Skip to main content

Prato: cinesi morti in rogo a Vaiano. Tre arresti

La casa di Vaiano dove persero la vita le due persone di nazionalità cinese

PRATO – Tre arresti per il rogo di Vaiano, nella casa trasformata in azienda, dove morirono due persone di nazionalità cinese. Sono stati arrestati i due cinesi, un uomo e una donna, titolari di una ditta di confezioni abusiva e la proprietaria della casa, dove il 26 agosto scorso si sviluppò un incendio che provocò la morte di un uomo e una donna cinesi.

Per la proprietaria il gip ha disposto la custodia cautelare ai domiciliari, mentre i due cinesi sono stati accompagnati al carcere pratese della Dogaia. Le tre persone raggiunte dall’ ordinanza di custodia cautelare sono accusate di omicidio colposo aggravato ed incendio colposo aggravato. Sui due proprietari della ditta pendono anche le accuse di omissioni dolosa di cautele sui luoghi di lavoro. Nel rogo persero la vita un uomo e una donna di 35 anni, di nazionalità cinese. Secondo gli investigatori, nell’abitazione era stata impiantata abusivamente una ditta di confezione tessile con numerose postazioni.

cinesi, gip, Rogo di Vaiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741