Skip to main content

Week End 14-15 gennaio a Firenze e in Toscana: musica, teatro, eventi, mostre e sagre

La chiesa di Santa Maria Novella a Firenze
Il complesso di Santa Maria Novella, visitabile gratis sabato 14 e domenica 15

FIRENZE

Ultima domenica in cui, per i residenti a Firenze, è possibile visitare gratis alcuni musei civici, fra cui quello di Santa Maria Novella (info su museicivicifiorentini.comune.fi.it); sempre domenica 15 è l’ultimo giorno per vedere gratis la mostra, curata da Carlo Sisi, di una parte della collezione d’arte dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, nella sede di via Bufalini («In collezione. Un percorso d’arte dal XIII al XX secolo»; solo su prenotazione al 055 5384001).

Trifonov – Unica data in Italia per il giovane e celeberrimo pianista russo Daniil Trifonov, che si esibisce al Teatro della Pergola (via della Pergola, 18) sabato 14 gennaio alle 16, per la stagione degli Amici della Musica. Il programma prevede lo Schumann visionario e poetico delle raccolte Kinderszenen op.15 e Kreisleriana op.16, poste a cornice della Toccata op.7, lo Shostakovic dei monumentali Preludi e Fughe op.87, scritti seguendo il modello di Bach, e infine lo Stravinskij sgargiante e tellurico dei Tre Movimenti trascritti dal noto balletto Petrouchka. Classe 1991, primo premio all’ambitissimo Concorso Cajkovskij di Mosca (2011), al Concorso Chopin di Varsavia e al Rubinstein di Tel Aviv, Trifonov ha già tenuto concerti con i Wiener Philharmoniker, la London Symphony Orchestra, l’Orchestra del Teatro Mariinsky con Gergiev, la Israel Philharmonic con Mehta, la Russian National Orchestra con Pletnev, ed è stato protagonista di recital e concerti alla Wigmore Hall di Londra, al Musikverein di Vienna, alla Salle Pleyel di Parigi, alla Carnegie Hall di New York. Domenica 15 e lunedì 16 alle 21 si ascoltano al Saloncino della Pergola gli spagnoli del Quartetto Casals, che propongono l’esecuzione integrale dei sei Quartetti da Mozart dedicati all’amico fraterno e maestro Franz Joseph Haydn. Domenica al Quartetto si affiancherà anche il clarinettista Alessandro Carbonare, per interpretare quel capolavoro di dolcezza e purezza melodica che è il Quintetto KV 581: Carbonare lo eseguirà con il clarinetto di bassetto, lo strumento dai colori scuri per il quale Mozart aveva destinato la pagina. Biglietti: 25-14 (interi), 21-12 (ridotti), 5 (Conservatori e Scuole di Musica), acquistabili presso: Teatro della Pergola (via della Pergola 24), Box Office (via delle Vecchie Carceri 1) e Circuito Regionale Box Office, Dischi Fenice (via Santa Reparata 8).

«La bottega del caffè» con Pino Micol – Al Teatro Niccolini (via Ricasoli, 3, Firenze) sabato 14 alle 19 e domenica 15 alle 16.45 va in scena «La bottega del caffè», una delle commedie più conosciute e giustamente fortunate di Carlo Goldoni. La regia è firmata da Maurizio Scaparro; le musiche sono del premio Oscar Nicola Piovani e la compagnia di attori cui è affidata la messinscena è capeggiata da Pino Micol. Scene e costumi sono di Lorenzo Cutùli, vincitore dell’International Opera Awards per la scenografia. La vicenda, compresa in un sol giorno, inizia all’alba e si conclude quando scende la notte, durante il periodo di Carnevale. «E qui Goldoni», annota Maurizio Scaparro, «sembra prendere le distanze dalla visione magica di una delle più belle città del mondo, per descrivere una Venezia comicamente deformata, che già allora rischiava di dimenticare la sua grandezza e di cedere alle tentazioni della bottega». Biglietti da 18 a 24 euro, acquistabili anche online, oltre che in tutti i punti Box Office. Biglietteria: Teatro della Pergola, via della Pergola 30, 055.0763333.

