Ponte dell'Immacolata: cosa fare di giorno e di sera

Week End lungo 8-10 dicembre a Firenze e in Toscana: sapori di Natale, spettacoli, mostre

Il Complesso di Santa Maria del Fiore e il Campanile di GiottoFIRENZE

Presepio sul sagrato e concerto in Duomo – Dall’8 dicembre al 6 gennaio torna il presepio sul sagrato della Cattedrale di Santa Maria del Fiore con statue di terracotta a grandezza naturale, create da una fornace dell’Impruneta. Il Cardinale Giuseppe Betori lo benedirà venerdì 8 dicembre, prima della Messa delle 10.30. La sera alle 21 concerto di inaugurazione dell’organo della Cattedrale (Mascioni Opus 805, suddiviso in sei corpi sonori, 4 consolles e 7.551 canne) appena restaurato e ampliato, alla presenza del Cardinale Giuseppe Betori e del Presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore, Luca Bagnoli. A suonare sarà Oliver Latry, primo organista della Cattedrale di Notre-Dame a Parigi e concertista di fama mondiale, accompagnato in un brano da Daniele Dori, e  dall’Orchestra dei Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino diretti dal Maestro di Cappella Michele Manganelli. Il programma musicale metterà in evidenza tutte le qualità sonore dell’organo con brani di Wolfgang Amadeus Mozart, Eugene Gigout, Franz Liszt e Francis Poulenc; per finire, un’improvvisazione sulle note di Aria di Fiorenza. Ingresso libero fino a esaurimento dei posti.

La Bella addormentata in versione contemporanea – Al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino la Compagnia Balletto di Toscana Junior (danzatori dai 16 ai 24 anni) diretta da Cristina Bozzolini presenta «La Bella Addormentata», con musica di Pëtr Il’ič Čajkovskij eseguita dal vivo dall’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretta da Giuseppe La Malfa. La lettura attualizzante è firmata dal coreografo Diego TortelliGiovedì 7 ore 20, Sabato 9 ore 15.30 e 20, Domenica 10 ore 15.30. Biglietti da € 5 a € 50. Info e prevendite sul sito del teatro.

Musica ribelle – Da martedì 5 a domenica 10 (ore 20.45; domenica ore 15.45) al Teatro della Pergola va in scena «Musica ribelle – La forza dell’amore», opera rock sulle sfide dell’oggi e il fermento culturale degli anni Settanta con le musiche di Eugenio Finardi, la regia di Emanuele Gamba e l’interpretazione di Federico Marignetti, Massimo Olcese, Arianna Battilana, Mimosa Campironi. Rock non solo per le sonorità che lo segnano con una band dal vivo, ma soprattutto per l’attitudine, l’approccio, l’ispirazione di questo musical su soggetto di Pietro Contorno, che nasce dall’omonima canzone di Finardi per raccontare e attraversare un’epoca, gli anni Settanta, fino ai giorni nostri. Biglietti da 13 a 34 euro; info 055.0763333, prevendite Box Office anche online

I Kulunka a Rifredi – Torna al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303) Kulunka Teatro, la compagnia basca rivelazione della scorsa stagione. Venerdì 8 dicembre alle 16.30 va in scena «Solitudes»,  commedia agro-dolce sul dramma delle solitudini  e delle incomunicabilità familiari, viaggio nella quotidianità che, combinando il serio e il comico, commuove, diverte e invita alla riflessione. Sabato 9 alle 21 e domenica 10 alle 16.30 torna «André e Dorine», storia di una coppia di anziani intellettuali che vive la placida routine di tanti anni di matrimonio finché a sconvolgerla e cancellarla arriva l’Alzheimer di Dorine, che André tenta di contrastare.  Biglietti 16 / 14 euro; info 055/422.03.61, www.toscanateatro.it

Amici della Musica – Sabato 9 dicembre alle 16 al Teatro della Pergola (via della Pergola, 18) il pianista Benedetto Lupo suona Debussy. Domenica 10 alle 21 al Saloncino del Teatro della Pergola si ascoltano le Variazioni Goldberg, BWV 988 di Johann Sebastian Bach nella versione per trio d’archi; eseguono Marco Rizzi, violino, Diemut Poppen, viola, Manuel Fischer-Dieskau, violoncello. Lunedì 11 alle 21 al Saloncino il Quartetto di Cremona con Andrea Lucchesini al pianoforte e Riccardo Donati al contrabbasso per il quartetto La morte e la fanciulla e il Quintetto La trota di Schubert. Biglietti da 14 a 25 euro. Info su www.amicimusicafirenze.it.

