Skip to main content

Livorno: resta in carcere l’infermiera accusata di aver ucciso 13 pazienti

Infermiera arrestata: indagini, 'bombe' di EparinaLIVORNO – Fausta Bonino, l’infermiera di Piombino accusata di aver ucciso 13 pazienti, resterà in carcere. Infatti è stato negativo il parere della procura della Repubblica sulla richiesta di scarcerazione. L’infermiera  è nella sezione femminile del penitenziario Don Bosco di Pisa.

Per la procura, secondo quanto appreso, non ci sono le condizioni per rimettere in libertà l’indagata e nemmeno per l’eventuale misura degli arresti domiciliari che, in subordine, aveva proposto l’avvocato Cesarina Barghini, difensore dell’infermiera, dopo l’interrogatorio di garanzia. In particolare la procura avrebbe ribadito i pericoli di inquinamento delle prove e di reiterazione del reato. Il gip di Livorno Antonio Pirato si era riservato sulla decisione anche perchè aspettava il parere del pm.

infermiera di Piombino, Procura di Livorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741