Cosa fare di giorno e di sera

Week End di Carnevale, 25-26 febbraio, a Firenze e in Toscana: sfilate, eventi, musica, teatro, mostre

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Spettacolo

L’Opera di Firenze vista dal palco

FIRENZE

Luisi al Maggio – Per gli appassionati di musica, serata importante all’Opera di Firenze, dove arriva Fabio Luisi per il suo primo concerto da Direttore musicale designato. Per l’occasione si dispiegano in campo quasi tutte le forze del teatro: un organico imponente per l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino per il poema sinfonico «Eine Alpensinfonie op. 64» di Richard Strauss, il Coro e i solisti dell’Accademia del Maggio per gli altri due pezzi in programma, la «Fantasia corale in do minore op. 80 per pianoforte, soli, coro e orchestra» di Ludwig van Beethoven, composta nel 1808, il cui tema principale presenta evidenti analogie con quello della parte corale della Nona Sinfonia (di cui costituisce una sorta di crogiolo) e l’«Hymnus Amoris (Hymne til Kjærligheden) op. 12 per soli, coro e orchestra» del danese Carl Nielsen (1865-1931), per il quale interviene anche il Coro di voci bianche. Nielsen compose l’Hymnus durante il suo viaggio di nozze in Italia e la sua presenza in apertura di concerto vuol essere di buon auspicio per l’imminente “connubio”  fra Luisi e il Maggio. E sarà anche il primo concerto dopo l’annuncio delle dimissioni del Sovrintendente. Biglietti da 10 a 80 euro, in vendita anche online.

Amici della Musica – Al Teatro della Pergola (via della Pergola, 18) sabato 25 alle 16 il Quartetto Jerusalem si esibisce con un programma interamente dedicato ad Antonin Dvořák: si ascoltano il raro Terzetto op.74 per due violini e viola, scritto per un’occasione privata e traboccante di idee, il Quartetto op.106, il penultimo del corpus quartettistico del compositore, festoso omaggio alla patria Boemia, e per concludere il Quintetto per pianoforte op.81, capolavoro che realizza un’avvincente alchimia fra le atmosfere della tradizione musicale cèca e il rigore di Brahms, per eseguire il quale è con loro il pianista di Tel-Aviv Matan Porat, allievo di Maria João Pires e Murray Perahia. Domenica 26 Febbraio (ore 21), al Saloncino della Pergola, il dinamico Jack Quartet presenta «New York Stories»: in programma il Quartetto per archi di Ruth Crawford-Seeger (1901-1953), compositrice ispirata anche dal folklore americano, «Early That Summer» (1993) di Julia Wolfe (1958), dallo stile che sintetizza in forme classiche il gusto del minimalismo per le ripetizioni e l’energia del rock; «Intonations» (2016) di Derek Bermel (1967), che combina elementi del jazz, del blues, perfino dell’heavy metal; inoltre musiche di Morton Feldman (1926-1987) e Cenk Ergün (1978). Biglietti da 5 a 25 euro, acquistabili presso: Teatro della Pergola (via della Pergola 24),  Box Office (via delle Vecchie Carceri 1) e Circuito Regionale Box Office, Dischi Fenice (via Santa Reparata 8). Info: tel. 055 210804

Danzainfiera – Sabato 25 e domenica 26 febbraio, alla Fortezza da Basso, ultimi due giorni della XII edizione di Danzainfiera, evento principe in Italia e in Europa dedicato al mondo della danza in tutte le sue declinazioni. Quattro giorni di lezioni, mostre, convegni, spettacoli e gare, pensati non solo per professionisti e addetti ai lavori, ma anche per chi vive la danza come pura passione. Un unico luogo dove saranno riuniti tutti i più importanti protagonisti del settore: grandi star della danza internazionale, docenti di chiara fama, aziende leader, sartorie teatrali d’eccellenza e aspiranti ballerini. Biglietti da 10 a 15 euro. Programma della manifestazione su danzainfiera.it

Toni Servillo – Sabato 25 alle 19 e domenica 26 alle 16.45 c’è il popolarissimo Toni Servillo in scena al Teatro Niccolini di Firenze, con uno spettacolo in esclusiva regionale. Da sabato 18 febbraio a domenica 12 marzo il popolare attore presenta «Elvira» da «Elvire Jouvet 40», in cui Brigitte Jacques trascrisse le «Sette lezioni di Louis Jouvet a Claudia sulla seconda scena di Elvira nell’atto IV del “Don Giovanni” di Molière» tenute da febbraio a settembre 1940: un faccia a faccia tra il maestro e una sua allieva, Claudia, chiamata a recitare l’intenso e difficile ruolo di Elvira nel quarto atto del «Don Giovanni» di Molière, il momento in cui la donna cerca la salvezza per il suo antico amante. L’attore e regista napoletano, accompagnato sul palco dai giovani Petra Valentini (Claudia/Elvira), Francesco Marino (Octave/Don Giovanni) e Davide Cirri (Lèon/Sganarello), interpreta Louis Jouvet (1887-1951), una delle figure più importanti del teatro e del cinema francesi, cui è intitolato a Parigi il teatro Athénée-Jouvet.