GAMO Festival – Si chiude domenica 10 alle 11 presso il Museo Novecento (Piazza Santa Maria Novella 10) il GAMO International Festival con la prima assoluta di Ophelia Suite, omaggio al celebre personaggio shakespeariano su musiche originali di Stefano Pierini. Il concerto è una produzione originale, eseguita dal Gamo Ensemble, diretto da Francesco Gesualdi, composto da Marco Ortolani (clarinetto), Nicola Tommasini (fisarmonica), Camilla Insom (viola), Giorgio Marino (violoncello), Alberto Lo Gatto (contrabbasso). Al centro due voci: quella recitante dell’attore Eugenio Allegri, registrata ed elaborata digitalmente, e quella dal vivo del soprano Ljuba Bergamelli. Al centro Ophelia, l’anti eroina, la vittima universale del potere, della società patriarcale e maschilista, dell’ambizione altrui; la donna riflessa negli occhi degli uomini che la circondano e la soffocano. Brani tratti da Shakespeare, Kierkegaard, Rilke, De Nerval e Sylvia Plath, letti dalla voce di Allegri, si alterneranno a una “mad song” interpretata dalla Bergamelli e a rielaborazioni di musiche di Schumann, Brahms e Strauss. Prima tappa di un lavoro di ampie dimensioni sulla figura di Ophelia costruito sul modello delle 14 stazioni della Via Crucis, che costituiranno il percorso della Passione laica della protagonista. Ingresso 5€. Prenotazioni 055 210804.

Cristina Donà e Ghemon – Venerdì 8 all’Auditorium Flog (via Michele Mercati, 24/b) Ghemon, rapper dai molti sold out, arriva anche a Firenze a presentare il suo ultimo disco “Mezzanotte”. Apre Yombè. Sabato 9 Cristina Donà, una delle voci più originali della scena musicale italiana, che in vent’anni di carriera ha contribuito a definire una nuova stagione del Rock di matrice mediterranea. Aprono i Blindur e chiude la serata il Dj Set di Folie à deux. Ingresso 15 / 13 euro per entrambi; apertura ore 21.30.

Festival del Musical Indipendente – Al Teatro di Cestello (Piazza Cestello, San Frediano) per il Festival del Musical Indipendente, sabato 9 alle 20.45 e domenica 10 alle 16.45 show di Natale in esclusiva nazionale di due vedette del teatro musicale italiano, Luca Giacomelli Ferrarini (l’acclamato protagonista di Romeo e Giulietta di David Zard, che rivedremo al Verdi a maggio, nella foto) e Cristian Ruiz, protagonisti del coloratissimo e ricco di sorprese «Christmas in love». Info e prenotazioni 055.294609.

Rio Mezzanino, Aldo Moro e Palmina – Al Teatro Il Progresso (via Vittorio Emanuele II 135) venerdì 8 alle 21.45 i Rio Mezzanino presentano il loro album Black Mamba, un intreccio fra rock, folk ed elettronica, con uno sguardo teso ad esplorare nuovi terreni. Antonio Bacchiddu (voce e synth), Federica Fabbri (chitarre, cori), Leonardo Baggiani (basso), Giuseppe Viesti (pad&percussioni), Oretta Giunti (batteria, cori). Ospite Letizia Fuochi. Ingresso 5 euro. Seguono due giorni di teatro civile con la Compagnia Teatro Prisma di Bari, che sabato 9 alle 21.15 inscena «Chi ha paura di Aldo Moro?» e domenica 10 alle 16  «Palmina – Amara terra mia», scritto e diretto da Giovanni Gentile, con Barbara Grilli. La storia di Palmina Martinelli, 14enne arsa viva nel 1981 dalla Sacra Cortona Unita e il cui caso non è ancora chiuso. Ingresso 10 / 8 euro.

Verdiana Raw – Secondo appuntamento con la rassegna Firenze Suona #downTown Venerdì 8 dicembre ore 19.30 a Le Murate Caffè Letterario (Piazza delle Murate): laboratorio di preparazione all’ascolto con sonorizzazioni e proiezioni a cura di MAB; a seguire concerto con Verdiana Raw Trio (Verdiana Raw, King of the Opera e Andrea Cuccaro). Presenta la serata Giancarlo Passarella. Ingresso gratuito.

Santa Claus is Coming to Pinocchio Jazz – Al Pinocchio Jazz Club di Viale Giannotti si ascoltano la vellutata voce e il sax di Mads Mathias, il fuoriclasse Nico Gori, ai clarinetti, l’eclettico Antonio Zambrini al piano e Regin Fuhlendorf alla chitarra, diretti da uno dei più raffinati e originali contrabbassisti europei del momento, Jesper Bodilsen. Dall’incontro di tre culture, americana, scandinava e italiana è nato il progetto e album «Santa Claus is Coming to Town” di Jesper Bodilsen, contrabbassista noto al pubblico italiano per le collaborazioni con Enrico Rava e Stefano Bollani (Danish Trio). Un repertorio che mescola grandi classici del songbook americano a brani popolari danesi e canzoni napoletane.

Bambini all’ORTSabato 9 dicembre ore 16.30, al Teatro Verdi (via Ghibellina 99) parte il ciclo di appuntamenti dedicati al pubblico dei bambini e famiglie con un amico più volte ospite dell’ORT, Gregorio Mazzarese con lo spettacolo “Nel Giardino degli Archi”. Un viaggio alla scoperta dei segreti e storie degli strumenti ad arco dell’orchestra. Biglietti da euro 5.

