La situazione dell'arrestato si aggrava

Torino: uomo che travolse motociclisti accusato omicidio volontario

di Paolo Padoin - - Cronaca

TORINO – Dopo la perizia depositata in merito alle modalità dell’incidente la procura subalpina ha cambiato il capo d’imputazione per l’uomo che ha investito volontariamente con il suo suv due motociclisti, uccidendo una ragazza e provocando ferite gravissime all’uomo che guidava la moto. «Questo ufficio ha richiesto in data odierna, al giudice per le indagini preliminari competente, la convalida dell’arresto e la applicazione nei confronti dell’arrestato della misura cautelare della custodia in carcere per i reati di omicidio volontario aggravato dai futili motivi, per la morte di Elisa Ferrero, e lesioni gravi, ai danni di Matteo Penna». Così scrive il procuratore capo di Torino, Armando Spataro, in una nota ufficiale, frutto dei primi riscontri di indagine. Ad incastrare Maurizio De Giulio, l’elettricista di Nichelino che domenica scorsa ha travolto una coppia di fidanzati sulla statale 24 tra Susa e Torino, ci sarebbe anche un video «registrato dalla telecamera di un impianto di sorveglianza della zona», che ha ripreso il folle inseguimento della moto in prossimità dell’abitato di Condove. «Inoltre una consulenza tecnica disposta con urgenza dal pm che procede – aggiunge Spataro – risulta confermata (anche attraverso l’analisi dell’impianto abs in dotazione all’autocarro) l’assenza di frenata del veicolo investitore, così da potersene dedurre – unitamente agli altri citati elementi – la volontarietà della condotta omicidiaria dell’arrestato».

La posizione del De Giulio si è quindi aggravata notevolmente, non più omicidio stradale, ma omicidio volontario l’accusa, con il rischio di 30 anni di carcere.

Tag:, , , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: