Economia: anche Standard & Poor’s stigmatizza la crescita lenta dell’Italia, che non tornerà ai livelli precrisi prima del 2025

++ INDUSTRIA: ISTAT; GIU'PRODUZIONE SETTEMBRE, -2,1% MESE ++

ROMA – Altre notizie poco incoraggianti per il Governo in vista del referendum del 4 dicembre. L’azione fin qui svolta non è servita a rilanciare la crescita. Anche l’agenzia di rating Standard and Poor’s esprime stime piuttosto caute per l’Italia, segnalando che fra il 2016 e il 2018 l’economia crescerà ad un tasso inferiore all’1%. L’agenzia non ritiene che l’Italia torni ai livelli pre-crisi prima del 2025. Lo dice un report di S&P sull’Italia, imputando questo passo lento alla mancanza di dinamismo della produttività, che condiziona anche la competitività e quindi l’export tricolore. «L’Italia è l’unico paese europeo che non h registrato incrementi di produttività dal 2000 a oggi», sottolinea Jean-Michel Six, capo economista dell’area EMEA di S&P. Le esportazioni – si sottolinea – sono risultate deboli nonostante il forte deprezzamento dell’euro e comunque l’export ha avuto una performance inferiore rispetto agli altri Paesi europei. S&P pensa che l’accelerazione del PIL del 3° trimestre sia solo temporanea. Non vi sono dunque favorevoli auspici per l’Italia e per il suo governo, finora incapace di rilanciare l’economia. E non lo sarà per molto tempo, visto che si occupa soprattutto di referendum e che dopo il 4 dicembre lo scenario sarà senza dubbio rivolto alle consultazioni elettorali del 2018, a meno che non si decida di anticiparle a seconda di come voteranno fra 15 giorni gli italiani.

crescita, economia, industria, negativa, produttività

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080