 A grande richiesta al Teatro Puccini (Via delle Cascine 41) sabato 9 alle 21 e domenica 10 alle 16.45 torna «Il mago di Oz» nella riduzione di Italo Dall’Orto. La distribuzione e la produzione per la stagione 2017/18 sono affidate a KhoraTeatro, compagnia di produzione Teatrale di Alessandro Preziosi, Tommaso Mattei e Aldo Allegrini, in collaborazione con ENTR’ARTe. La regia è di Italo Dall’Orto, che insieme a Luca Ventura, interprete in scena di OZ, ha curato il riallestimento e il nuovo cast. Dorothy, da sempre interpretata dalla giovane ma potente Gea Dall’Orto vedrà anche il debutto della piccolissima Elena Chelazzi, nella recita di domenica. Posto unico numerato € 18, ridotto under 14 anni € 13, prevendita Box Office, info 055.362067 – 055.210804.

Careggi in Musica – Domenica 10 alle 10.30, nella stagione Careggi in Musica, rassegna di musica in ospedale organizzata da A.Gi.Mus. in collaborazione con l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi, c’è «Il clarinetto allegro appassionato» con Ivano Rondoni, clarinetto, e Christa Butzberger, pianoforte. Musiche di Reinecke, Winding, Jenner. Ingresso libero.

River to river – Sarà il regista Onir la guest star della prima giornata del 17° River to River Florence Indian Film Festival, venerdì 8 alle 20.30 al cinema La Compagnia (Via Cavour, 50/r), al River to River per presentare la prima italiana di “Shab – The Night”. Onir è stato il primo cineasta indiano a portare sullo schermo temi tabù come l’Hiv, pedofilia, la fecondazione assistita e unico regista di Bollywood dichiaratamente omosessuale, in un Paese dove l’omosessualità è illegale. Al termine del film si terrà l’incontro con il pubblico a cui parteciperà il regista. La proiezione è in collaborazione con il Florence Queer Festival. Biglietto singolo 6 euro, giornaliero 10. Proiezioni a partire dalle 11; finale di giornata al BUH Circolo Culturale Urbano (via Panciatichi 16) col River to River Bollywood Party: dj set di Indian Man, acclamato dj indiano della scena inglese che farà ballare a ritmo di bhangra. Sarà possibile assaggiare le specialità di Nura, il primo food truck italiano di cucina indiana specifica del Kerala, terra dove sono nati lo yoga e la medicina ayurvedica, con specialità a base di menta, ginger, cocco, anacardi, carne e pesce. Il festival cinematografico prosegue anche sabato 9 e domenica 10. Dettagli su www.rivertoriver.it.

Rock – Sabato 9 alle 22.30 Pablo Runba Vino rosso e Cabaret che vedrà sul palco al al BUH Circolo Culturale Urbano (via Panciatichi 16) i ritmi coinvolgenti del Secondo Appartamento e lo “One Man Band” Frederickk. Folk raffinato e passione per le storie, soprattutto quelle fuori dal comune. Ingresso libero soci ARCI).
Nuovi Cantieri Culturali Isolotto – Venerdì 8 dicembre dalle 18 alla Galleria Isolotto, Piazza dei Tigli,  ingresso libero: Figure. Solo exhibition | 11 opere pittoriche di Serena Nono *Duetti giovanili | Brevi azioni coreografiche dei bambini della Scuola Primaria Montagnola-Gramsci. Omaggio agli Olmi_Solo notturno | Performance di Jari Boldrini/Compagnia Virgilio Sieni. Lessons of Darkness: Christian Boltanski | Incontro con la storica dell’arte Maria Antonia Rinaldi.

Arti marziali – Edizione XXIV di Oktagon Bellator, l’evento di sport da combattimento che vedrà grandi stelle di kickboxing e Mma, sul ring e nella gabbia, sabato 9 dicembre, per il secondo anno consecutivo al Mandela Forum (Piazza Berlinguer). Un cartellone di 15 incontri: 5 di thai boxe fight code rules, 5 di kickboxing, 5 di arti marziali miste. Su tutti, la sfida per il titolo mondiale Bellator di MMA degli 84 kg tra lo sfidante, l’italiano Alessio Sakara, e il campione in carica, il brasiliano Rafael Carvalho, che questa mattina hanno partecipato alla presentazione al palazzo del Pegaso. Attenzione rivolta anche alle figure di casa in Toscana, da Gloria Peritore a Enrico Carrara, Tony Zanko e Hamza Imane. Dettagli su www.oktagon.it

Cirque Reckless – Dal 7 dicembre al 7 gennaio nel Palateatro Tenda presso l’Ippodromo del Visarno in Viale degli Olmi – Parco delle Cascine c’è il Cirque Reckless con «Imagine», spettacolo natalizio con acrobati, giocolieri, motociclisti, ventriloqui e ballerini acrobati; giochi di luci e un susseguirsi di coreografie, continui cambi di costume e di scena e tanta, tanta musica. Info cirquereckless.com

Tenax – Al Tenax (Via Pratese, 46; vietato ai minori di 18 anni; ingresso 10/12 € – apertura porte ore 22:30) sabato 9 serata Nobody’s Perfect! coltrio Bosconi SoundSystem aka Fabio Della Torre, Mass Prod and Rufus. Nato come progetto basato sul concetti di djing e di crew, dove l’idea del gruppo, la sinergia, l’amore per la musica senza compromessi, sono i suoi punti cardine, Bosconi Soundsystem è allo stesso tempo futurista e old school.

