Skip to main content

Messina: magistrati condannati a risarcire i danni. Donna denunciò 12 volte il marito che poi l’ha uccisa

MESSINA – Strano ma vero, una volta tanto i magistrati condannano altri magistrati. La Corte d’appello di Messina ha condannato i magistrati che lasciarono nella possibilità d’agire un marito violento, denunciato 12 volte dalla moglie Marianna Manduca, poi uccisa dall’uomo, Saverio Nolfo, 10 anni fa a Palagonia (Catania). La Corte ha stabilito che ci fu dolo e colpa grave nell’inerzia dei pm che, dopo i primi segnali di violenza da parte del marito, non trovarono il modo di fermarlo, nonostante le reiterate denunce della donna. Nolfo, tre figli, è in carcere dove sconta 20 anni per omicidio.  La condanna si rifà alla legge sulla responsabilità civile dei magistrati e riguarda due pubblici ministeri che nel 2007 – quando avvenne l’omicidio di Marianna Manduca, uccisa dal marito Saverio Nolfo più volte denunciato ma senza esito – lavoravano alla procura di Caltagirone (Catania). Insieme ai due pm è stata condannata al risarcimento delle parti civili anche la Presidenza del consiglio dei ministri, il che vuol dire che i danni li pagheremo tutti noi e non i magistrati che hanno sbagliato, ma questa è la legge che protegge ancora una volta la magistratura, nonostante la volontà popolare contraria espressa in un referendum.

condanna, denuncia, donna, magistrati, marito, pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741