I colleghi di via Battelli

Pisa: solidarietà al gioielliere Ferretti dai commercianti. Con uno striscione

di Redazione - - Cronaca, Top News

Stampa Stampa

PISA – Hanno espresso aiuto e solidarietà da subito, i colleghi del gioielliere Daniele Ferretti, che ha ucciso un bandito durante una rapina. E che ora è indagato per omicidio volontario. I commercianti di via Battelli hanno appeso stamani uno striscione di solidarietà. Su un lenzuolo affisso vicino alla gioielleria è stato scritto: «Vicini alla famiglia Ferretti. I commercianti».

Domani, venerdì 16 giugno, a mezzogiorno, un presidio di solidarietà è stato programmato dalla lista civica Noi adesso Pisa e Fratelli d’Italia. Testimonianze di affetto e vicinanza al gioielliere e alla sua famiglia sono state espresse fin da subito dopo la rapina da amici e conoscenti e da tutta la comunità pisana.

I commercianti, ma anche i cittadini comuni, vedono nell’inchiesta aperta dalla procura addirittura per omicidio volontario un atteggiamento persecutorio della magistratura verso le vittime di reati violenti che hanno il solo torto di essersi difesi. Si chiede soprattutto un’accelerazione alla legge sulla legittima difesa che chiarisca alcune situazioni ed eviti altri guai a chi subisce violenze come le rapine e i tentativi di rapina in casa o in negozio.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.