Carole natalizie – Alle fermate del tram da Nenni a Paolo Uccello venerdì 8 dalle 16 alle 19 canti natalizi a cura di Athenaeum Musicale Fiorentino.

Fierucola dell’Immacolata – In Piazza della SS. Annunziata da venerdì 8 a domenica 10 Fierucola dell’Immacolata.

Firenze Winter park – All’Obihall (Lungarno Aldo Moro) Firenze Winter park, con pista di pattinaggio. Info firenzewinterpark.it

Mercatini di Natale e Contemporaneamente – È aperto in piazza Santa Croce dalle 10 alle 22 il Weihnachtsmarkt, mercatino natalizio in stile tedesco. Sabato 9 dalle 9 alle 13 alla sede ENPA in via Ricasoli 73r mercatino natalizio a favore degli animali in cerca di adozione. All’Hotel Albani (via Fiume 12) da venerdì 8 a domenica 10  mercatino natalizio dell’ATT, Associazione Tumori Toscana. Venerdì 8 per tutto il giorno gran mercato di Natale in Viale Paoli e Piazza Berlinguer. Dall’8 al 10 in Piazza Strozzi c’è Artour – Il bello in piazza.  In via Maggio dal 2 al 24 dicembre performance musicali, libri, calligrafia, mostre, presentazioni, arte, artigianato e citazioni gastronomiche di eccellenza all’insegna della contemporaneità sono proposte in più di trenta spazi e gallerie in una convivenza con l’antico per rivelare la cultura contemporanea della storica strada. Dettagli su: http://www.associazioneviamaggio.it/contemporaneamente-2017/

Mostre – Dal 21 settembre 2017 al 21 gennaio 2018 Palazzo Strozzi ospita «Il Cinquecento a Firenze». Oltre settanta opere di artisti in dialogo fra loro. Ultimo pezzo d’una trilogia di mostre di Palazzo Strozzi a cura di Carlo Falciani e Antonio Natali, iniziata con Bronzino nel 2010 e Pontormo e Rosso Fiorentino nel 2014, la rassegna celebra un’epoca culturale segnata dalla Controriforma del Concilio di Trento e dalla figura di Francesco I de’ Medici, uno dei più geniali rappresentanti del mecenatismo di corte in Europa. Importante la campagna di restauri condotta in occasione dell’esposizione. Tutti i giorni inclusi i festivi 10-20, giovedì 10-23. Info 055 2645155, www.palazzostrozzi.org

Una selezione di pietre lavorate appartenute alla famiglia Medici, affiancata da un’esposizione di minerali naturali di rara bellezza provenienti dall’Italia e da tutto il mondo, è in mostra al Museo di Storia naturale dell’Università di Firenze, meglio noto come La Specola (via Romana, 17 Firenze – 1° piano). La mostra si intitola «Mineraliter. Pietre mirabili tra Medici e Natura» e resterà aperta fino al 31 dicembre. Il percorso ha inizio dalle origini del collezionismo rinascimentale per giungere  a mostrare la ricchezza scientifica ed estetica delle attuali collezioni mineralogiche del Museo. È esposta una selezione della collezione di pietre lavorate (coppe, vasi, oggetti ornamentali), per la maggior parte proveniente dal cosiddetto Tesoro dei Medici. La passione per l’arte dell’incisione di gemme e pietre dure, infatti, caratterizzò sempre la celebre dinastia, a cui si deve – per iniziativa di Ferdinando I – la fondazione dell’Opificio delle Pietre Dure nel 1588. Nell’esposizione alla Specola, fra gli altri preziosi oggetti, due coppe in diaspro e una coppa in giada nefrite appartenute a Lorenzo il Magnifico, come riporta l’incisione Laurmed. Ma anche la tazza in lapislazzuli a forma di conchiglia, citata dal Vasari, acquistata da Cosimo I nel 1563 dal celebre lapicida milanese Gasparo Miseroni o lo straordinario vaso a navicella in quarzo ialino, scavato e lavorato da un unico blocco, di manifattura fiorentina della fine del XVI secolo. Alcuni oggetti risalgono invece all’epoca lorenese, come la tabacchiera in malachite, montata in  oro, di manifattura spagnola, probabile dono per le nozze di Pietro Leopoldo di Lorena con Maria Luisa di Borbone. Orario: da mart a dom. 9.30-16.30. € 6/3. Il biglietto comprende anche la visita alla Collezione Zoologica al 2° piano. Info e visite guidate: 055 2756444.

L’importanza dell’arte tessile a Firenze nel Trecento, sia dal punto di vista economico che nel campo della produzione artistica e nei costumi della società del tempo, è illustrata dalla mostra «Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura» che la Galleria dell’Accademia (via Ricasoli) ospita fino al 18 marzo 2018. Dipinti, un vestitino in lana prestato dal National Museum di Copenhagen, confezionato a metà del XIV secolo per una bimba, recuperato dagli archeologi in Groenlandia, il piviale del Museo Nazionale del Bargello.