Quaderni – Sabato 25 febbraio alle 21.15 al Teatro della Pergola (via della Pergola, 18) per la rassegna «Quaderni» nella quale il pubblico può ascoltare due racconti introdotti da Marco Vichi e letti da Lorenzo Degl’Innocenti (sabato Paolo Ciampi e Raffaele La Capria). Portandosi una tazza da casa, si può degustare tè, cioccolato caldo e pasticcini. Ingresso 8 euro.

La bastarda di Istanbul – Al Teatro di Rifredi (Via Vittorio Emanuele II, 303 – Firenze; 055/422.03.61)   www.toscanateatro.it) sabato 25 alle 21 e domenica 26 alle 16.30 torna in scena, per il terzo anno consecutivo, «La bastarda di Istanbul» con Serra Yilmaz, spalleggiata da Valentina Chico, Riccardo Naldini, Monica Bauco, Marcella Ermini, Fiorella Sciarretta, Diletta Oculisti, Elisa Vitiello.Premio Persefone 2016 come miglior spettacolo teatrale, Premio Persefone e Premio Franco Cuomo 2016 come miglior attrice a Serra Yilmaz. In una Istanbul animata e reale (più che una metropoli, una nave dalla rotta incerta su cui da secoli si alternano passeggeri di ogni provenienza, colore e religione) sbarca segretamente Armanoush, giovane e tranquilla americana che, in cerca delle proprie radici armene, arriva nella famiglia matriarcale del suo patrigno turco Mustafa. Lì incontrerà Asya, la bastarda, sua coetanea, adolescente turca ribelle e nichilista, con una grande e colorata famiglia di donne alle spalle e un vuoto al posto del padre.  Biglietti 16 / 14 euro

Bugo – All’auditorium flog W Live (Via M.Mercati 247B – www.auditoriumflog.com  – 055 – 48 71 45)  Sabato 25 Febbraio dalle 21.30 FAT Saturday Carnival Party con Bugo in concerto. Dopo una lunga pausa trascorsa in India con la moglie diplomatica, torna a presentare live l’ultimo lavoro «Nessuna Scala Da Salire». Un cantautore eccentrico, che sfugge alla banalità degli anni 2000 attraverso le sue rime allucinate, paradossali e polisemiche, un vero “fantautore”, come un giornalista lo definì quand’era ancora all’inizio della carriera. 7 album con la Universal e molte metamorfosi, spiazza continuamente critica e fans per la sua esigenza di sperimentare ed esprimere la sua evoluzione artistica. In apertura i pratesi «Fantasia pura italiana», già autori di una chiaccheratissima e spiazzante esibizione a Italia’s Got Talent e tra le band emergenti più interessanti della nuova scena Rock. Segue Rockoteca by Lucille & MisterFerri Djs. INGRESSO € 12 / ridotto € 8 + d.p. in prevendita.

Idan Raichel – Sabato 25 febbraio alle 21.15 alla Sala Vanni (Piazza del Carmine) Idan Raichel suonerà il pianoforte acustico, il piano elettrico, le percussioni, il drum pad & looper e anche qualche strumento giocattolo delle sue due figlie piccole, che usa per creare sonorità in onore e celebrazione del suo piuttosto recente stato di padre.  Nei suoi concerti in solo, Idan condivide con il suo pubblico, in modo intimo e naturale, la storia del suo viaggio in questi ultimi 12 anni e anche come le sue melodie sono state scritte prima di essere prodotte per le numerose collaborazioni e i concerti in giro per il mondo. Posto Unico 15 /13€ +dp. Info: 055 240397 –  Prevendite online www.eventimusicpool.itwww.ticketone.it – Circuito regionale Box Office – 055 210804 www.boxol.it