Careggi in MusicaDomenica 15 alle 10.30 nell’Aula Magna del Nuovo Ingresso di Careggi (Largo Brambilla 3 – ingresso libero) si apre la nuova stagione di «Careggi in Musica» con il concerto del duo formato dalla violinista neozelandese Amalia Hall, già vincitrice di prestigiosi concorsi come Leoš Janáček International Competition e Postacchini International Violin Competition, e dal pianista Sergio De Simone. In programma, la Sonata in Do maggiore K296 di W.A. Mozart, la Suite Italienne per violino e pianoforte di I. Stravinsky, la Sonata in mi bemolle maggiore op. 18 di R. Strauss.

Le due guerre con intermezzo musicale – Alla Biblioteca delle Oblate (Via dell’ Oriuolo, 24) sabato 14 gennaio alle 17 presentazione degli atti del convegno di studi «Guerra e disabilità», sull’esperienza dei mutilati di guerra nei due conflitti mondiali. Con Nicola Labanca, Claudio Betti e Alessandro Sardelli. Segue un intervento musicale del soprano Sabrina Guidotti (in programma «Marie, weine nicht» di H. Eisler, «Lili Marleen» di N. Schultze, «Les Berceaux» di Fauré, «Elegie» di Massenet).

Faust – Nel Vestibolo di S. Giovannino dei cavalieri (Via S. Gallo, 66), per gli Incontri con il pubblico dell’Opera di Firenze, sabato 14 alle 17 c’è «Il mito musicale di Faust», conversazione-concerto a cura di Cesare Orselli. Musiche di Charles Gounod. Soprani:Charlotte Couleau e Ilaria Tarchiani, tenori: Luca Tamani e Artem Tarasenko; basso: Maurizio Di Benedetto. Pianoforte: Gianni Fabbrini. Ingresso libero.

Nobraino – Veri animali da palcoscenico, soprattutto l’istrionico front-man, Lorenzo Kruger, i Nobraino tornano all’Auditorium FLOG W Live (via M. Mercati 24b; apertrura 21.30; ingresso 12 / 8 euro) sabato 14 gennaio protagonisti di un live che, come al solito, non mancherà di divertire. Formatisi nel 1996 a Riccione, sono conosciuti in tutta Italia per il loro esplosivo live act, nel quale propongono un insieme di Rock, Folk e Cantautorato, solido e originale, ecclettico e pieno di personalità. Aprono la serata i Manotoba, arrivati secondi al Rockcontest 2016.

Pecore nere – Al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303) sabato 14 gennaio alle 21 va in scena «Pecore nere» di Stefano Benni, caustica pièce diretta da Alessandro Tedeschi. Valentina Chico, Elisa Benedetta Marinoni, Valentina Virando ed Emanuela Guaiana interpretano quattro personaggi femminili: una diva delle telenovelas adultera compulsiva, un’ape operaia con nostalgie leniniste, una labrador a un passo dal manicomio perché, nonostante le attenzioni del padrone, non riesce ad amarlo come vorrebbe. Informazioni: 055/422.03.61 – www.toscanateatro.it. Ingresso intero € 16, ridotto € 14.

La zia di Carlo – Un classico della commedia borghese d’Oltremanica al Teatro di Cestello(Piazza Cestello), dove sabato 14 alle 20.45 e domenica 15 alle 16.45 va in scena «La zia di Carlo» di Brandon Thomas, girandola di situazioni paradossali con Marco Predieri, Remo Masini, Piera Matteini e Graziano Dei e con loro Stefano Carotenuto e Marco Santi, Maria Carla Lallo, Martina Gasberi, Vania Mattioli e Riccardo Bettini. Firma la regia Bruno Maresca. Ingresso 15 euro. Infoline 055.294609

Peter Pan – Al Teatro Verdi (via Ghibellina, 99) sabato 14 alle 20.45 e domenica 15 alle 15.45 va in scena «Peter Pan. Il Musical».

Dignità autonome di prostituzione – All’Obihall (Via Fabrizio De Andrè) sabato 14 alle 20.15 e domenica 15 alle 16 va in scena «Dignità autonome di prostituzione», spettacolo di Luciano Melchionna in cui gli attori si fingono prostituti con cui il pubblico a gruppi si apparta a fruire di una pillola di piacere teatrale. Biglietti da 30 euro.