Nella chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte fino al 1 maggio 2018 c’è la mostra Monet Experience and the Impressionists. Tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, dalle 10 alle 19.30. Ogni domenica mattina tra le 10 e le 12,30, durante la rappresentazione immersiva i danzatori della Lyricdancecompany proporranno spettacolari interventi ispirati a Monet e al mondo impressionista, con le coreografie firmate da Alberto Canestro, direttore della compagnia. I ballerini si avvarranno della scenografia unica di ‘Monet Experience’, dopo il positivo riscontro di pubblico del primo esperimento di fusione della danza con le mostre multimediali proposte da Crossmedia a Santo Stefano al Ponte, in occasione di ‘Klimt Experience’. La biglietteria chiude alle 18.30. Intero 13 euro, 10 per studenti e over 65. Pagano 5 euro i bambini dai 5 ai 12 anni, gratuito sotto i 5 anni. Agevolazioni per le famiglie da 4, 5 o 6 persone, che pagano rispettivamente 34, 40 e 44 euro. In gruppo (minimo dieci persone) si paga 9 euro.

A Villa Bardini (Costa S. Giorgio, 2) dal 14 luglio al 7 gennaio c’è «Lloyd. Paesaggi toscani del Novecento». L’opera di Llewelyn Lloyd (1879 – 1949) in una mostra curata da Lucia Mannini . Sono raccolte 60 opere dell’artista provenienti da 27 diverse collezioni private di tutta Italia (specie da Firenze e Livorno, ma anche da Roma, Milano, Viareggio e Reggio Emilia) e da collezioni pubbliche come la Galleria di Arte Moderna di Roma, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, la Pinacoteca civica del Comune di Forlì, la Pinacoteca Civica “Foresiana” di Portoferraio (Isola d’Elba), la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e la Fondazione Livorno, le Gallerie degli Uffizi Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti. Orario: da martedì a domenica, dalle 10.00 alle 19.00 (ultimo ingresso alle ore 18.00). Lunedì chiuso.

Al secondo piano di Palazzo Pitti, tesori tratti dalle raccolte del cardinale Leopoldo de’ Medici (1617-1675). Vero ‘Principe dei collezionisti’, come sottolinea il titolo della mostra aperta fino al 28 gennaio al Museo degli Argenti di Pitti, fondò fra l’altro la raccolta degli Autoritratti e gettò le basi del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi con oltre 11.000 preziosi acquisti. Uno degli ultimi grandi personaggi della famiglia… Omaggio dovuto a 4 secoli dalla nascita! I quadri più importanti sono rimasti nelle Gallerie ma un apposito percorso permette di riconoscerli.

Dal 26 settembre 2017 al 7 gennaio 2018 la Galleria degli Uffizi nell’Aula Magliabechiana ospita «Il Rinascimento Giapponese», mostra dedicata alla pittura giapponese tra l’epoca Muromachi e l’inizio dell’epoca Edo (XV – XVII secolo). Circa quaranta opere raffiguranti paesaggi o scorci naturali. Le pitture hanno il classico formato giapponese del grande paravento a più ante.

Al Museo Stibbert (Via Federigo Stibbert, 26) è stata prorogata la mostra «Robot fever: il samurai nell’era dei chogokin». Ingresso 8 euro.

Nella Galleria Poggiali (via della Scala, 35/A-29/A e via Benedetta 3r) mostra personale di Eliseo Mattiacci dal titolo Misurazioni a cura di Lorenzo Bruni. La prima personale dell’artista di Cagli a Firenze dopo quasi 40 anni da quella che si tenne nel 1980 alla Galleria di Vera Biondi, per osservare da un’angolazione inedita il percorso che Mattiacci ha sviluppato in più di 50 anni di lavoro; 28 opere tra disegni, acquarelli e istallazioni.

Nella galleria del Palazzo Coveri (Lungarno Guicciardini,19) dal 17 novembre al 21 dicembre 2017 è mostra di Giambaccio, corredata dal video di Ottavia Poli.

In occasione del Natale, a Villa La Quiete (Via di Boldrone, 2) viene allestito lo storico presepe. Aperture straordinarie con visite guidate gratuite, nel mese di dicembre, permettono di visitare la chiesa e il coro basso con il presepe importante  testimonianza artistica dell’attività scultorea di artigiani toscani della prima metà XVIII secolo. Calendario: venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 dicembre, sabato 16 e domenica 17 dicembre, sabato 23 e domenica 24 dicembre. Orario delle visite guidate: 14.30, 15.30 e 16.30. Le visite (45 minuti) sono gratuite con prenotazione obbligatoria. Informazioni e prenotazioni: 055 2756444 (da lunedì a venerdì 9-17 | sabato 9-13).

Il Museo Soffici e del ’900 italiano e il Comune di Poggio a Caiano, con il patrocinio della Regione Toscana, dal 7 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018 propongono alle Scuderie Medicee di di Poggio a Caiano «Soffici e Rosai. Realismo sintetico e colpi di realtà», una esposizione a cura di Luigi Cavallo e Giovanni Faccenda, con la collaborazione di Oretta Nicolini, Luigi Corsetti e un saggio in catalogo di Marco Moretti. Ventisei dipinti e dieci disegni per ogni autore, dagli anni ’10 al secondo dopoguerra, sono il corpus della mostra che pone i due grandi artisti in un ideale confronto di linguaggi figurativi: meditate e sintetiche le illuminazioni realistiche di Soffici; drammatica e aspra, con fiammate di poesia, la realtà di Rosai.

