze

FIRENZE – Anche i quattro conservatori toscani aderiscono alla protesta nazionale per la situazione del sistema dell’alta formazione musicale in Italia. Il conservatorio statale ‘Luigi Cherubini’ di Firenze e i conservatori non statali, ‘Pietro Mascagni’ di Livorno, ‘Luigi Boccherini’ di Lucca e ‘Rinaldo Franci’ di Siena promuoveranno il 13 febbraio una giornata di mobilitazione con iniziative e attività musicali in ogni istituto e su tutto il territorio per coinvolgere le cittadinanze: giornata presentata stamani insieme alla vicepresidente della Regione Toscana, Monica Barni.

Gli istituti lamentano il blocco del processo di riforma del sistema avviato 16 anni fa, a cui si accompagnano carenza di risorse pubbliche e mancanza di interlocuzione con il sistema istituzionale, per “il persistere di un’assenza di progettualità politica e culturale che riguarda il sistema formativo in un contesto di una costante sottovalutazione di fatto del valore della musica nell’intero contesto culturale e sociale complessivo del paese”.

Boccherini, Conservatori, Franci, Luigi Cherubini, Mascagni, Musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080