Il carnevale decadente della Nuit de Sade – Sabato 25 febbraio dalle 23.30 c’è «Morte a Venezia MMXVII», festa di carnevale a tema organizzata da La Nuit de Sade, in collaborazione con Die Schwarze Nacht e Red Star Crew 74, nelle sale della fastosa Villa Montalto (via del Salviatino 6; 15 euro; info: 3385975926; info@lanuitdesade.it). L’omonimo romanzo breve di Mann sarà in realtà appena sfiorato, giusto per accentuare il penchant decadente; ma al centro della fantasmagorica festa danzante ci sarà soprattutto la magica Venezia col suo carnevale e gli ispiratori saranno più Casanova e Goldoni, che gli scrittori nativi di Lubecca… Ad aprire la serata, alle 22:30, nella Sala della Biblioteca, ambiente pensato dal bibliofilo napoletano Tammaro de Marinis ed ultimo proprietario di Villa Montalto, Kevin Mucaj (violino), Alessandro Morelli (viola) e Stefano Aioli (violoncello) proporranno i brani neoclassici di Rondò Veneziano. Dalle 23.30 alle 4.30 la serata danzante nel Salone Hockberg, concesso agli amanti delle sonorità elettroniche (Aggrotech, Harsh E.B.M., Hard Dance, Hard NRG, Hard Trance, Industrial, Industek , Nu E.B.M., T.B.M.) e nella Sala delle Lesene, destinata a chi apprezza sonorità più oscure (Batcave, Electroclash, Indie, New Wave, Gothic, Gothic Rock, Post-Punk, Wave, 80’s).

Morandi Jr. al Cestello – Al Teatro di Cestello sabato 25 alle 20.45 e domenica 26 febbraio alle 16.45 va in scena la commedia di Adriano Bennicelli «Insieme a te non ci sto più» con Marco Morandi, figlio di Gianni Morandi e Laura Efrikian, che vi interpreta il ruolo di un muratore rumeno, laureato in psicologia, giunto a Roma all’indomani della caduta del muro di Berlino. A dirigerlo e condividere il palco con lui sarà Matteo Vacca, artista emergente della scuola teatrale romana con cui Marco Morandi ha lavorato già in più produzioni, e con loro ci saranno Francesca Milani (già volto tv di note trasmissioni come Zelig e Colorado), Francesca Bellucci e Ludovica di Donato. Info e prenotazioni 055.294609. Prevendita circuito regionale Box Office.

Christian De Sica e Alessandro SianiSabato 25 alle 20.45 e domenica 26 alle 16.45 al Teatro Verdi (via Ghibellina, 99) Christian De Sica e Alessandro Siani in «Il proncipe abusivo», scritto e diretto da Alessandro Siani. Dopo il successo cinematografico del film che ha segnato il debutto da regista dell’attore Alessandro Siani, arriva l’adattamento teatrale della pellicola con tantissime novità e soprese e una sola grande sicurezza: il ritorno di Christian De Sica, nell’amatissimo ruolo del ciambellano di corte. Lo spettacolo scritto e diretto da Alessandro Siani, che interpreterà il ruolo del “povero” Antonio De Biase, vedrà sulla scena anche la bellissima Elena Cucci nel ruolo della principessa, Luis Molteni che sarà il Re, Stefania De Francesco che interpreta la verace cugina di Antonio, Jessica Quagliarulo e ancora Ciro Salatino che sarà il principino Gherez, e Antonio Fiorillo e Raffaele Musella, nei ruoli rispettivamente di Sasone  e Lelluccio, gli inseparabili amici di Antonio. Biglietti da 25 a 75 euro. www.teatroverdionline.it

Provaci ancora, Muzzi! – Sabato 25 febbraio alle 21 al Teatro delle Spiagge  (Via del Pesciolino – traversa Via Pistoiese – I°piano Conad; 055310230/3294187925/info@teatridimbarco.it) «Provaci ancora, Muzzi!», il nuovo spettacolo dell’attore comico Andrea Muzzi. Lo spettacolo narra le imprese dei fuoriclasse della sconfitta, i campioni della débacle, i “Maradona” del fallimento. Nella vita, come nello sport c’è chi ha vinto e lo ha fatto in modo unico, schiacciante, straordinario. Anche nella sconfitta c’è chi ha ottenuto gli stessi risultati; ha perso in un modo eclatante. Il nuovo spettacolo di Andrea Muzzi, portando l’esempio paradossale dei tanti che sono entrati nel «Guinness dei falliti», è un esilarante inno alla vita, a coloro che non hanno smesso mai di provarci, a quelli che non si sono mai arresi. Un’irresistibile carrellata di simpaticissimi perdenti, storie inaudite e indimenticabili, ottime per esorcizzare la paura di perdere. Biglietti: 12/10 euro

Elena Sofia Ricci – Debutta come regista Sabato 25 Febbraio ore 20.45 al Teatro Lumière (via di Ripoli 231, tel 055 6821321) Elena Sofia Ricci, con la sua brillante commedia musicale «Mammamiabella!» di Sabrina Pellegrino, da un’idea originale di Valentina Olla, musiche di Stefano Mainetti. Con Valentina Olla, Federico Perrotta, Sabrina Pellegrino e tre musicisti dal vivo: Marco Cascone (fisarmonica), Vincenzo Meloccaro (fiati), Gino Bianchi (percussioni). Valentina, trentasettenne in carriera fashion-addicted, è impegnata a far spazio nel suo armadio per la nuova vita che arriva. Il fondo della cabina armadio si apre e di volta in volta lascia entrare i personaggi con i quali la futura mamma si confronta nel meraviglioso, sconvolgente, apocalittico periodo di metamorfosi che è la gravidanza. Biglietti euro 15, ridotti  13; info e prenotazioni prenotazioni@teatrolumiere.it biglietteria aperta lunedì, mercoledì e venerdì 17-19 .