Presso il Museo Civico di Pistoia fino al 7 gennaio 2018 c’è la mostra Attorno all’opera: la Presentazione di Gesù al Tempio di Anton Domenico Gabbiani. Curata da Riccardo Spinelli e promossa e realizzata dal Comune di Pistoia/Museo Civico, l’esposizione è uno degli eventi più interessanti nel cartellone di iniziative ideate per Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017. la mostra dà conto dell’importanza della cultura tardo-barocca fiorentina e romana a Pistoia: tale “innesto” è rappresentato dalla chiesa dell’antico monastero benedettino, che costituisce ancora oggi uno dei più interessanti esempi di interno settecentesco organicamente concepito, decorato fra il 1709 e il 1719 con affreschi, stucchi, sculture, dipinti dei più insigni artefici fiorentini, raccomandati per questa impresa dal Gran Principe Ferdinando de’ Medici.

A Siena è aperta al pubblico fino al 21 gennaio 2018, la mostra sul celebre pittore senese Ambrogio Lorenzetti, allestita presso il complesso museale di Santa Maria della Scala, a Siena. Il contributo che Ambrogio diede alla città è ancora tangibile in diversi edifici , ma molte delle sue opere sono finite in importanti musei sparsi in giro per il mondo. La Mostra ne fa tornare o giungere una prima volta nella terra del loro artista diverse.

GALLUZZO (FI)

Da giovedì 7 a domenica 10 dicembre 2017 è aperto al pubblico presso lo studio del Galluzzo il progetto sonoro SSS – Suono Studio Savioli prodotto da Tempo Reale nell’ambito del programma di iniziative Leonardo SAVIOLI 100 – 1917/2017 L’eredità di un architetto toscano a un secolo dalla nascita. Il progetto, nato da un’idea di Andrea Aleardi e Fancesco Giomi, e realizzato dalla sound designer Agnese Banti, rilegge e reinterpreta gli spazi di uno dei luoghi chiave della vita professionale e personale dell’architetto toscano. La sonorizzazione, infatti, trae ispirazione dalla poetica savioliana attraverso scritti, lezioni e opere, nello specifico lo spazio del suo studio come architettura vivente.

SESTO FIORENTINO

Alla Biblioteca Civica Ernesto Ragionieri (Piazza della Biblioteca 4) domenica 10 alle 10.30 si esibiscono i Professori dell’Orchestra del Maggio Marco Salvatori, oboe, Boriana Nakeva, violino, Lia Previtali, viola, Sara Nanni, violoncello. Musiche di Mozart, Schubert, Britten. Ingresso libero.

In Piazza Vittorio Veneto da venerdì 8 a domenica 10 Art&Ciocc, festa del cioccolato.

CAMPI BISENZIO (FI)

La prosa, la musica e il canto: unire tre diverse forme espressive in un’unica rappresentazione, avvicinando i bambini al mondo del teatro è la caratteristica principale dello spettacolo Favole al telefono, tratto dalla raccolta omonima di Gianni Rodari, in scena venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 alle  16.30 al Teatrodante Carlo Monni (piazza Dante 23). Lo spettacolo, una produzione del teatro di Campi Bisenzio con Fondazione Scuola di Musica di Fiesole, ha la regia di Andrea Bruno Savelli, con musiche appositamente composte e suonate dal vivo dai musicisti della Fiesole Music Ensemble, scenografie interattive e costumi di Allegra Bernacchioni. Durata 60 minuti. Adulti 12, bambini fino ai 12 anni 8. Info: wwww.teatrodante.it 055 8940864.

VICCHIO (FI)

Teatro Comunale Giotto (piazzetta dei Buoni, 1 – Vicchio) Sabato 9 alle 21.15 Gli Omini presentano «La famiglia campione» di Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Giulia Zacchini e Luca Zacchini, con Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Luca Zacchini, produzione Gli Omini, residenza artistica Associazione Teatrale Pistoiese con il sostegno di Regione Toscana. La famiglia è larga. Larghissima. È un campione di famiglie. Una famiglia come tante. I nonni aspettano di morire, i genitori sono troppi, i figli continuano a girare a vuoto.

BARBERINO DI MUGELLO (FI)

Al Castello di Barberino (Via di Castello, 1, Barberino di Mugello) domenica 10 alle 11.30 Improvvisazione Klezmer coi professori dell’Orchestra del Maggio Igor Polesitsky, violino e viola, Riccardo Donati, contrabbasso, Riccardo Crocilla, clarinetto, Francesco Furlanich, fisarmonica (componenti della Klezmerata fiorentina: imperdibili). Ingresso libero.

MONTELUPO FIORENTINO

Alla Pieve di San Giovanni Evangelista (Via Baccio da Montelupo, 37, Montelupo Fiorentino) domenica 10 alle 21.15 si ascoltano le Variazioni Goldberg, BWV 988 di Johann Sebastian Bach nella versione per trio d’archi; eseguono i professori dell’Orchestra del Maggio Lorenzo Fuoco, violino, Jörg Winkler, viola e Patrizio Serino, violoncello. Ingresso libero.