Brecht rivisto dai profughi – Domenica 15 gennaio 2016 alle 21 al Teatro Cantiere Florida (Via Pisana 111r, 055 71 35 357 – 71 30 664) «Storia di un bandito che conquistò il potere», ovvero l’«Arturo Ui» di Bertol Brecht rivisto e interpretato da 15 ragazzi profughi africani, per dare ascolto a un nuovo punto di vista sulle parabole di potere che si ripetono in ogni dittatura della Storia. Il testo, elaborato in lingua italiana con elementi originari delle culture degli interpreti, sarà rappresentato al Teatro Cantiere Florida di Firenze: un progetto diretto da Massimo Luconi, anche ideatore con Cesare Molinari. Così uno dei problemi più scottanti dell’attualità diventa opportunità di scambio culturale e arricchimento per chi ospita e per chi cerca una nuova possibilità di vita. Biglietti 15/9 euro.

Promessi sposi – Al Teatro Lumière (via di Ripoli, 231)sabato 14 alle 20.45 e domenica 15 alle 16.45 tornano «I promessi sposi» rifatti in scherzoso musical. La storia di Renzo e Lucia e del loro amore contrastato viene raccontata attraverso le canzoni più note dei nostri tempi dalla Compagnia Stabile del Lumière, Giosuè Borsi Arsante. Ingresso 12 euro. Prenotazioni: prenotazioni@teatrolumiere.it oppure 055 6821321 (lun-mer-ven 17-19).

Un corto d’autore per i leoni – Circa l’80% di leoni in meno in Africa, in 40 anni, per caccia e bracconaggio. Per sensibilizzare sul tema e contrastare la possibilità che l’animale scompaia nell’arco di 10-15 anni, sarà proiettato in prima toscana domenica 15 gennaio, alle ore 20, presso il Cinema La Compagnia di Firenze (via CAvour), «The Last Call», cortometraggio d’autore diretto da Brando Quilici, sceneggiato dallo scrittore Marco Vichi, con la voce narrante di Giorgio Panariello, ideato da Michele Pecchioli, comunicatore, fotografo e fotoreporter. Alla proiezione, saranno presenti in sala e interverranno il regista (figlio del documentarista Folco Quilici), lo scrittore Marco Vichi e i partner del progetto. A seguire sarà proiettato il documentario «Safari» dell’austriaco Ulrich Seidl, presentato alla 73a Mostra del cinema di Venezia, che indaga il rapporto dell’uomo con la natura, la caccia e il desiderio di uccidere. Ingresso libero su prenotazione fino a esaurimento posti. Per partecipare, mandare una mail a info@caffecorsini.it.

Cinema in inglese gratis per ragazzi – All’SMS di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303) sabato 14 alle 18 riparte l’Aperimovie, con proezione di film in inglese gratis per i ragazzi dagli 11 ai 16 anni (ogni secondo sabato del mese).

Cultura e agricoltura – Alla Bibliotecanova dell’Isolotto (via Chiusi) sabato 14 gennaio c’è Agrikulturae, Laboratorio agricolo-culturale per un’altra economia possibile. Dalla mattina al tramonto nel piazzale e in biblioteca vendita di produzioni locali di qualità, animazione e convivialità.

Fortezza antiquaria – In Piazza Vittorio Veneto domenica 15 prima Fortezza antiquaria dell’anno, con mobili, oggettistica, numismatica e filatelia, libri, stampe, dipinti, sculture, macchine fotografiche, bambole da collezione, oggetti di modernariato, porcellane, accessori vintage, strumenti ottici di precisione e molto altro.

Fierucolina d’inverno – In Piazza Santo Spirito domenica 15 gennaio c’è la Fierucolina d’Inverno, mercatino con prodotti della aziende locali, all’insegna del biologico e del biodinamico (alimentari e artigianato).

