Gli atti necessari per l'uscita dalla Ue

Brexit: le tappe previste dal Trattato di Lisbona. Atto finale il 29 marzo 2019

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

BRUXELLES – Il Trattato di Lisbona prevede che il negoziato per l’uscita di un Paese dalla Ue duri al massimo due anni. L’orologio per la Gran Bretagna è partito il
29 marzo scorso, quando Londra ha inviato a Bruxelles la lettera ufficiale con cui ha attivato l”articolo 50. Dopo l”adozione delle linee guida dell’Ue, avvenuta tra aprile e maggio, ora è partito il negoziato. Ecco i passaggi temporali restanti.
* 22 giugno: cena a 27 dopo il vertice Ue per fare il punto
* Autunno 2017: il governo di Londra presenta la legge (Great Repeal Bill) che annullerà l’atto del 1972 (European Communities Act) che sanciva l”incorporazione della legislazione europea in quella britannica.
* Entro fine autunno 2017: se sono stati fatti i progressi necessari su diritti dei cittadini, ”conto” di Londra e Irlanda del Nord, si potranno aprire i negoziati sulla relazione futura della Gran Bretagna con l’Ue.
* Entro ottobre 2018: conclusione dei negoziati prevista da parte Ue per permettere le procedure di ratifica.
* Entro 29 marzo 2019: Parlamento britannico approva l’accordo e il ”Great Repeal Bill”. Il Consiglio Ue a 27 approva a maggioranza qualificata.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.