FUCECCHIO (FI)

Alle ore 16 all’Ospedale San Pietro Igneo di Fucecchio si esibirà il trio formato dalle cantanti Vittoria Licostini e Luisa Berterame e dal pianista David Boldrini, con un programma incentrato su celebri arie d’opera. Concerto realizzato grazie alla collaborazione con il Centro di Formazione e Cultura Musicale di Sovigliana – CFCM. Ingresso libero.

LOPPIANO / FIGLINE VALDARNO (FI)

Venerdì 8 dicembre alle 16.30 Concerto di Natale della Scuola di Musica di Fiesole, a ingresso libero, presso l’Auditorium di Loppiano (Figline e Incisa Valdarno). La perfetta acustica della sala accoglierà due capolavori di Ludwig van Beethoven. Sotto la direzione di Edoardo Rosadini l’Orchestra Vincenzo Galilei e la Schola Cantorum Francesco Landini diretta da Fabio Lombardo eseguiranno la Fantasia Corale op. 80, con la partecipazione solistica della giovane pianista Federica Bortoluzzi e delle voci scelte tra le più promettenti della Scuola e del Conservatorio Cherubini di Firenze. A seguire la Messa in do maggiore op. 86.

Domenica 10 alle 16 all’Ospedale Serristori di Figline Valdarno, la Corale Alessandri terrà una esibizione itinerante tra i reparti della struttura ospedaliera. A seguire, si terrà il concerto del quartetto di fiati formato da Niccolò Innocenti al flauto, Franco Berti al clarinetto, Giorgio Ricci al corno, Umberto Codecá al fagotto. Il pomeriggio musicale è realizzato con la collaborazione della Scuola di Musica “Schumann” di Figline Valdarno. Ingresso libero.

PRATO

A Palazzo Pretorio lungo ponte di iniziative all’insegna dell’arte. Sabato 9 dicembre grazie all’iniziativa speciale Bello stare in famiglia che permette l’ingresso a soli 3 euro per adulto e offre l’audioguida 2×1 si visita quasi gratis la mostra mostra Legati da una Cintola.  Domenica 10 dalle 16 negli spazi della mostra concerti con gli allievi del liceo musicale Rodari di Prato;musiche di Telemann, Tarrega, Barrios, Boutros, Cardoso. Nei tre giorni del ponte, venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 alle 17, visite guidate di approfondimento alla mostra (4 euro + biglietto di ingresso). Prevendita tramite call center 0574 1934996 o direttamente in biglietteria fino a esaurimento posti. Il Museo è aperto tutti i giorni, martedì non festivo escluso, dalle 10.30 alle 18.30. La biglietteria chiude alle 18.

Per il Prato Festival in piazza del Comune venerdì 8 alle 17 incursioni pop gospel e spiritual dei ragazzi del The Gospel Fire Choir insieme ai bambini del Little Big Gospel Choir. Alle 21 Vinicio Capossela porta il suo «Ombre nell’inverno» al  Teatro Politeama (via Garibaldi 33). Biglietti circuito Box Office oppure alla cassa del Teatro.

Sabato 9 dicembre alle 21 al Teatro Fabbricone (Via Ferdinando Targetti, 10/12) va in scena In cerca di Simurgh, studio che parte da La conferenza degli uccelli di Farîd ad-Dîn ‘Attâr, poeta persiano del 1200. Una pièce frutto di due laboratori di tre mesi dei registi Riccardo Massai e Vania Pucci con stranieri ed extracomunitari di tutto il mondo condotti da Archètipo e Giallo Mare Minimal Teatro che firmano la coproduzione insieme al Teatro Metastasio di Prato. Il poema persiano narra come, per sottrarsi al caos e alla disperazione, alle guerre e all’odio che opprimono il mondo, l’Upupa raccolga gli uccelli e li guidi alla ricerca di un re perduto, Simurgh, che si dice abbia tutte le risposte e la cui dimora è protetta da sette misteriose valli, nelle quali gli uccelli dovranno affrontare insidie mortali: ma chi riuscirà a superarle otterrà una rivelazione inattesa. Biglietti: intero € 5, under 25/over 65 € 3.

Venerdì 8 e domenica 10 dicembre, ore 17 al Teatro Metastasio (Via Benedetto Cairoli, 59), la rassegna Met Ragazzi presenta Babayaga, la nuova produzione di Compagnia TPO e Teatro Metastasio ispirata al personaggio fiabesco della mitologia slava, in particolare russa, della mostruosa vecchietta orchessa che possiede oggetti incantati e è dotata di poteri magici. La storia è quella di una bambina che viene costretta a abbandonare la propria famiglia e a affrontare una sfida che non si può vincere da sola ma che, grazie al suo intuito, al suo coraggio e alla sua capacità di stringere amicizie con alcuni animali, riuscirà ad affrontare i pericoli e a arginare la cattiveria minacciosa e inquietante della malvagia orchessa. Ragazzi 6 euro, adulti 7 euro, info 0574 608531.