Careggi in Musica – Domenica 26 febbraio alle 10.30, nella stagione Careggi in Musica, si esibirà in concerto il Duo DissonAnce, formato dai fisarmonicisti Roberto Caberlotto e Gilberto Meneghin. Entrambi diplomati con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “L.Cherubini” di Firenze, i musicisti proporranno un programma all’insegna del confronto tra l’antico e il moderno. La solenne religiosità di J.S. Bach, protagonista della prima parte, verrà messa a confronto con i tanghi appassionati di Astor Piazzolla, autore invece al centro della seconda metà, esaltando analogie e differenze tra i due autori. Il concerto, organizzato da A.Gi.Mus. Firenze assieme all’Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi, si terrà nell’Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi (Largo Brambilla 3, ingresso libero). Sabato 25 febbraio, A.Gi.Mus. sarà presente inoltre con due spettacoli anche all’interno del Meyer per Amico, l’Open Day organizzato dalla Fondazione Meyer. Alle ore 10.30 nella Hall Serra dell’Ospedale Meyer (Viale Pieraccini, 24) si esibirà l’Orchestra Crescendo della Scuola di Musica di Fiesole diretta da Martina Chiarugi. Alle 15 l’Happy Music Trio porterà in scena le più belle musiche dei cartoni animanti Disney.

Filarmonica Rossini per il Grandeuca – Al Teatro L’Affratellamento (Via Giampaolo Orsini 73) Domenica 26 febbraio alle 17 la Filarmonica Rossini presenta «Narrazioni. Concerto per il Granduca». Pietro Leopoldo, naturalmente. Il grande riformatore illuminato che cambiò il volto della Toscana. Un concerto speciale a conclusione della ricca stagione di eventi per la #festadellaToscana, promossa dal Consiglio regionale che in questa XVII edizione ricorda i 250 anni dall’insediamento di Pietro Leopoldo e 230 dall’abolizione della pena di morte. Musica dal vivo per grande Orchestra di Fiati, impreziosita da Canti popolari di tradizione toscana. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Le carte che hanno fatto la storiaDomenica 26 Febbraio alle 10, alle 11 e alle 12 all’Istituto Geografico Militare (via Cesare Battisti) c’è «Le carte che hanno fatto la storia», viaggio teatrale itinerante con La Compagnia delle Seggiole alla scoperta dell’Istituto Geografico Militare di Marcello Lazzerini. Regia di Sabrina Tinalli, costumi di Giancarlo Mancini realizzati da Pino Crescente, aiuto regia di Andrea Fossi, con (in ordine alfabetico) Marcello Allegrini, Fabio Baronti, Luca Cartocci, Massimo Manconi, Andrea Nucci; consulenza storica Prof. Andrea Cantile, Dott.ssa Elena Torretta. Il viaggio si svolge all’interno dell’Istituto Geografico Militare, una delle grandi eccellenze scientifiche e tecnologiche del nostro Paese, che si trova all’interno di un antico palazzo di via Cesare Battisti a Firenze, tra l’Università e il Convento della SS. Annunziata. Un viaggio nello spazio e nel tempo, durante il quale il visitatore incontrerà personaggi che appartengono alla storia religiosa, culturale, scientifica della città e del mondo. Personalità che hanno cambiato il corso della storia e offerto al mondo intero l’immagine migliore e più umana della nostra gente e della grande bellezza del nostro paese. Un viaggio a ritroso nel tempo, ma anche nella contemporaneità, le cui basi furono gettate a partire dal 1865, quando l’Istituto fu trasferito da Torino a Firenze. Info e prenotazioni dalle ore 14,00 al n: 333 2284784 Biglietti: Intero 15,00 euro – Ridotto 12,00 euro. Spettacoli per gruppi di 50 persone.