Mostre – Il Complesso di Santa Maria Novella è visitabile gratuitamente. Il percorso intero (Museo, Chiostro Grande e Dormitorio inferiore settentrionale) sarà percorribile fino al 15 gennaio 2017 dalle ore 11 alle ore 16.30 (ultimo ingresso ore 16.30). L’accesso è da Piazza Stazione numero 6. Inoltre anche la Cappella del Papa sarà fruibile nell’ambito delle visite guidate gratuite su prenotazione a cura dell’associazione MusE. A Palazzo Strozzi c’è la mostra dell’artista contemporaneo cinese Ai Weiwei, che tanto ha fatto discutere per i gommoni rossi attaccati sulla facciata rinascimentale. Durerà fino al 22 gennaio 2017. Al Museo dell’Opera del Duomo c’è «Donatello e Verrocchio. Capolavori riscoperti», con due sculture di terracotta della Collezione di Peter e Kathleen Silverman (un busto raffigurante San Lorenzo e un rilievo con la Decollazione di San Giovanni Battista). Si entra col biglietto del museo, 15 euro. È invece gratuita la mostra «Capolavori a Villa La Quiete, Botticelli e Ridolfo del Ghirlandaio in mostra» presso Villa La Quiete prorogata fino a gennaio (Via di Boldrone 2, Firenze), con opere provenienti per la maggior parte dal Convento di San Iacopo di Ripoli, complesso dell’ordine laico delle Montalve. Tra le opere esposte, L’Incoronazione della Vergine e santi di Sandro Botticelli e bottega, lo Sposalizio mistico di Santa Caterina di Ridolfo del Ghirlandaio e un crocifisso di Baccio da Montelupo. Aperto sabato e domenica dalle 10 alle 19. Per informazioni: 055/2756444. È in corso anche «Firenze 1966 – 2016. La bellezza salvata», curata da Cristina Acidini e Elena Capretti, nel Museo Mediceo di Palazzo Medici Riccardi. Aperta fino al 26 marzo 2017, l’esposizione fa il punto sull’immenso danno subito dall’Alluvione del 1966, sull’enorme lavoro svolto, sulle conoscenze e sulle competenze acquisite, su quanto resta da fare, con una sezione dedicata a quel che non si penserebbe vero: c’è ancora un patrimonio artistico e di beni da restaurare. Promossa da Regione Toscana, Firenze Città Metropolitana, Comune di Firenze e Comitato Firenze 2016, con i fondamentali contributi dell’Opificio delle Pietre Dure e dell’Università di Firenze, la mostra è prodotta e organizzata da MetaMorfosi con la collaborazione di Opera Laboratori Fiorentini – Civita. Un itinerario articolato fra alcuni dei luoghi più colpiti dall’alluvione del ’66 (musei, collezioni, biblioteche, archivi, luoghi di culto), che si snoda fra gli ambienti monumentali di Palazzo Medici Riccardi (dove aveva sede nel 1966 il Museo Mediceo, letteralmente annientato dall’acqua), proponendo circa 150 opere e manufatti, fra dipinti, sculture, libri, documenti, oggetti d’arte applicata, strumenti musicali e scientifici, accompagnati da fotografie storiche e alcuni video che documentano i danni e gli interventi di recupero. In occasione della mostra, la Città Metropolitana di Firenze ha adottato il Biglietto integrato per il percorso museale (comprensivo de ‘La Bellezza Salvata’) pari a € 10 per il biglietto intero, ed € 6 per il biglietto ridotto (anche per soci Conad). Dettagli online

Presso la Palazzina ex Fabbri nel Parco delle Cascine viene infatti riproposta la mostra fotografica sull’Alluvione del 1966 promossa dall’Associazione Firenze Promuove insieme ai consigli di Quartiere e curata dai giornalisti Franco Mariani e Mattia Lattanzi. La mostra potrà essere visitata il sabato (dalle 10 alle 12) e la domenica (dalle 15.30 alle 17). Visite fuori orario potranno essere richieste, compatibilmente con le esigenze di servizio, chiamando il 328/8785360.

Piante di cera – Sette delle oltre 180 piante che costituiscono la collezione delle piante in cera del Museo Botanico sono state restaurate e si possono ammirare in una mostra presso l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze (via degli Alfani 78; ingresso 4 euro).