MONSUMMANO TERME (PT)

Si aprono venerdì 8 dicembre alle 17 le porte del Teatro Yves Montand di Monsummano Terme per un pomeriggio di festa per tutta la città con la presentazione della nuova stagione teatrale; alle 18 concerto a ingresso libero «Un mistero di sogni avverati, con Massimiliano Larocca e Riccardo Tesi, che ne ha curato la direzione artistica e gli arrangiamenti. Un intenso omaggio al grande poeta visionario di Marradi, Dino Campana – la cui tormentata vicenda biografica e la sua follia sono state spesso oggetto di film e spettacoli teatrali – con le canzoni tratte dal quinto album del fiorentino Larocca: in una operazione mai tentata prima in Italia, le liriche dei Canti Orfici si fanno musica, mantenendo assoluta fedeltà a parole e metrica. L’occasione sarà resa ancora più speciale dalla presenza in scena del live painting dell’artista volterrano Enrico Pantani, che ha illustrato e curato la grafica del disco. Al termine, brindisi a cura di Slow Food Valdinievole-Mercato della Terra di Montecatini Terme che accompagnerà con varie degustazioni di prodotti di eccellenza del territorio (Panificio Panpepato di Pescia e Azienda Agricola Borghini di Cerreto Guidi) anche gli altri appuntamenti della stagione serale. www.teatridipistoia.it

PISTOIA

Roland BöerSecondo appuntamento, sabato 9 alle 21 al Teatro Manzoni di Pistoia (tel. 0573 991609 – 27112), per la XIV Stagione Sinfonica della Fondazione Pistoiese Promusica (www.fondazionepromusica.it): in programma il «Messiah» composto nel 1741 da Georg Friedrich Händel. L’esecuzione è affidata all’Orchestra Leonore e all’Ars Cantica Choir (formazione fondata a Milano dal suo direttore Marco Berrini nel 1988 e il cui repertorio spazia dal Rinascimento ai giorni nostri); solisti il soprano Laure Barras, il contralto Dina König, il tenore Krystian Adam e il basso Sergio Foresti. A dirigere l’Orchestra Leonore per la prima volta, il tedesco Roland Böer, direttore artistico e musicale del Cantiere Internazionale d’arte di Montepulciano e reduce dai successi ottenuti al Teatro alla Scala di Milano con il Flauto Magico. Biglietti da 5 a 20 euro, in vendita anche su www.teatridipistoia.it e www.boxol.it

Sabato 9 alle 17 al Piccolo Teatro Mauro Bolognini (Via del Presto, 5) in versione da palcoscenico la produzione dell’Associazione Teatrale Pistoiese «La ferita della bellezza». Il testo di Luca Scarlini si sviluppa da un’idea di Massimo Grigò, attore che ha partecipato a molte produzioni targate ATP (da La vedova scaltra a Casa di bambola) e che ne è interprete assieme a Annibale Pavone, Maurizio Rippa, diretti da Giovanni Guerrieri. Al clavicembalo, Michiko Kato che, assieme a Rippa, farà rivivere le sonorità dell’epoca; le luci sono di Emiliano Pona. Un’occasione preziosa per riscoprire la figura del celebre cantante lirico castrato pistoiese Atto Melani (nato nel 1626 e morto a Parigi nel 1714), che fu uno dei protagonisti del Barocco europeo; indimenticata la sua interpretazione nelle vesti di Orfeo, nell’opera di Luigi Rossi, rappresentata con grande clamore nel marzo del 1647 al Palais Royal di Parigi. Introduzione di Umberto Pineschi. Ultima recita. I biglietti da 8,00 a 12,00 euro sono in vendita alla Biglietteria del Teatro Manzoni 0573 991609 – 27112 www.teatridipistoia.it

CECINA (LI

A Cecina (Livorno), domenica 10 alle ore 17 (Sala Riunioni dell’Ospedale di Cecina) si esibirà la violista Caterina Cioli, componente dell’ORT- Orchestra della Toscana,  con il programma Voces Intimae. A cura di A.Gi.Mus. Ingresso libero.

AREZZO

Domenica 10 alle ore 16.30 all’Ospedale San Donato, si svolgerà il concerto di Natale della Scuola di Musica le 7 Note, in collaborazione con Associazione Le 7 Note di Arezzo. Tutte le iniziative sono ad ingresso libero, a cura di A.Gi.Mus.

SIENA – GROSSETO

Sarà uno storico treno a vapore a percorrere, domenica 10, la rinnovata linea ferroviaria Siena – Grosseto, riaperta al traffico ferroviario a conclusione degli interventi di potenziamento infrastrutturale. A bordo anche l’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli, il direttore Direzione Territoriale Produzione Firenze di Rete Ferroviaria Italiana Efisio Murgia ed il direttore Direzione Regionale Toscana di Trenitalia Gianluca Scarpellini. Il ritrovo è fissato alla stazione di Siena alle ore 8.30. Il treno partirà alle 8,50 e proseguirà fino alla stazione di Monte Antico, nel Comune di Civitella Paganico, dove si svolgerà la cerimonia inaugurale. Il treno a vapore ripartirà dalla stazione di Monte Antico, dopo aver riempito la caldaia con nuova acqua, e proseguirà nel suo giro delle stazioni storiche senesi. Gli ospiti dell’evento inaugurale potranno tornare a Siena con un pullman messo a disposizione da Trenitalia.

Cinema, danza, Firenze, Musica, Teatro, Toscana, week end

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080