Il Conte Rosso – Sabato 25 febbraio alle ore 21 (ingresso gratuito) presso la sala Mario Valitutti del Museo del Calcio (viale A. Palazzeschi 20, Firenze) si svolgerà la proiezione del documentario «L’Ultimo viaggio del Conte Rosso» (durata 30′, prod. Filmika, regia Fabiana Antonioli). Il documentario è incentrato sui protagonisti delle ultime quattro partite del campionato 1948-49 con la maglia del Torino dopo la tragedia di Superga. Quei giorni vengono ricordati e testimoniati da quattro di quei “ragazzi” intervistati nel 2016 (Il Conte Rosso era il pullman che accompagnava il Grande Torino nelle varie trasferte ed anche lui diviene magicamente protagonista delle scene finali del filmato). Alla proiezione saranno presenti la regista Fabiana Antonioli e  uno di quei “Torino boys” di allora, Lando Macchi. A condurre la serata ci sarà il giornalista torinese Gian Paolo Ormezzano, prestigiosa firma e attenta memoria di quei tempi. L’evento, grazie anche al contributo di collezionisti privati, sarà impreziosito da una mostra di maglie storiche della Società granata e di rari cimeli del Grande Torino. Per l’occasione l’ingresso al Museo del Calcio e alla mostra temporanea sul Grande Torino sarà gratuito nei seguenti orari: sabato 25 febbraio 9.30-12.30; 15.00-20.30, domenica 26 febbraio 9.30-12.30, lunedì 27 febbraio 9.30-12.30; 15.00-18.00.

Giocagin – Domenica 26 febbraio dalle 9.30 al PalaMattioli di Via Benedetto Dei scocca l’Uisp organizza «Giocagin», storica manifestazione dedicata ad atleti di tutte le età, che coniuga i valori dello sport e della solidarietà. Sono 52 le città coinvolte, quindici solo in questo week-end dove oltre Firenze, sono in campo Ferrara, Alessandra, Udine, Grosseto, Livorno, Enna, Pisa. A Firenze saranno otto le società ad esibirsi in coreografie di danza, ginnastica artistica e ritmica, aerobica e ballo, arti marziali. Le società che partecipano sono Atletica Castello, Ariele, il Gabbiano, Polisportiva Tre Pietre, Sancat School, Sangiovannese, Uisp Scandicci e Genziana. In tutto si esibiranno oltre 260 bambini, ragazzi, adulti e anziani. Il fine è benefico: finanziare progetti di solidarietà per migliorare le condizioni di vita di bambini in aree disagiate. Quest’anno la raccolta fondi andrà a sostenere i bambini che fuggono dalla guerra in Siria e aiuterà il progetto portato avanti da Terre des Hommes Italia a Macharia al Qaa. L’obiettivo è l’acquisto di un Ludobus che possa aiutare ad affermare, anche in queste zone, il diritto dei bambini al gioco e a vivere la propria infanzia.

Il carnevale dei bambini – In Piazza Ognissanti sabato 25 c’è il Carnevale dei bambini, che quest’anno compie 10 anni. Sfilate, spettacoli, truccabimbi.

Mostre – È in corso «Firenze 1966 – 2016. La bellezza salvata», curata da Cristina Acidini e Elena Capretti, nel Museo Mediceo di Palazzo Medici Riccardi. Aperta fino al 26 marzo 2017, l’esposizione fa il punto sull’immenso danno subito dall’Alluvione del 1966, sull’enorme lavoro svolto, sulle conoscenze e sulle competenze acquisite, su quanto resta da fare, con una sezione dedicata a quel che non si penserebbe vero: c’è ancora un patrimonio artistico e di beni da restaurare. Promossa da Regione Toscana, Firenze Città Metropolitana, Comune di Firenze e Comitato Firenze 2016, con i fondamentali contributi dell’Opificio delle Pietre Dure e dell’Università di Firenze, la mostra è prodotta e organizzata da MetaMorfosi con la collaborazione di Opera Laboratori Fiorentini – Civita. Un itinerario articolato fra alcuni dei luoghi più colpiti dall’alluvione del ’66 (musei, collezioni, biblioteche, archivi, luoghi di culto), che si snoda fra gli ambienti monumentali di Palazzo Medici Riccardi (dove aveva sede nel 1966 il Museo Mediceo, letteralmente annientato dall’acqua), proponendo circa 150 opere e manufatti, fra dipinti, sculture, libri, documenti, oggetti d’arte applicata, strumenti musicali e scientifici, accompagnati da fotografie storiche e alcuni video che documentano i danni e gli interventi di recupero. In occasione della mostra, la Città Metropolitana di Firenze ha adottato il Biglietto integrato per il percorso museale (comprensivo de ‘La Bellezza Salvata’) pari a € 10 per il biglietto intero, ed € 6 per il biglietto ridotto (anche per soci Conad). Dettagli online

Presso la Palazzina ex Fabbri nel Parco delle Cascine viene riproposta la mostra fotografica sull’Alluvione del 1966 promossa dall’Associazione Firenze Promuove insieme ai consigli di Quartiere e curata dai giornalisti Franco Mariani e Mattia Lattanzi. La mostra potrà essere visitata il sabato (dalle 10 alle 12) e la domenica (dalle 15.30 alle 17). Visite fuori orario potranno essere richieste, compatibilmente con le esigenze di servizio, chiamando il 328/8785360.