SCANDICCI

Domenica 15 gennaio, ore 11, all’Auditorium del Comune in Piazza Resistenza, per la rassegna «Il libro della vita» il notissimo storico e scrittore Alessandro Barbero parla de «Il Maestro e Margherita» di Bulgakov.

CALENZANO

Sabato 14 gennaio alle 21 il Teatro Manzoni di Calenzano (via Mascagni 18, biglietti 13/10/5 euro)presenta in prima nazionale «Il bambino sogna» dell’israeliano Hanoch Levin (1943-1999), traduzione e regia di Claudia Della Seta. In scena gli attori della compagnia Afrodita di Tel Aviv, in cui si incontrano le esperienze umane, artistiche, e interculturali di tante persone, promuovendo l’incontro, il dialogo e la collaborazione tra israeliani e palestinesi. Il testo è una favola tragica pennellata di humour graffiante. Due genitori guardano il loro figlio che dorme e sogna e sono felici della sua pace. All’improvviso irrompe nella stanza silenziosa il mondo esteriore fatto di furore e rabbia: un gruppo di vicini inseguiti arriva di corsa, un violinista sanguinante, stupito e ferito, cade in terra e agonizza; un comandante arresta tutti. Con lui arriva la sua amante. Il violinista si lamenta, il comandante lo uccide…

CAMPI BISENZIO (FI)

La vicenda tragica di Medea, carnefice dei propri figli per vendicare l’abbandono dell’infedele marito Giasone, va in scena al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio (piazza Dante 23) sabato 14 gennaio alle 21 con «Medea. Un soliloquio», lo studio sul personaggio condotto dall’attrice Valentina Banci. Lo spettacolo, una prima messa in scena che vedrà l’artista pratese sola a incarnare tutte le figure che popolano l’universo della madre folle e assassina, inaugura la nuova rassegna “Teatro nel Teatro”, in occasione della quale il palcoscenico del Teatrodante accoglierà il pubblico trasformandosi in un vero e proprio ridotto. Ingresso 10 euro. www.teatrodante.it

ANTELLA – BAGNO A RIPOLI (FI)

Peynet a teatro – Costruito sulle illustrazioni di Les amoureux di Raymond Peynet, «C’era 2 volte 1 cuore» arriva domenica 15 gennaio alle 17 al Teatro Comunale di Antella (Via Montisoni, 10) con una drammaturgia visiva che può vantare la firma di Marcello Chiarenza per le scene, la regia di Daniela Nicosia e l’interpretazione di Labros Mangheras e Susanna Cro, e muove dalle immagini lievi di Peynet, permeate di delicatezza, e compone un universo surreale, all’insegna della tenerezza e della fiducia nell’amore. Nella nostra storia due teneri personaggi aspettano con fiducia, coltivano la loro attesa come un campo, certi che prima o poi una nuova pianta nascerà, un nuovo orizzonte si dispiegherà, un nuovo paesaggio accoglierà la loro speranza. Biglietti Progetto Piccoli € 7 – info www.archetipoac.it telefono 055 621894

PGGIO A CAIANO (FI)

Domenica 15 c’è l’Antica Festa di sant’Antonio, con annessa fiera.

SAN DONATO IN COLLINA (FI)

Domenica 15 gennaio inizia la sagra delle frittelle, che si protrae fino al 26 marzo.

