Firenze: debutta «La Traviata» nel cortile di Palazzo Pitti

Giuseppe Verdi
Il cortile dell'Ammannati a Palazzo Pitti, nel quale vengono allestite le opere
Il cortile dell’Ammannati a Palazzo Pitti, nel quale vengono allestite le opere per tutto luglio

FIRENZE – Debutta domenica 3 luglio nel cortile dell’Ammannati a Palazzo Pitti «La Traviata» di Giuseppe Verdi, che entra in rotazione con «Il barbiere di Siviglia» e «L’elisir d’amore» per la stagione estiva dell’Opera di Firenze.

Fino al 25 luglio sono in programma dieci repliche durante le quali si alterneranno nel ruolo di Violetta Valery i soprani Francesca Dotto e Maria Mudryak e in quello di Alfredo Germont i tenori Matteo Lippi e Francesco Marsiglia.

«La Traviata», insieme alla «Bohème» di Puccini, è forse in assoluto l’opera più popolare del repertorio italiano; è anche la più eseguita al mondo e non di rado, quando viene allestita, registra il tutto esaurito a tutte le repliche. Sarà perché, come «La Bohème», racconta una storia semplice e toccante, con personaggi più realistici rispetto alla maggior parte dei protagonisti dei melodrammi.

La storia di base era addirittura vera, come si sa. È esistita una cortigiana di nome Marie Duplessis, a suo tempo famosissima (tra le sue braccio passò anche Franz Listz), che morì di tisi a 23 anni nel 1847; il suo ex-amante e coetaneo, Alexandre Dumas figlio, ne romanzò la storia, nel 1848, ribattezzando la protagonista Marguerite Gautier, e nel 1852 dal racconto fu tratta una riduzione teatrale. Verdi la vide a Parigi e ne rimase profondamente colpito. La sua «Traviata» andò in scena al Teatro La Fenice di Venezia il 6 marzo 1853 pesantemente edulcorata dalla censura e fece fiasco. Restaurato il libretto originario di Francesco Maria Piave e trovati interpreti adeguati, nel 1854 l’opera trionfò nello stesso teatro in cui aveva fallito l’anno prima e da allora, purché i ruoli di Violetta e Alfredo siano affidati a buoni attori e il soprano disponga di una certa duttilità che la faccia passare dal registro leggero del primo atto a quello drammatico del seguito, il trionfo è assicurato.

Cortile di Palazzo Pitti (Piazza Pitti, Firenze)

Domenica 3 luglio, ore 21:15
Venerdì 8 luglio, ore 21:15
Sabato 9 luglio, ore 21:15
Lunedì 11 luglio, ore 21:15
Martedì 12 luglio, ore 21:15
Sabato 16 luglio, ore 21:15
Lunedì 18 luglio, ore 21:15
Venerdì 22 luglio, ore 21:15
Sabato 23 luglio, ore 21:15
Lunedì 25 luglio, ore 21:15

«La traviata», opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave. Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino diretti da Fabrizio Maria Carminati; maestro del coro Lorenzo Fratini. Regia: Alfredo Corno. Scene: Angelo Sala. Costumi: Alfredo Corno e Angelo Sala. Luci:  Alessandro Tutini

Violetta:  Francesca Dotto/Maria Mudryak
Alfredo Germont: Matteo Lippi / Francesco Marsiglia
Giorgio Germont: Simone Del Savio / Francesco Landolfi
Gastone: Patrick Kabongo Mubenga
Flora: Ana Victória Pitts
Barone Douphol: Byongick Cho / Dario Shikhmiri
Marchese d’Obigny: Matteo Loi / Qianming Dou
Dottor Grenvil: Pavlo Balakin
Annina: Eunhee Kim

Biglietti da 20 a 90 euro, in vendita anche online sul sito dell’Opera di Firenze. I biglietti di primo settore includono l’aperitivo con calice di vino Antinori e panini tartufati di Procacci.

 

 

Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, maggio musicale fiorentino, Musica, Opera di Firenze, opera liric, palazzo pitti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080