Sette delle oltre 180 piante che costituiscono la collezione delle piante in cera del Museo Botanico sono state restaurate e si possono ammirare in una mostra presso l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze (via degli Alfani 78; ingresso 4 euro).

Nella Sala delle Carrozze, a Palazzo Medici-Riccardi, c’è la mostra «Ebrei in Toscana XX e XXI secolo», che racconta 100 anni di vita delle comunità ebraiche toscane e i loro intrecci con il resto della comunità ebraica italiana, i suoi collegamenti con quella europea, mediterranea e internazionale.

Al Museo dell’Opera del Duomo c’è «A Sud delle Montagne», mostra di 11 artisti cinesi contemporanei (“South of the Mountains” 11 Contemporary Chinese Artists), promossa dall’Opera di Santa Maria del Fiore e organizzata in collaborazione con Trealm Art. Inc. e Huaxi Culture Company. Cui Xiuwen, Fan Bo, Fang Lijun, Guan Ce, Qin Ai, Shang Yang, Su Xinping, Wu Didi, Xu Hong, Xue Song, Ye Yongqing sono 11 artisti contemporanei tra i più attivi oggi in Cina, che vivono a Pechino, Nanchino, e Guangzhou. Ingresso gratuito (ma è a pagamento l’ingresso al museo, 15 euro).

Al Museo di Storia Naturale (la Specola, via Romana, 17) c’è «Astronomia e Fisica a Firenze. Dalla Specola ad Arcetri». Da martedì a domenica: 9,30-16,30. Chiuso Lunedì. La mostra si sviluppa su tre luoghi: Tribuna di Galileo, 1° piano ingresso libero; Collezione Zoologica/Corridoio Mostre Temporanee, 2° piano Ingresso a pagamento con biglietto della sezione di Zoologia; – Torrino, visite guidate ore 11, 12.30, 15; la visita è inclusa nel biglietto di ingresso. Max 25 p. I gruppi si formano alla biglietteria del 2° piano senza prenotazione. Tel. 055-2756444. Sempre alla Specola c’è «Michelangelo Pistoletto a La Specola». Allestimento temporaneo dell’opera di Michelangelo Pistoletto «Uomo nudo di schiena».

Dal 4 al 26 febbraio 2017 l’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, presso la Sala delle Esposizioni in Via Ricasoli n.68, angolo Piazza San Marco, ospita la mostra dell’artista cinese Yang Fei Yun, Direttore dell’Accademia di Pittura a Olio di Pechino, dal titolo “Alla ricerca della propria origine”, curata da Adriano Bimbi, Rodolfo Ceccotti e Gao Jun. Yang Fei Yun è artista cólto, appassionato dal Seicento spagnolo, Velázquez in primis, e dall’Ottocento francese, dagli impressionisti e, ancor di più, dai postimpressionisti. Antonio Natali, autore di un testo critico nel raffinato catalogo realizzato a corredo della mostra, sottolinea come “in Oriente la cultura figurativa occidentale s’innesta in una civiltà ch’è certo più antica, ma d’una connotazione formale radicalmente diversa. Quello che in Cina s’è nel secolo scorso sperimentato dell’arte europea, è soprattutto il naturalismo; o, per meglio intendersi, il realismo. Ma la tradizione dell’Occidente – dal Trecento al Novecento – rimane una specie di ente estraneo. Alieno; e tuttavia nobile e molto amato dagli artisti cinesi; a tal segno amato da meritare uno studio fervido e assiduo”. Da martedì a sabato 10-13 / 17-19, domenica 10-13. Lunedì chiuso. Ingresso libero.

FIESOLE

Due grandi Sonate per pianoforte e violoncello di Beethoven (Sonata per pianoforte e violoncello n. 5 in re maggiore op. 102 n. 2) e Brahms (Sonata per pianoforte e violoncello n. 2 in fa maggiore op. 99) per Christa Bützberger e Giuseppe Barutti, protagonisti del terzo appuntamento di Momenti Musicali, domenica 26 febbraio ore 11 all’Auditorium Sinopoli, Via delle Fontanelle 24 Fiesole. Ingresso libero.

