Il vino con 120 milioni di euro registra un balzo del 21%

Agroalimentare: l’export italiano in Cina aumentato del 18% nel 2017. Indagine Coldiretti

di Redazione - - Cronaca, Economia

ROMA – Nel 2017, l’export agroalimentare italiano in Cina segna una crescita del 18% e più di 460 milioni di euro in valore. 1,4 milioni di cinesi hanno visitato, lo scorso anno, l’Italia considerata un Paese più sicuro rispetto ad altre mete nel mondo oltre che una destinazione dove scoprire sia bellezze artistiche, ma anche un’enorme ricchezza agroalimentare forte di 292 tesori Dop e Igp, 523 vini Docg, Doc e Igt e 5.047 specialità alimentari tradizionali.  E’ la fotografia scattata dalla Coldiretti su dati Istat in occasione dell’apertura dell’Anno del Turismo EU-Cina.
L’anno del cibo italiano nel mondo, si apre con il 44% del nostro export agroalimentare in Cina rappresentato da prodotti di punta della dieta mediterranea. Come il vino con 120 milioni di euro registra un balzo del 21% delle vendite nel Paese asiatico; l’olio d’oliva con oltre 40 milioni di euro segna una crescita del 41%; i formaggi aumentano del 34% seppur con un valore ancora limitato di 17 milioni di euro anche a causa dei super dazi ridotti poi nell’ultimo trimestre dello scorso anno. E, infine, l’export di pasta italiana sale del 20% toccando i 23 milioni di euro.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.