PRATO

Sabato 14 alle 19.30 e domenica 15 alle 16.30 al Teatro Fabbricone (Via Ferdinando Targetti, 10/12) Anagoor presenta «Virgilio brucia», ispirato al II e VI Canto dell’«Eneide» di Publio Virgilio Marone. Uno spettacolo sull’opera, ma anche sulla figura di Virgilio, sulle sue ansie, sulle sue contraddizioni di uomo e di artista, e sulla creazione poetica in sé, e in special modo sull’inquieto rapporto tra poesia e potere. Ed è uno spettacolo sul ruolo della classicità, sulle opere degli antichi che restano sempre le stesse, ma cambia la coscienza con la quale le guardiamo. Una identificazione di Virgilio con Enea, cadenzata sia da musiche corali eseguite dal vivo che da antichissime tradizioni europee ed extraeuropee, che racchiudono la magia di quegli aedi che per primi cantarono l’epopea di Troia e dei troiani, fino al minimalismo contemporaneo di John Tavener. «Virgilio brucia» mette in luce i sottili legami tra l’affannoso esodo dei troiani dalla loro città in preda alle fiamme, i forzosi spostamenti di milioni di individui per i programmi di ripopolazione dell’impero romano, e le drammatiche ondate migratorie dei nostri anni. Diretti da Simone Derai, gli interpreti sono Marco Menegoni, Gayanée Movsisyan, Massimiliano Briarava, Moreno Callegari, Brigita Marko, Mateja Gorjup, Paola Dallan, Aglaia Zannetti, Monica Tonietto, Artemio Tosello, Emanuela Guizzon, con la partecipazione straordinaria di Marco Cavalcoli.

PISTOIA

Nemanja Radulovic
Nemanja Radulovic

Terzo appuntamento con la XIII Stagione Sinfonica della Fondazione Promusica, sabato 14 gennaio alle 21 al Teatro Manzoni (Corso Antonio Gramsci, 127), con lo strabiliante violinista serbo Nemanja Radulović e l’Orchestra Leonore. Solista dal talento e dall’empatia irresistibili, Radulović offrirà, nella seconda parte della serata, la sua personalissima interpretazione del Concerto per violino e orchestra in Re maggiore op.61 di Ludwig van Beethoven. Composto in circa sei mesi nel 1806, in uno dei periodi più fertili della produzione beethoveniana, il concerto, in tre movimenti (Allegro ma non troppo – Larghetto – Rondò: Allegro) è un’opera in cui il violino, pur mantenendo un forte profilo individuale, stabilisce con l’orchestra un’intima complicità; il fascino che esercita il lirismo del violino, le espansioni cantabili, le suggestioni virtuosistiche, hanno contribuito a rendere questo concerto una delle opere più amate e più ammirate dai pubblici di tutto il mondo. In programma anche la Sinfonia n. 1 in Do maggiore op.19 di Carl Maria von Weber, l’unico contributo al genere sinfonico del musicista tedesco, destinato a mietere successi e gloria soprattutto nel repertorio operistico e nell’ambito della musica vocale da camera. Biglietti anche online su www.teatridipistoia.it

SANTA MARIA A MONTE e SANTA CROCE (PI)

Sabato 14 gennaio alle 16.30 al Teatro Comunale di Santa Maria a Monte c’è «Hansel e Gretel, ovvero la trappola perfetta», per la rassegna il Baule dei sogni. Adatto a bambini dai 3 ai 10 anni. Domenica 15 gennaio alle 17 al Teatro Verdi di Santa Croce in programma Buongiorno buonanotte di Giallo Mare Minimal Teatro con Vania Pucci, per bambini dai 3 ai 10 anni. Dedicato ai piccoli, uno spettacolo di forte impatto visivo con le immagini realizzate sia con la lavagna luminosa che con la computer grafica, che si formano sotto gli occhi degli spettatori. Come un grande libro illustrato, le immagini contengono il corpo dell’attrice e interagiscono con lei fra continue sorprese in un ritmo sempre più serrato fino al sopraggiungere del sonno. Biglietto per bambini 3 euro, per adulti 4,50 euro. Per informazioni ci si può rivolgere a Giallo Mare Minimal Teatro 0571 81629 – info@giallomare.it.

MONTEPULCIANO (SI)

Al Teatro dei Concordi di Acquaviva di Montepulcianosabato 14 alle 21 c’è «Il Papocchio» messo in scena dalla Compagnia Il Teatraccio di Grosseto. Info 0578 767562.

LIVORNO

Al Modigliani Forum (Via Veterani dello Sport) sabato 14 e domenica 15 si esibisce Renato Zero per il suo Alt in Tour. Biglietti da 35 a 80 euro. All’interno del Grand Hotel Palazzo (Viale Italia, 195) sabato 14 e domenica 15 c’è invece il «Salotto Sposi» (sabato 15-20, domenica 10-20, info 347 6357063).

Cinema, eventi, mercatini, mostre, Musica, Teatro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741