SESTO FIORENTINO

Al Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino (viale Gramsci 426) Domenica 26 febbraio ore 21 c’è «Sex and the World. Un recital». Dimitri Milopulos legge Bruno Casini, nel cui libro si parla di 25 anni di viaggi e incontri in giro per il mondo, da Orano in Algeria a Marrakech in Marocco, dall’isola greca di Patmos alla gay Bay Area di San Francisco in California, da una Berlino ancora divisa dal muro a Zeltweg in Austria per il concerto dei Rolling Stones e poi ancora Londra, Madrid, Barcellona, Parigi, Praga, Lisbona, Amsterdam, New York, Las Vegas, Ketama, fino a Herat in Afghanistan. Biglietto euro 5. Informazioni:Teatro Della Limonaia Tel.055-440852.

CALENZANO (FI)

Sabato 25 alle 21.15 al Teatro Manzoni di Calenzano (via Mascagni 18) una straordinaria Giuliana Musso in prima regionale al Teatro delle Donne, autrice ed interprete di «Mio Eroe», con la complicità di Alberto Rizzi, scene e assistenza Tiziana De Mario, musiche eseguite da Andrea Musto. Spettacolo ispirato alle storie di alcuni militari italiani caduti in Afghanistan durante la missione ISAF (2001-2014). Storie raccolte dalla voce delle loro madri, che testimoniano con devozione la vita di figli che non ci sono più, ne disegnano il carattere, il comportamento, gli ideali. Costruiscono un altare di memorie personali che trabocca di un naturale amore per la vita. Cercano parole e gesti per dare un senso al loro inconsolabile lutto ma anche all’esperienza della morte in guerra, in tempo di pace. Nell’alveo di questi racconti intimi, a tratti lievi a tratti drammatici, prende però forza e si fa spazio un discorso etico e politico. In Mio Eroe, la voce stigmatizzata della madre dolorosa, da sempre sequestrata nello spazio dei sentimenti, si apre un varco, esce dagli stereotipi e si pone interrogativi puntuali sulla logica della guerra, sull’origine della violenza come sistema di soluzione dei conflitti, sul mito dell’eroe e sulla sacralità della vita umana. Intero 13 euro; ridotti 10 / 7 / 5 euro. Prevendite: circuito www.boxofficetoscana.it e online www.boxol.it
Biglietteria del teatro dalle ore 18. Info e prenotazioni  teatro.donne@libero.itwww.teatrodelledonne.com
Tel 055 8877213 / teatro.donne@libero.it

CAMPI BISENZIO

Una commedia brillante che rilegge in salsa toscana uno dei film francesi più celebri e divertenti di sempre. Questo è «Tre uomini e una culla», lo spettacolo di e con Andrea Bruno Savelli che andrà in scena sabato 25 febbraio alle 21 al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio (piazza Dante n.23). L’esilarante storia dei tre eterni ragazzi ultratrentenni, le cui tranquille esistenze all’insegna del divertimento vengono sconvolte dall’improvviso arrivo di una bambina di cui prendersi cura, vedrà sul palcoscenico accanto al regista e attore anche Alessandro Riccio, Lorenzo Baglioni e Nicola Pecci. L’evento, inserito nell’ambito della stagione di prosa del teatro, inaugurerà anche l’ottava edizione della rassegna dedicata all’attore fiorentino Andrea Cambi, che seleziona il meglio della comicità toscana, e sarà in replica domenica 26 febbraio alle 16.30 (biglietti da 10,50€ a 22.50€).

SCANDICCI

Al Teatro Studio di Scandicci (Via Gaetano Donizetti 58, Scandicci. Tel. 055.7351023) sabato 25 febbraio alle  21 c’è «Lourdes» di Luca Ricci con Andrea Cosentino: una sorta di «Mistero Buffo» contemporaneo, decisamente connotato in senso grottesco. Il monologo presenta vari personaggi, ciascuno con le proprie aspettative e speranze, tutti in viaggio verso Lourdes, in attesa di un miracolo. A guidarli e interpretarli è un attore solo in scena, Andrea Cosentino, che veste la divisa di Maria Angulema, colei che ha deciso di intraprendere quel lungo viaggio in treno come volontaria dama di carità, per chiedere alla Madonna spiegazioni sulla morte improvvisa del padre. Biglietti 14 / 12 / 10 euro. Prevendita TEATRO DELLA PERGOLA, Via della Pergola 30, Firenze.  Da lunedì a sabato dalle 9.30 alle 18.30. Tel. 055.0763333; biglietteria@teatrodellapergola.com.

PRATO

Al Teatro Fabbricone (Via Targetti, 10 – Prato; 0574 690962) sabato 25 alle 19.30 e domenica 26 alle 16.30 Motus, gruppo di ricerca radicale che ha segnato profondamente il teatro post-anni Novanta, inneggiano alla liberà solitaria nel nuovo spettacolo MDLSX, diretto da Enrico Casagrande & Daniela Nicolò e interpretato da Silvia Calderoni. www.metastasio.it

La Compagnia Italiana di Operette torna al Teatro Politeama Pratese, sabato 25 febbraio alle 21 (in replica pomeridiana domenica 26 febbraio), con uno dei classici più amati del genere, «Al Cavallino Bianco», con le musiche di Benatzky e Stohlz. L’intreccio complicato di amori e passioni e la sapiente miscela di commedia musicale, rivista e operetta  fanno di questo spettacolo uno dei più rappresentati nei teatri di tutta Europa. Protagonisti Victor Carlo Vitale e Silvia Santoro. Prezzi: da 14 a 18 euro. Orari biglietteria: dal martedì al sabato: dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 19.30, 30 minuti prima dell’orario d’inizio.

PISA

Al Teatro Sant’Andrea (via Santa Bibbiana) Domenica 26 febbraio alle 21.15 si ascolta «Purple Wales. Inspired by Jimi Hendrix». Simone Graziano: arrangiamento, composizione, Fender Rhodes, piano, synth, Alessandro Lanzoni: arrangiamento, composizione, Fender Rhodes, piano, Naomi Berrill: voce, violoncello, Michele Tino: sax tenore, Stefano Tamborrino: batteria, steel guitar. Special guest Dimitri Grechi Espinoza: sax. Info: 055 240397 –  Prevendite online www.eventimusicpool.it  www.ticketone.it Circuito regionale Box Office – 055 210804 www.boxol.it

TERRANUOVA BRACCIOLINI (AR)

Un’opera piena di ironia amara e tagliente sui ritmi estenuanti della vita e la follia della società contemporanea: è «Noway», lo spettacolo firmato dalla compagnia pratese Prospettiva Capaneo che debutta sabato 25 febbraio alle 21.15 all’Auditorium Le Fornaci di Terranuova Bracciolini (via Vittorio Veneto 19, Arezzo). Il lavoro, uno studio nato da un’esperienza di residenza artistica per under 35 tra l’auditorium di Loro Ciuffenna e quello di Terranuova, si inserisce nell’ambito della rassegna teatrale Diffusioni, a cura di KanterStrasse (ingresso 10/7€, www.lefornaci.org).

FOIANO DELLA CHIANA (AR)

Non è arcinoto come quello di Viareggio, ma anche il Carnevale di Foiano della Chiana è uno dei più famosi e antichi carnevali italiani, risalendo la prima edizione al 1539. Domenica 26 quarta giornata della 478a edizione, con corsi mascherati e spettacoli da mattina a sera. www.carnevaledifoiano.it

AREZZO

Domenica 26 febbraio ad Arezzo si terrà il tradizionale Carnevale Aretino Orciolaia. Come ogni anno, il centro storico aretino ospiterà tanti carri allegorici e divertimenti per tutte le età. A divertire i più piccoli ci penseranno anche i trenini.

Domenica 26 febbraio torna il Mercatino delle pulci al Centro Affari per la sua seconda edizione al coperto. Più di 600 banchi tra svuotasoffitte, operatori del proprio ingegno, collezionisti e hobbisti vintage all’insegna del riciclo e il riuso; area bimbi a cura di Aprito il villaggio dei piccoli aperto ai grandi con laboratori di riciclo creativo, musica, yoga, ludoteca e carnevalino degli Orti Redi. Ritorna anche il laboratorio autobiografico: “Gli Oggetti si raccontano”. Colonna sonora di Radio Trash by Tenerondo Trash Party. Ingresso libero.

ORBETELLO (GR)
Domenica 26 a Orbetello (GR) si terrà la 48° edizione del Carnevaletto da 3 Soldi. Nel corso della manifestazione le bande folkloristiche animeranno le vie cittadine con musica e balli, mentre gli spettacoli di piazza divertiranno grandi e bambini.

VIAREGGIO (LU)

Sfilata coi noti giganteschi carri allegorici domenica 26 febbraio alle ore 15; Martedì Grasso 28 febbraio Corso Mascherato notturno di Chiusura, che inizierà alle ore 15 e terminerà con la proclamazione dei verdetti delle giurie e lo straordinario spettacolo pirotecnico conclusivo. Teatro dell’esibizione pirotecnica sarà l’arenile antistante piazza Mazzini, luogo dei rituali carnevaleschi viareggini. Ma non è in realtà finita, perché la prima sfilata saltò per maltempo e se ne farà un’altra il 5 marzo. Ingresso 15 / 12 euro (18 / 13 per i corsi delle domeniche successive). Ingresso gratuito per bambini fino a 1,20 mt di altezza.

 

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.